Polizia canton Lucerna (archivio)
L'esterno dell'edificio che ospita l'amministrazione comunale di Wolhusen.
LUCERNA
09.06.21 - 00:000

Tre anni e sei mesi di carcere per un piromane recidivo

L'imputato è stato ritenuto colpevole di undici incendi dolosi, tra cui quello all'amministrazione comunale di Wolhusen.

Secondo il Tribunale penale di Lucerna, l'uomo ha agito per «frustrazione» e «motivi xenofobi» contro i servizi d'assistenza sociale che gli avevano ridotto gli aiuti.

LUCERNA - Un 44enne svizzero è stato condannato dal tribunale penale del canton Lucerna a tre anni e sei mesi di prigione per una serie d'incendi dolosi. Aveva in particolare appiccato il fuoco all'edificio che ospita l'amministrazione comunale di Wolhusen (LU).

L'imputato ha agito per «frustrazione» e anche per motivi «xenofobi», stando alla sentenza pubblicata oggi. Era in conflitto con i servizi dell'assistenza sociale che gli avevano ridotto l'aiuto finanziario di cui beneficiava da anni.

L'imputato è stato riconosciuto colpevole d'incendio doloso in undici casi, nonché di tentato incendio doloso, danneggiamento e infrazione alla legge federale sugli stupefacenti. I fatti si sono verificati tra il mese di ottobre 2018 e febbraio 2019.

Prigione e pena pecuniaria - Oltre che a tre anni e mezzo di reclusione, l'imputato è stato condannato a una pena pecuniaria di 180 aliquote giornaliere di 30 franchi (5'400 franchi). Gli è stata pure inflitta una multa di 200 franchi. Il procuratore aveva chiesto una condanna di tre anni e sei mesi di prigione, mentre la difesa aveva domandato una pena di 16 mesi di reclusione con la condizionale. La sentenza non è ancora passata in giudicato.

Nell'ottobre 2018, due incendi erano scoppiati nello spazio di alcuni giorni nei pressi dell'amministrazione comunale di Wolhusen, poi un terzo all'interno dell'edificio. L'imputato ha ammesso di aver versato della benzina vicino all'ingresso dell'amministrazione comunale prima di appiccare il fuoco. Le fiamme si sono quindi propagate all'interno dell'edificio e hanno provocato danni materiali stimati in 30'000 franchi.

Gomme bucate - Nel febbraio 2019, l'imputato ha bucato una decina di volte le gomme dell'auto del responsabile dell'assistenza sociale. Ha anche dato fuoco alla casa dei suoi vicini. In quest'ultimo caso, il peggio ha potuto essere evitato grazie a un uomo che consegna i giornali a domicilio il quale ha rapidamente dato l'allarme.

Per il tribunale, l'imputato non è un piromane patologico. Non ha quindi ordinato alcuna misura particolare. Il 44enne non ha più commesso reati dal febbraio 2019. Ha nel frattempo seguito una terapia di disintossicazione e trovato un lavoro.

Polizia canton Lucerna (archivio)
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
La chiusura delle palestre «ha danneggiato la salute dei clienti»
Non solo fisicamente, ma anche psicologicamente, secondo la federazione svizzera del settore
BASILEA
2 ore
Lite, spunta un coltello: grave un 48enne
L'aggressore è riuscito a far perdere le sue tracce
ZURIGO
4 ore
Ci sono più certificati che vaccinati e guariti messi assieme
Secondo l'Ufsp non si tratta di falsi. Ciò è possibile per quattro ragioni differenti.
ZURIGO
4 ore
Proprietario di agenzia di modelli condannato per molestie
La condanna è di tre anni, di cui uno da scontare. L'imputato sostiene che molte dichiarazioni siano false
SVIZZERA
6 ore
Lo Stato raccomanda il telelavoro, i capi impongono il ritorno in ufficio
Sono diversi i dipendenti che si interrogano sui vincoli dettati dai loro datori di lavoro.
TURGOVIA
6 ore
Mezzo pesante e bicicletta si scontrano: morto un 72enne
L'incidente è avvenuto nel pomeriggio a Kreuzlingen, la polizia cerca testimoni
ZURIGO
8 ore
Filmava bambini nudi, condannato
Ha effettuato le riprese in una struttura balneare per naturisti: un 57enne dovrà scontare 26 mesi di prigione
SVIZZERA
9 ore
A Berna nessuna manifestazione contro le misure anti-Covid
Era prevista per domani ma i promotori delle proteste e la città di Berna non hanno trovato un accordo.
BASILEA
11 ore
Fiocco rosa allo Zoo di Basilea: è nata Safiya
La piccola Safiya pesa poco più di cinque chili
SVIZZERA
12 ore
In Svizzera netto calo dei pazienti Covid in cure intense
In decisa diminuzione i pazienti affetti dal virus in terapia intensiva, che ora occupano il 26,9% dei posti letto.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile