Keystone
SVIZZERA
14.06.21 - 20:000

In migliaia in strada per lo sciopero delle donne

Ampia la partecipazione a cui si è assistito oggi nelle principali città svizzere, ed anche nel nostro Ticino.

Focus della protesta la parità salariale ancora lontana e la violenza sulle donne.

BERNA - Si manifesta su larga scala nelle strade svizzere. Sono infatti state diverse migliaia le persone che stasera hanno partecipato a manifestazioni e cortei indetti in varie città nell'ambito del cosiddetto sciopero delle donne, un'iniziativa nazionale volta a sostenere le rivendicazioni femminili.

In tutto il Paese - I raduni, svoltisi a partire dalle 18 in modo decentralizzato, tenuto conto anche della situazione pandemica, e favoriti da una meteo estiva, hanno visto scendere in piazza 4'000 persone a Basilea, oltre 1'000 a Berna e a Lucerna, diverse migliaia a Ginevra, 800 a Bienne, 100 a Losanna e alcune centinaia a Zurigo. Un corteo è stato organizzato anche a Bellinzona.

Lotta contro il patriarcato - Le dimostranti hanno scandito slogan e hanno mostrato striscioni che facevano riferimento alle principali richieste del movimento: salari più elevati e parificati a quelli degli uomini, pensioni migliori, rispetto dell'integrità della persona. Molti i riferimenti al cosiddetto patriarcato, inteso come un'organizzazione della società in cui i maschi avrebbero la preminenza.

Uomini indietro - Oggi era però la giornata delle donne e a compagni e mariti è stato affidato un ruolo di secondo piano. Ad esempio a Berna agli uomini che volevano partecipare è stato chiesto di sfilare nelle ultime file del corteo, oppure di mostrare la loro solidarietà al di fuori dell'evento stesso, per esempio svolgendo i lavori domestici o occupandosi della prole.

Un principio sancito quarant'anni fa - Le dimostrazioni hanno concluso una giornata di mobilitazione caratterizzata anche da appuntamenti più piccoli quali pic-nic femministi, seminari, letture collettive e azioni di vario tipo. La data non è stata scelta a caso: 40 anni or sono, il 14 giugno del 1981, il popolo e i cantoni accettarono infatti di ancorare nella Costituzione il principio della parità fra i sessi. Esattamente 10 anni dopo, nel 1991, si svolse il primo sciopero delle donne. Secondo gli storici ebbe grande impatto. Una seconda agitazione dello stesso tipo si era verificata due anni or sono, il 14 giugno 2019.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GIURA
46 min
Il Canton Giura chiede l'aiuto dell'esercito
Obiettivo: aumentare le capacità in vista della somministrazione del booster. C'è infatti carenza di personale formato.
SVIZZERA
1 ora
Misure già rafforzate in diversi cantoni
Basilea (Città e Campagna), Soletta, Zugo e Svitto hanno reso obbligatorie le mascherine nei luoghi pubblici.
SVIZZERA
2 ore
Covid Pass anche per incontri privati con più di dieci persone
La proposta del Governo: Covid pass anche nel privato, mascherina al chiuso, e test rapidi validi solo 24 ore.
SVIZZERA/GERMANIA
2 ore
La Svizzera apre ai pazienti tedeschi
Il Baden-Württemberg potrebbe trasferire malati di Covid nel nostro paese. «Situazione drammatica»
SVIZZERA
4 ore
«Il medico non è obbligato a procurarsi il dossier di un paziente»
Il Tribunale federale ha confermato l'assoluzione di un praticante processato per la morte di una paziente
SVIZZERA
5 ore
«La quarantena non ha senso, puntiamo sui test»
Con la diffusione della variante Omicron, in Svizzera sono scattate norme d'ingresso più severe per 23 paesi
SVIZZERA
5 ore
Oltre ottomila casi in Svizzera, 138 i nuovi ricoveri
Si aggrava la situazione ospedaliera: i pazienti Covid occupano ora il 26,5% degli spazi di terapia intensiva.
SVITTO
10 ore
Voci dal villaggio dei super no-vax
«Non bisogna dettare agli altri quello che devono fare», spiega la residente Nicole Bertschart.
VALLESE
10 ore
«La quarantena è un'esagerazione»
Il consigliere di Stato vallesano Christophe Darbellay critica le attuali norme d'ingresso introdotte contro la variante
SVIZZERA
10 ore
I Verdi puntano al Consiglio federale, anche attaccando il seggio PS
Dipende tutto dai risultati delle elezioni federali 2023, come afferma il presidente Balthasar Glättli
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile