deposit
GINEVRA
04.06.21 - 12:360

Condannati due agenti "pirati della strada"

La pena decisa è stata di 18 mesi con la condizionale

In una notte di maggio del 2020 avevano fatto una corsa al volante di auto civette, finita con una collisione che avevano tentato di dissimulare ai loro superiori.

GINEVRA - Due poliziotti ginevrini sono stati condannati oggi a 18 mesi di prigione con la condizionale per violazione intenzionale delle norme elementari della circolazione stradale.

In una notte di maggio del 2020 avevano fatto una corsa al volante di auto civette, finita con una collisione che avevano tentato di dissimulare ai loro superiori gerarchici.

I due agenti, comparsi oggi davanti al Tribunale di polizia di Ginevra con una procedura semplificata, hanno riconosciuto i fatti e sono giunti a un patteggiamento con il procuratore generale Olivier Jornot. Quest'ultimo ha fissato la pena e gli imputati l'hanno accettata.

I fatti si erano verificati il primo maggio del 2020, nel cuore della notte. I due poliziotti erano partiti dal comando di polizia ciascuno al volante di un'auto civetta. Il più giovane, di 32 anni, trasportava due colleghe, mentre il più anziano, un ispettore 47enne della polizia giudiziaria, aveva un passeggero con lui.

Con sirene e lampeggianti - I due imputati si erano poi lanciati in un inseguimento ad alta velocità, cumulando le infrazioni alla circolazione stradale: entrambi erano sfrecciati a oltre 120 km/h in una zona urbana, avevano invaso la corsia degli autobus, "bruciato" un semaforo rosso, azionando sirene e lampeggianti. All'uscita dell'autostrada di Perly, le due vetture si erano pure urtate.

I due agenti avevano poi proseguito il viaggio durante un'ora prima di cancellare i dati recenti registrati sui loro veicoli. Avevano infine avvertito il commissario di servizio, nascondendogli però le circostanze reali dell'incidente e minimizzando i fatti. La verità era comunque venuta a galla.

Il più giovane degli imputati ha poi lasciato la polizia e cambiato professione. Il suo collega più anziano è stato oggetto di un procedimento e ha dovuto trovare un altro posto in seno all'amministrazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
8 ore
Couchepin: «Bisogna ignorare le provocazioni di Maurer»
Secondo l'ex consigliere federale, il ministro fa «il solito gioco dell'UDC»
GRIGIONI
8 ore
Incidente a Laax: due giovani morti e un ferito grave
Il conducente del mezzo ha perso il controllo finendo fuori strada e contro un muro
FOTO
ZURIGO
9 ore
Fanno esplodere un bancomat, ma fuggono a mani vuote
I soliti ignoti hanno preso di mira un apparecchio di Hüntwangen, nel Canton Zurigo
ZURIGO
10 ore
I contrari alla misure Covid manifestano a Winterthur
A migliaia hanno protestato contro la presunta censura e la «dittatura delle vaccinazioni».
ZURIGO / LUCERNA
11 ore
«Mi ha urlato che come gay dovrei essere gassato»
A pochi giorni dal voto sul “Matrimonio per tutti”, gli attacchi contro la comunità LGBTIQ si sono quintuplicati.
ZURIGO
12 ore
Anti-abortisti in strada tra favorevoli e contrari
La manifestazione è stata approvata dopo che il Municipio si era sostanzialmente opposto per evitare scontri.
VAUD
12 ore
Muore alla guida di una bitumatrice
L'uomo, un operaio francese 46enne, è precipitato in una scarpata per una ventina di metri.
FOTO
SOLETTA
13 ore
Con l'autoarticolato nella colonna delle auto, sei i feriti
È accaduto ieri pomeriggio sull'autostrada A5, vicino Luterbach.
BERNA
15 ore
"Freiheitstrychler" prendono le distanze dalle violenze
«I provocatori sono individui isolati che non appartengono al movimento» hanno dichiarato in una nota
TURGOVIA
17 ore
Caos in sala parto per test e mascherina, interviene la polizia
La polizia è intervenuta sul posto durante la nascita a causa di parenti che avrebbero «ignorato i regolamenti».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile