20 Minuten / RC
Il luogo dove avvenne il violento pestaggio.
BERNA
09.07.21 - 12:150
Aggiornamento : 13:36

Ventidue motociclisti a processo

A oltre due anni dai fatti, la procura Bernese ha chiuso l'indagine sulla rissa scoppiata a Belp.

Nella violenta zuffa rimasero ferite gravemente tre persone. Per questo due imputati dovranno rispondere di tentato omicidio e lesioni gravi.

BERNA - A oltre due anni dai fatti, la procura Bernese ha chiuso l'indagine sulla rissa scoppiata a Belp (BE) tra membri di bande di motociclistici rivali: gli imputati sono 22, due dei quali accusati anche di tentato omicidio o lesioni gravi, indicano in una nota odierna congiunta la polizia cantonale e il Ministero pubblico di Berna-Mittelland.

Tutti e 22 sono accusati di aver preso parte alla violenta zuffa e pertanto, in base al principio dell'unità procedurale, sarà emesso un atto d'accusa congiunto per rissa, spiega la fonte.

Per due di loro l'imputazione è anche di tentato omicidio o eventualmente di lesioni gravi. Uno, ora 37enne, è accusato di aver usato un'arma da fuoco nel corso dello scontro, ferendo gravemente un uomo. Dall'ottobre del 2020 sta scontando anticipatamente la pena.

Nella mischia dell'11 maggio del 2019 a Belp (BE) diverse persone erano rimaste ferite, tre delle quali in modo grave. La polizia aveva sequestrato varie armi e arrestato 34 persone. Per una decina di loro il dossier è stato archiviato poiché il sospetto di partecipazione alla rissa non ha potuto essere sufficientemente comprovato.

La violenta baruffa è nata perché i il gruppo dei Bandidos, fino ad allora non rappresentati ufficialmente in Svizzera, voleva aprire un club a Belp; il primo in Svizzera, ha detto all'agenzia di stampa Keystone-ATS il responsabile dell'informazione della procura bernese, Christof Scheurer. Altri due club di motociclisti, gli Hells Angels e i Broncos, sono venuti a conoscenza di queste intenzioni. E per loro, la prevista apertura del locale rappresentava una provocazione, ha spiegato Scheurer. Così come il fatto che ostentassero l'abbigliamento con la scritta Bandidos.

Gli Hells Angels e i Broncos hanno quindi deciso di effettuare un «tentativo d'intimidazione senza preavviso» quando i Bandidos erano riuniti nel villaggio alla periferia di Berna per una festa di compleanno un sabato sera del maggio del 2019. Ma i Bandidos sono venuti a conoscenza dei piani delle bande rivali e si sono armati.

Christof Scheurer ha detto che i due accusati di tentato omicidio o lesioni personali gravi appartengono allo stesso club, ma non ha precisato quale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Couchepin: «Bisogna ignorare le provocazioni di Maurer»
Secondo l'ex consigliere federale, il ministro fa «il solito gioco dell'UDC»
GRIGIONI
1 ora
Incidente a Laax: due giovani morti e un ferito grave
Il conducente del mezzo ha perso il controllo finendo fuori strada e contro un muro
FOTO
ZURIGO
2 ore
Fanno esplodere un bancomat, ma fuggono a mani vuote
I soliti ignoti hanno preso di mira un apparecchio di Hüntwangen, nel Canton Zurigo
ZURIGO
3 ore
I contrari alla misure Covid manifestano a Winterthur
A centinaia hanno protestato contro la presunta censura e la «dittatura delle vaccinazioni».
ZURIGO / LUCERNA
4 ore
«Mi ha urlato che come gay dovrei essere gassato»
A pochi giorni dal voto sul “Matrimonio per tutti”, gli attacchi contro la comunità LGBTIQ si sono quintuplicati.
ZURIGO
5 ore
Anti-abortisti in strada tra favorevoli e contrari
La manifestazione è stata approvata dopo che il Municipio si era sostanzialmente opposto per evitare scontri.
VAUD
6 ore
Muore alla guida di una bitumatrice
L'uomo, un operaio francese 46enne, è precipitato in una scarpata per una ventina di metri.
FOTO
SOLETTA
7 ore
Con l'autoarticolato nella colonna delle auto, sei i feriti
È accaduto ieri pomeriggio sull'autostrada A5, vicino Luterbach.
BERNA
9 ore
"Freiheitstrychler" prendono le distanze dalle violenze
«I provocatori sono individui isolati che non appartengono al movimento» hanno dichiarato in una nota
TURGOVIA
10 ore
Caos in sala parto per test e mascherina, interviene la polizia
La polizia è intervenuta sul posto durante la nascita a causa di parenti che avrebbero «ignorato i regolamenti».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile