«Persino i cani avevano paura»
lettore 20 Minuten
+16
SVIZZERA
13.07.21 - 10:470
Aggiornamento : 14:33

«Persino i cani avevano paura»

Auto distrutte, alberi caduti, tegole volate vie. Ingenti i danni provocati dai nuovi temporali a nord delle Alpi

Disagi segnalati non solo da Zurigo. Diverse le segnalazioni dal Giura, Berna e dal canton Uri. Numerosi gli interventi nel canton Vaud. Vallese in stato d'allerta

ZURIGO - Nuovi forti temporali con piogge intense, grandinate e raffiche di vento si sono abbattuti la scorsa notte sul nord delle Alpi. Diverse allerte meteo sono state diramate da MeteoSvizzera. A Zurigo i danni sono ingenti.

La polizia e i pompieri sono ininterrottamente al lavoro, ha dichiarato stamattina un portavoce della polizia cantonale zurighese. In numerosi luoghi le cantine si sono allagate. Il vento, che ha oltrepassato i 100 km/h, ha fatto cadere alberi causando problemi al traffico.

Nella città di Zurigo, riferisce la polizia comunale, l'azienda dei trasporti pubblici ha sospeso parzialmente il servizio. Anche il traffico ferroviario nella regione è rimasto interrotto su alcune tratte. Diverse pure le strade bloccate. Il servizio di soccorso cittadino ha ricevuto oltre mille chiamate d'emergenza nella notte, ma non si registrano feriti.

Le regioni di Wallisellen (ZH), Kloten (ZH) e Birmensdorf (ZH) sono state particolarmente colpite. Stando a SRF Meteo, Waldegg (ZH) ha registrato 31,1 millimetri di pioggia in 10 minuti. Ad Affoltern (ZH) ne sono stati misurati 27,1 e a Opfikon (ZH) 25 millimetri.

Le testimonianze - «Non ho mai visto niente di simile da queste parti», racconta a 20 Minuten un uomo che vive a Zurigo da oltre 20 anni. Sua l'immagine di un lampione piegato su un albero a brodo strada.

«Tutto sul mio balcone è andato distrutto. Avevo tanti fiori, ora non c'è più nulla», spiega Lisa. Anche il suo cane è stato spaventato dal forte temporale.

«Possiedo due case ad Albisrieden, probabilmente sono stato fortunato», riferisce un altro testimone. «C'è una macchina lassù con un intero albero poggiato sopra», prosegue. Il quartiere è stato gravemente colpito dal temporale. Ci sono rami ovunque per terra, alcuni alberi sono caduti.

«Non ho mai vissuto una cosa del genere. Il temporale è riuscito ad allentare le tegole dai tetti», aggiunge una donna.

Maltempo anche a Berna e nel Giura - Il maltempo ha colpito anche il Giura e Berna, provocando disagi al traffico ferroviario e allagamenti. La linea ferroviaria tra Berna e Losanna ha subito danni tra la stazione di Thörishaus (BE) e quella di Flamatt (FR). Ritardi e soppressioni di treni sono da prevedere su questo tratto, hanno indicato le FFS.

Nel canton Giura, i pompieri hanno proceduto a quasi 80 operazioni di pompaggio dell'acqua, ha indicato oggi la polizia cantonale. Anche in questo caso, alcune strade hanno dovuto essere chiuse al traffico, ma non si deplora alcun ferito. Visto che le precipitazioni continueranno nella giornata di oggi, un campeggio a Goumois (JU) è stato sfollato a causa del rischio di straripamento del fiume Doubs. Stando a SRF Meteo, sono caduti 27 millimetri di pioggia in un'ora a Saignelégier (JU).

Nel canton Berna, i temporali sono stati accompagnati localmente da grandine. Nella regione di Schwarzerburg (BE), i chicchi hanno raggiunto i 3-4 centimetri di diametro.

Linea ferroviaria chiusa: pericolo inondazione - Nella valle di Orsera, nel cantone di Uri, i treni sono fermi e la strada cantonale è chiusa. Il traffico ferroviario è stato sospeso a titolo precauzionale tra Andermatt e Realp questa mattina a causa del rischio di inondazioni. Nel corso della mattinata si è verificata una frana tra Hospental e Realp.

A causa dello smottamento la strada rimarrà chiusa fino a nuovo avviso, ha comunicato Alert Swiss, l'applicazione dell'Ufficio federale della protezione della popolazione. A causa delle forti precipitazioni, il livello di pericolo 4 ("pericolo forte") si applica all'Oberland urano.

A causa dell'alto livello del fiume Reuss, il traffico ferroviario tra Andermatt e Realp (UR) è stato sospeso e sono stati messi in servizio autobus sostitutivi. Per rischio di inondazioni, sono bloccati anche i treni navetta del Furka per il trasporto delle auto tra Realp e Oberwald (VS). Anche diverse funivie della Svizzera centrale non funzionano a causa del maltempo. La Rotenfluebahn e la funivia da Trübsee a Titlis (OW), per esempio, hanno sospeso l'esercizio a causa del forte vento.

Numerosi interventi nel cantone di Vaud - Griglie di fognature sollevate dall'acqua, piccole frane e alberi caduti sulla strada: sono alcuni dei problemi causati dal maltempo in alcune regioni del cantone di Vaud da ieri sera e per i quali la polizia è dovuta intervenire. Una decina di operazioni erano ancora in corso questa mattina, mentre la pioggia continua a cadere. Non vi sono tuttavia feriti.

«Numerose segnalazioni ci sono giunte dalla regione dello Chablais vodese, dalla Riviera e dal Pays d'Enhaut», ha detto oggi a Keystone-ATS Florence Frei, portavoce della polizia vodese. Nella notte, un torrente ha rotto gli argini tra Les Avants e Montreux, portando pietre e fango sulla strada.

La polizia raccomanda alla popolazione di evitare di avvicinarsi ai corsi d'acqua in particolare la zona lungo il Rodano.

Vallese in stato di allerta - Dopo le intense piogge della scorsa notte le nuove precipitazioni previste «potrebbero provocare frane e esondazioni lungo il Rodano come anche nelle valli laterali».

L'organo cantonale di condotta ha emesso questa mattina un'allerta maltempo rivolta agli Stati maggiori comunali e regionali di condotta per il Rodano e per i corsi d'acqua laterali, ha comunicato oggi la polizia vallesana. La piogge è soprattutto attesa nell'Alto Vallese, nelle valli laterali della riva sinistra del Rodano e nella regione dello Chablais, viene precisato.

L'evoluzione della situazione viene analizzata costantemente. Si consiglia alla popolazione di evitare la vicinanza dei corsi d'acqua e di seguire le istruzioni delle autorità.

 


 
 

lettore 20 Minuten
Guarda tutte le 20 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
CONFINE
1 ora
Vaccinati o no? Al via i controlli al confine
Chi valica la frontiera in entrata, da oggi dovrà essere in possesso di "pass", e compilare un modulo
SVIZZERA
2 ore
«I vaccinati dovrebbero togliere la mascherina»
Secondo il primario Andreas Widmer ora c'è il rischio che gli ospedali si riempiano a causa dei malati di influenza.
SVIZZERA
2 ore
Un "Rendez-Vous" su Bundesplatz
Dal 16 ottobre al 20 novembre la facciata tornerà a illuminarsi per combattere il cambiamento climatico.
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
11 ore
Tra lo smartphone e una maxi grattugia, i ticinesi del Flugtag
L'evento Red Bull ha avuto luogo oggi a Losanna. Quaranta i gruppi che hanno partecipato, nessuno ha raggiunto il record
SAN GALLO
16 ore
Il malore, lo schianto e la morte sull'A3
È morto sul posto il 78enne belga protagonista dell'incidente avvenuto nel pomeriggio a Berschis.
SONDAGGIO
SVIZZERA
19 ore
I non vaccinati in attesa di Johnson & Johnson
La Confederazione sta negoziando l'acquisto di dosi. Nel frattempo cittadini impazienti contattano Swissmedic
SOLETTA
20 ore
Auto senza targa sull'A1, la polizia la insegue senza successo
Il veicolo, rubato a Zurigo, è stato successivamente ritrovato in un parcheggio a Derendingen.
SCIAFFUSA
21 ore
«Nulla a che fare con l'incidente a Paradies»
I sommozzatori della polizia erano impegnati nella ricerca dei due nuotatori scomparsi, quando hanno rinvenuto un corpo.
SVIZZERA
22 ore
In limousine dall'amante
Il Ministro nell'occhio del ciclone per aver utilizzato l'automobile di rappresentanza per un viaggio privato.
ZURIGO
22 ore
Un uomo trovato morto per strada
Le forze dell'ordine zurighesi presumono si tratti di omicidio e cercano testimoni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile