Lettore 20 Minuten (archivio)
Il luogo dove venne ritrovato il cadavere della 38enne.
TURGOVIA
18.05.21 - 15:210

Sedici anni di carcere, ma senza internamento

Il Tribunale ha in parte accolto il ricorso di un 64enne tedesco, condannato per l'assassinio di una sua connazionale.

I fatti avvennero nel 2016. La vittima fu ritrovata senza vita in una zona balneare sul Reno.

FRAUENFELD - Un tedesco di 64 anni è stato riconosciuto colpevole dell'assassinio di una connazionale di 38 anni che nel maggio 2016 fu ritrovata morta a Tägerwilen (TG). Il Tribunale cantonale turgoviese lo ha condannato a 16 anni di detenzione, ma a differenza della prima istanza non ha ordinato un internamento.

Il corpo senza vita della donna, che risiedeva a Costanza (Germania), fu avvistato da una passante il 15 maggio 2016, domenica di Pentecoste, in un area balneare sul Reno, poco distante dalla città tedesca che dà il nome al vicino lago. L'autopsia rivelò che la causa del decesso furono le gravi ferite alla testa della donna.

Arrestato in Spagna due giorni dopo il delitto, il cittadino tedesco aveva in un primo tempo ammesso le sue responsabilità, ma più tardi ha ritirato la confessione. Nel marzo 2019, l'uomo è stato condannato dal Tribunale distrettuale di Kreuzlingen (TG) alla detenzione a vita, e alla sospensione della pena in favore dell'internamento, per l'accusa di assassinio.

L'uomo ha fatto appello contro la sentenza di primo grado. Il dibattimento davanti al Tribunale cantonale si è tenuto alla metà di dicembre dello scorso anno. Si è trattato di un processo indiziario. Nella sentenza pubblicata oggi la corte ha ritenuto il ricorso dell'imputato almeno in parte giustificato.

Il tedesco fu arrestato il 17 maggio 2016 all'aeroporto di Barcellona. Dalle indagini, condotte a stretto contatto con le autorità tedesche, era emerso che l'uomo conosceva la vittima. Dei testimoni avevano inoltre dichiarato di avere visto i due il giorno prima del delitto nelle vicinanze dell'area balneare. L'imputato era residente sull'isola di Tenerife ed è stato estradato in Svizzera agli inizi di luglio del 2016.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Couchepin: «Bisogna ignorare le provocazioni di Maurer»
Secondo l'ex consigliere federale, il ministro fa «il solito gioco dell'UDC»
GRIGIONI
2 ore
Incidente a Laax: due giovani morti e un ferito grave
Il conducente del mezzo ha perso il controllo finendo fuori strada e contro un muro
FOTO
ZURIGO
2 ore
Fanno esplodere un bancomat, ma fuggono a mani vuote
I soliti ignoti hanno preso di mira un apparecchio di Hüntwangen, nel Canton Zurigo
ZURIGO
3 ore
I contrari alla misure Covid manifestano a Winterthur
A centinaia hanno protestato contro la presunta censura e la «dittatura delle vaccinazioni».
ZURIGO / LUCERNA
4 ore
«Mi ha urlato che come gay dovrei essere gassato»
A pochi giorni dal voto sul “Matrimonio per tutti”, gli attacchi contro la comunità LGBTIQ si sono quintuplicati.
ZURIGO
5 ore
Anti-abortisti in strada tra favorevoli e contrari
La manifestazione è stata approvata dopo che il Municipio si era sostanzialmente opposto per evitare scontri.
VAUD
6 ore
Muore alla guida di una bitumatrice
L'uomo, un operaio francese 46enne, è precipitato in una scarpata per una ventina di metri.
FOTO
SOLETTA
7 ore
Con l'autoarticolato nella colonna delle auto, sei i feriti
È accaduto ieri pomeriggio sull'autostrada A5, vicino Luterbach.
BERNA
9 ore
"Freiheitstrychler" prendono le distanze dalle violenze
«I provocatori sono individui isolati che non appartengono al movimento» hanno dichiarato in una nota
TURGOVIA
10 ore
Caos in sala parto per test e mascherina, interviene la polizia
La polizia è intervenuta sul posto durante la nascita a causa di parenti che avrebbero «ignorato i regolamenti».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile