Immobili
Veicoli
20 Minuten / RC
Il luogo dove avvenne il violento pestaggio.
BERNA
09.07.21 - 12:150
Aggiornamento : 13:36

Ventidue motociclisti a processo

A oltre due anni dai fatti, la procura Bernese ha chiuso l'indagine sulla rissa scoppiata a Belp.

Nella violenta zuffa rimasero ferite gravemente tre persone. Per questo due imputati dovranno rispondere di tentato omicidio e lesioni gravi.

BERNA - A oltre due anni dai fatti, la procura Bernese ha chiuso l'indagine sulla rissa scoppiata a Belp (BE) tra membri di bande di motociclistici rivali: gli imputati sono 22, due dei quali accusati anche di tentato omicidio o lesioni gravi, indicano in una nota odierna congiunta la polizia cantonale e il Ministero pubblico di Berna-Mittelland.

Tutti e 22 sono accusati di aver preso parte alla violenta zuffa e pertanto, in base al principio dell'unità procedurale, sarà emesso un atto d'accusa congiunto per rissa, spiega la fonte.

Per due di loro l'imputazione è anche di tentato omicidio o eventualmente di lesioni gravi. Uno, ora 37enne, è accusato di aver usato un'arma da fuoco nel corso dello scontro, ferendo gravemente un uomo. Dall'ottobre del 2020 sta scontando anticipatamente la pena.

Nella mischia dell'11 maggio del 2019 a Belp (BE) diverse persone erano rimaste ferite, tre delle quali in modo grave. La polizia aveva sequestrato varie armi e arrestato 34 persone. Per una decina di loro il dossier è stato archiviato poiché il sospetto di partecipazione alla rissa non ha potuto essere sufficientemente comprovato.

La violenta baruffa è nata perché i il gruppo dei Bandidos, fino ad allora non rappresentati ufficialmente in Svizzera, voleva aprire un club a Belp; il primo in Svizzera, ha detto all'agenzia di stampa Keystone-ATS il responsabile dell'informazione della procura bernese, Christof Scheurer. Altri due club di motociclisti, gli Hells Angels e i Broncos, sono venuti a conoscenza di queste intenzioni. E per loro, la prevista apertura del locale rappresentava una provocazione, ha spiegato Scheurer. Così come il fatto che ostentassero l'abbigliamento con la scritta Bandidos.

Gli Hells Angels e i Broncos hanno quindi deciso di effettuare un «tentativo d'intimidazione senza preavviso» quando i Bandidos erano riuniti nel villaggio alla periferia di Berna per una festa di compleanno un sabato sera del maggio del 2019. Ma i Bandidos sono venuti a conoscenza dei piani delle bande rivali e si sono armati.

Christof Scheurer ha detto che i due accusati di tentato omicidio o lesioni personali gravi appartengono allo stesso club, ma non ha precisato quale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FRANCIA / SVIZZERA
5 ore
«Complice di crimini contro l'umanità». Socia di Holcim sotto accusa
Avrebbe versato diversi milioni nelle casse dello Stato Islamico e ad altre organizzazioni per un impianto di cemento
SVIZZERA
9 ore
Superata la soglia dei 50'000 profughi ucraini in Svizzera
Continua incessante l'esodo di persone in fuga dalla guerra. La SEM: «401 iscrizioni nelle ultime 24 ore».
SVIZZERA
13 ore
Black-out di guerra: ecco il piano
Interruzioni prolungate dell'elettricità avrebbero «conseguenze devastanti» sulla Svizzera. Il governo vuole prevenirle
SVIZZERA
14 ore
Acquisto F-35, Berna non perde tempo (e non aspetta il voto)
Il Consiglio federale, preoccupato del «deterioramento della situazione in materia di sicurezza», corre ai ripari.
FRIBURGO
16 ore
Certificati Covid: chi li regalava, chi li vendeva, chi se li teneva
Le persone interpellate lavoravano tutte al centro di depistaggio di Granges-Paccot.
SVIZZERA
17 ore
«Sorrisi e stereotipi per spingere gli svizzeri a mangiare carne»
L'associazione ambientalista Greenpeace denuncia «le tattiche pubblicitarie sporche» dell'industria della carne
BASILEA CAMPAGNA
17 ore
Trovato un pollice mozzato
Il dito è stato rinvenuto nel retro di un condominio con annesso ristorante. La sua provenienza è tuttavia ignota.
SVIZZERA
18 ore
«Va migliorata la comunicazione in tempo di crisi»
È una delle raccomandazioni del Consiglio svizzero della scienza che ha analizzato la gestione della pandemia
SVIZZERA
18 ore
Stato sociale? Aiuto allo sviluppo? «No, tocca all'esercito»
Per il consigliere agli Stati Werner Salzmann (UDC) l'esercito ha perso capacità negli ultimi anni.
BERNA
1 gior
Cassis tratta «gli scagnozzi di Putin» con i guanti?
La Svizzera non ha comunicato l'espulsione di alcun diplomatico russo. Ciò non vuol dire che siano ancora tutti qui
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile