Deposit (immagine illustrativa)
BERNA
21.06.21 - 10:500

A processo il turco che investì un corteo di curdi

I fatti avvennero nel 2015 a Berna: l'automobile dell'uomo fu accerchiata da diversi manifestanti. Sette rimasero feriti

L'imputato, non presente in aula per motivi medici, è accusato di tentato omicidio e lesioni gravi, anche se non è esclusa la legittima difesa.

BERNA - Si è aperto oggi davanti al tribunale di Berna-Mittelland il processo nei confronti di un turco che nel 2015, a margine di una manifestazione con scontri, investì con un'auto dei curdi, ferendone sette. L'uomo, un 46enne che vive nella regione di Zurigo, non è presente in aula per ragioni mediche. È accusato di tentato omicidio e lesioni intenzionali gravi, anche se non viene escluso che abbia agito anche per legittima difesa.

I fatti erano avvenuti il 12 settembre nei pressi della Helvetiaplatz, a Berna, nell'ambito di una manifestazione di turchi contro il terrorismo, autorizzata, e di una contro-dimostrazione curda che non lo era. Erano scoppiati degli scontri che avevano provocato complessivamente 25 feriti.

Due vetture, con a bordo dei turchi, erano state attaccate da un gruppo di curdi. Alla guida di un'auto c'era l'uomo alla sbarra oggi, che aveva riportato ferite alla testa. Dopo essersi allontanato, era tornato alla carica con l'automobile investendo dei curdi. Le immagini erano state diffuse sui social, scatenando reazioni indignate.

Il verdetto è atteso per il 28 giugno.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
41 min
«Volevano uccidermi perché non ho messo una canzone»
Tredici giovani ne hanno aggredito un altro per futili motivi durante la festa del digiuno ginevrino.
SVIZZERA
41 min
La fine della pandemia? «La prossima primavera»
Gli esperti si dicono d'accordo sul fatto che la stagione invernale sarà difficile. Dipende tutto dalle vaccinazioni
SVIZZERA
7 ore
Ingresso in Svizzera solo con test (o certificato)?
Ecco cosa potrebbe decidere il Consiglio federale nella sua seduta di domani
SVIZZERA
8 ore
Aumentano i vaccinati "riluttanti"
Nei Cantoni rurali il tasso di vaccinazione è più basso. Ma sembra che l'obbligo del pass nei bar stia cambiando le cose
BERNA
9 ore
No Pass: migliaia in piazza a Berna e Bienne
Ancora manifestazioni questa sera contro le nuove misure introdotte dal Consiglio Federale
SVIZZERA
13 ore
La terza dose sotto la lente di Swissmedic
L'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici sta valutando i dati clinici, «in termini di sicurezza ed efficacia»
ARGOVIA
14 ore
La 26enne ha ucciso il fratello, poi si è tolta la vita
La Polizia cantonale ha fornito nuovi dettagli sui due corpi trovati martedì mattina a Frick.
SVIZZERA
15 ore
Siamo il paese più caro d'Europa
Il nostro costo della vita è del 51% superiore a quello della Germania.
SVIZZERA
16 ore
I test potrebbero rimanere gratuiti
Il maggior partito svizzero lancia una mozione volta a mantenere il costo dei test a carico dello Stato.
SVIZZERA
16 ore
Nessun decesso nelle ultime ventiquattro ore
Altre 61 persone hanno dovuto ricorrere a un ricovero. Le cure intense accolgono ora il 30,9% di pazienti Covid
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile