20min/Vanessa Lam
GINEVRA
20.07.21 - 16:030
Aggiornamento : 20:43

Tragedia sfiorata all'aeroporto di Ginevra

Lo scorso 2 luglio un velivolo Easyjet e un jet privato hanno rischiato di scontrarsi sulla pista

Spetta ora al Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza fare luce sull'episodio

Fonte 20 Minuten / Patrick McEvily
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

GINEVRA - All'aeroporto di Ginevra è stata sfiorata una tragedia: con una frenata d'emergenza, un velivolo Easyjet ha infatti evitato la collisione con un jet privato. È successo la mattina dello scorso 2 luglio. Un Airbus 320, con 165 persone a bordo e operato dalla compagnia low cost, era pronto a decollare per la località spagnola di Malaga, quando è entrato in pista un Learjet portoghese con due passeggeri. La torre di controllo si è subito resa conto della situazione pericolosa e ha interrotto la partenza del volo Easyjet.

I precedenti - L'episodio è confermato dal Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza (SISI), che sul proprio sito web comunica di aver avviato un'indagine. Non è ancora possibile stabilire la causa che ha portato a sfiorare l'incidente, come fa sapere Florian Reitz del SISI interpellato da 20 Minutes. Tuttavia si constatano delle analogie con altri due episodi avvenuti sempre allo scalo ginevrino, nel 2004 e nel 2015. In quello più recente, un aereo in decollo aveva mancato di soli ventiquattro metri un jet privato che si trovava sulla pista. Mentre nel 2004 un pilota non aveva seguito le istruzioni della torre, che aveva chiesto di non utilizzare la pista. Allora tra i due velivoli c'erano 90 metri.

Nel frattempo l'aeroporto di Ginevra ha fatto sapere, oggi, di aver messo in atto le raccomandazioni di sicurezza che il SISI aveva formulato dopo i due precedenti episodi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Il vaccino sarà più caro
Le casse malati dovranno pagare 25 franchi a dose contro i 5 attuali. Per gli assicurati sarà comunque ancora gratuito.
SVIZZERA
1 ora
Un altro effetto del coronavirus: la rabbia
La pandemia ha reso molte persone più aggressive. A farne le spese è spesso chi lavora in campo medico o nei trasporti.
SVIZZERA
2 ore
Subaffitti: impedire gli abusi
Posti in consultazione tre progetti che riguardano le locazioni. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono.
SVIZZERA
3 ore
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
6 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
7 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
9 ore
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
9 ore
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
9 ore
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
SVIZZERA
17 ore
Senza tampone in aeroporto? Il rientro diventa un caos
Il caso di un manager che si è trovato bloccato in Germania: per prendere un volo per Zurigo ha sborsato 520 euro.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile