REUTERS
Non si terrà a Ginevra la manifestazione degli oppositori del presidente del Camerun Paul Biya.
GINEVRA
17.07.21 - 12:290

Vietata la manifestazione degli oppositori del presidente del Camerun

Un'analoga dimostrazione aveva dato luogo a disordini, un paio di anni fa

GINEVRA - Le autorità ginevrine hanno vietato una manifestazione di oppositori del presidente camerunese Paul Biya che avrebbe dovuto tenersi nel pomeriggio sulla Place des Nations. Il provvedimento è motivato con il pericolo di disordini, già avvenuti due anni or sono in una dimostrazione analoga.

La decisione è stata presa ieri mattina, ha indicato a Keystone-ATS un responsabile del dipartimento cantonale competente, confermando una notizia pubblicata da Le Temps. Gli organizzatori hanno presentato ricorso al tribunale amministrativo, che non ha però effetto sospensivo.

Biya ha 88 anni ed è presidente dal 6 novembre 1982: è quindi uno dei dirigenti del mondo al potere da più tempo. Soggiorna regolarmente all'Hotel Intercontinental di Ginevra, albergo di lusso famoso per aver ospitato i grandi del pianeta. Dopo che domenica si è diffusa la notizia del suo arrivo vi sono stati diversi piccoli raduni di oppositori, che hanno provocato l'intervento della polizia. Gli agenti hanno nel frattempo creato un perimetro di sicurezza intorno all'edificio e hanno consigliato ai residenti della zona di chiudere le finestre e di non muoversi all'esterno.

Una coalizione di dieci organizzazioni dell'opposizione, chiamata "Diaspora della resistenza camerunese", ha convocato una manifestazione, che in un primo tempo era stata autorizzata. Il collettivo chiede alla Svizzera di non permettere più al presidente Biya di entrare nel suo territorio e invita a bloccarne i beni. Il capo di stato è accusato di aver truccato le elezioni, di appropriazione indebita su vasta scala e di violazioni dei diritti umani, in particolare contro la minoranza di lingua inglese.

Due anni or sono, durante un precedente soggiorno del presidente camerunese, si sono verificati scontri fra sostenitori e oppositori di Biya. Sei membri delle forze di sicurezza del presidente sono stati condannati a una pena sospesa per aver maltrattato un giornalista RTS, derubandolo fra l'altro del materiale professionale in suo possesso, del portafogli e del cellulare.

A fine Ottocento colonia tedesca, il Camerun è uno stato dell'Africa equatoriale che ha ottenuto l'indipendenza dalla Francia il primo gennaio 1960. Grande circa dieci volte la Svizzera, ha una popolazione di circa 27 milioni di abitanti, per il 71% cristiani e per il 24% musulmani.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
NEUCHÂTEL
1 ora
Focolaio Covid in casa anziani, nonostante il vaccino
Su 31 residenti, 22 sono stati contagiati. E questo nonostante una copertura vaccinale del 91% fra gli ospiti.
CANTONE/ SVIZZERA
2 ore
Più sicurezza nelle gallerie (non soltanto nel San Gottardo)
A seguito dell'incidente del 24 ottobre 2001, è scattato un programma da 1,6 miliardi per rendere più sicuri i tunnel
SVIZZERA
5 ore
Sì a legge Covid-19 e cure infermieristiche, più incertezza sulla giustizia
È quanto emerge dal sondaggio svolto a inizio mese dalla SSR sui tre temi in votazione il 28 novembre.
FOTO
SOLETTA
14 ore
«Il ciclista non ha avuto nessuna possibilità di evitare l'impatto»
Il giovane che a bordo di una McLaren aveva gravemente ferito un 38enne è stato condannato a 44 mesi di prigione.
FOTO
GIURA
15 ore
In dogana con armi, munizioni e pure una moto d'epoca (non dichiarata)
Un francese di 59 anni è stato fermato (e multato) domenica 17 ottobre presso il valico di Bure.
VALLESE
16 ore
Il ticket per famiglie che non vale per le famiglie arcobaleno
L'esperienza di due papà dai Paesi Bassi agli impianti di risalita dell'Aletsch Arena, in Vallese
GINEVRA
18 ore
Donna uccisa a colpi di pistola
Il corpo è stato trovato questa mattina in un'abitazione di Vandoeuvres, nel Canton Ginevra. Marito in manette
SVIZZERA
19 ore
Certificato dei guariti, una strategia di Berna in vista del voto?
I guariti avranno più facilmente diritto al Covid-pass, e si inizia a parlare di una prossima revoca dell’obbligo.
FRIBORGO
21 ore
Scuola elementare vandalizzata da due 14enni
I danni superano i 100mila franchi. I due autori verranno denunciati al Tribunale dei minorenni.
SVIZZERA
21 ore
«Non è la vaccinazione a dividerci, è la pandemia»
Conferenza stampa con Alain Berset e Lukas Engelberger. Tra i temi trattati, la settimana nazionale di vaccinazione.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile