20min/Simon Glauser
I danni a Cressier (NE).
SVIZZERA
25.06.21 - 15:590

Danni per oltre 260 milioni di franchi a causa del maltempo

Si tratta della prima stima delle compagnie assicurative. Segnalate soprattutto ammaccature da grandine

BERNA - I violenti nubifragi che si sono abbattuti su alcune regioni della Svizzera dallo scorso fine settimana hanno provocato danni per almeno 260 milioni di franchi. Le segnalazioni giunte alle compagnie assicurative sono diverse migliaia, molte più degli scorsi anni.

La parte del leone, secondo un'indagine condotta dall'agenzia Keystone-ATS, la fanno i danni ai veicoli - ammaccature da grandine o vetture trascinate dalle acque in piena - e quelli agli edifici. Tutti gli assicuratori interpellati hanno concordato che è assai insolito che vi siano danni da maltempo in così tanti giorni consecutivi.

Secondo le prime stime La Mobiliare - alla quale sono giunti oltre 10'000 annunci di sinistro - si aspetta perdite complessive di circa 100 milioni di franchi, ma la cifra potrebbe anche ben presto raddoppiare. Si tratta, ha indicato la compagnia, di un'entità dei danni eccezionalmente alta, che non si avvicina però ancora all'annata record 2005, quando la sola Mobiliare aveva versato fino a 500 milioni di franchi.

Dal canto suo Allianz Suisse si aspetta circa 10'000 richieste di risarcimento, per un totale complessivo di 32 milioni di franchi di danni, 26 dei quali nella Svizzera occidentale, particolarmente colpita dal maltempo. Per l'assicuratore i nubifragi di questa settimana sono sicuramente i più gravi dal 2013.

Axa calcola che fino a mercoledì compreso i casi segnalati siano circa 16'500, la maggior parte dei quali riguardanti danni da grandine alle automobili o danni alla mobilia domestica e agli edifici nei cantoni che non hanno un'assicurazione cantonale degli edifici. Secondo la compagnia assicurativa, le richieste di risarcimento dovrebbero raggiungere entro la fine della settimana i 65 milioni di franchi.

Generali infine, ha finora ricevuto 1'500 segnalazioni di sinistro, per un danno complessivo di circa 6 milioni di franchi. Cifre che potrebbero però aumentare ulteriormente nei prossimi giorni se la furia degli elementi tornasse a scatenarsi.

L'assicurazione Grandine Svizzera, che si occupa in particolare dell'agricoltura, si aspetta dal canto suo oltre mille segnalazioni supplementari dopo le tempeste degli scorsi tre giorni. I risarcimenti ammonteranno circa a 6 milioni di franchi. In totale, l'assicuratore prevede che dal 18 giugno saranno presentate più di 3'500 notifiche di danni, con pagamenti di compensazione per le colture assicurate che ammontano a circa 24 milioni.

L'ultima grandinata tra martedì e giovedì ha causato «danni significativi alle colture agricole», soprattutto nei cantoni di Vaud, Giura, Berna, Soletta e Argovia. Sono stati colpiti centri di giardinaggio, prati, coltivazioni di tabacco, frutta, bacche e vigneti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
10 min
Gli esperti: «Nuvole nere in vista»
Continua l'offensiva di vaccinazione volta a convincere gli indecisi, ma già si parla di terza dose.
SVIZZERA
32 min
Positivi in forte aumento, decessi e ricoveri in calo
Stando all'aggiornamento dell'UFSP, sono due i nuovi decessi avvenuti a causa di un decorso infelice della malattia.
SVIZZERA
56 min
In Svizzera si scierà senza certificato Covid
Lo ha deciso l'associazione di categoria degli impianti. Sulle funivie sarà invece obbligatoria la mascherina
SVIZZERA
2 ore
Berna autorizza una manifestazione contro il certificato Covid
I promotori si sono impegnati a rispettare un piano di sicurezza. E sconsigliano di prendere parte a proteste abusive
SVIZZERA
2 ore
I ghiacciai perdono ancora terreno, nonostante la neve e l'estate fresca
Nel 2021 hanno perso l'1% del loro volume, come rilevato dall'Accademia svizzera di scienze naturali
SVIZZERA
3 ore
Altre cinque aziende si impegnano per il clima
PostFinance, Autopostale, SSR, Flughafen Zürich e RUAG hanno aderito all'iniziativa energia e clima esemplare
SVIZZERA
5 ore
La paura del black-out riaccende il dibattito sul nucleare
L'esperto: «L'approvvigionamento elettrico deve avere la massima priorità». E le fonti rinnovabili non bastano
SVIZZERA
6 ore
La terza dose è sempre più vicina
Swissmedic dovrebbe approvarla entro la fine di ottobre. Rudolf Hauri: «Meglio non aspettare troppo».
FOTO
SAN GALLO
15 ore
«Uccidere la propria figlia, come si può arrivare a questo?»
È un quartiere sotto choc quello che questo pomeriggio ha appreso del delitto compiuto da un padre di 54 anni.
VAUD / FRANCIA
15 ore
Uccise una prostituta, ora ha deciso di ricorrere
L'uomo era stato condannato a 30 anni di prigione per il brutale omicidio di una giovane rumena a Sullens.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile