Keystone
SVIZZERA/GERMANIA
07.05.21 - 11:340

Si fingeva un diplomatico, i doganieri lo smascherano

Aveva con sé due passaporti fasulli e varie dichiarazioni di denaro contraffatte per 38 milioni di euro.

L'uomo sarebbe arrivato in Germania dalla Svizzera.

SINGEN - Un uomo che si spacciava per un diplomatico è stato fermato da dei doganieri tedeschi a Singen, città del sud della Germania nei pressi del confine elvetico. Il 44enne, che ha affermato di essere appena entrato nel Paese dalla Svizzera, è stato trovato con documenti e dichiarazioni di denaro falsificati.

L'uomo, residente in Germania, ha detto agli agenti che non trasportava merci o contanti di cui rendere conto. Durante l'ispezione, comunica oggi l'Ufficio doganale principale di Singen, sono state rinvenute in una valigetta diverse dichiarazioni di denaro per un totale di 38 milioni di euro. Tutte erano contrassegnate da un corrispondente marchio di registrazione della dogana. Si è però poi scoperto che questi marchi erano falsi. Incalzato in tal proposito, l'uomo ha improvvisamente mostrato un passaporto diplomatico francese, invocando l'immunità.

I funzionari hanno proseguito nel controllo, trovando un altro passaporto diplomatico e vari certificati per confermare l'autenticità di cinque miliardi di dinari iracheni. Una successiva verifica ha in seguito rivelato che pure i documenti erano contraffatti. All'impostore sono quindi stati sequestrati passaporti e dichiarazioni fasulli e nei suoi confronti è stato avviato un procedimento penale.

L'inchiesta dovrà chiarire cosa intendesse fare il 44enne con il materiale falso in suo possesso. Da parte sua, l'Ufficio doganale ha ricordato che chiunque entra in Germania da un Paese terzo, e viceversa, con almeno 10'000 euro deve dichiarare questa somma in forma scritta alla dogana tedesca.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Vaccino di buon mattino? Potrebbe essere più efficace
Lo dimostra un recente studio condotto dall'Università di Ginevra.
BERNA
1 ora
Alpinista morto sulla Jungfrau
È finito in un crepaccio: il corpo è stato trovato a una profondità di circa 27 metri
SVIZZERA
4 ore
Certificato sulle piste: «Non è l'associazione di categoria che decide»
«È presuntuoso dire già che non ci sarà un obbligo di Covid-pass sulle piste. Sarà il Consiglio federale a decidere».
SVIZZERA
4 ore
Positivi in forte aumento, decessi e ricoveri in calo
Stando all'aggiornamento dell'UFSP, sono due i nuovi decessi avvenuti a causa di un decorso infelice della malattia.
SVIZZERA
4 ore
In Svizzera si scierà senza certificato Covid
Lo ha deciso l'associazione di categoria degli impianti. Sulle funivie sarà invece obbligatoria la mascherina
SVIZZERA
6 ore
Berna autorizza una manifestazione contro il certificato Covid
I promotori si sono impegnati a rispettare un piano di sicurezza. E sconsigliano di prendere parte a proteste abusive
SVIZZERA
6 ore
I ghiacciai perdono ancora terreno, nonostante la neve e l'estate fresca
Nel 2021 hanno perso l'1% del loro volume, come rilevato dall'Accademia svizzera di scienze naturali
SVIZZERA
7 ore
Altre cinque aziende si impegnano per il clima
PostFinance, Autopostale, SSR, Flughafen Zürich e RUAG hanno aderito all'iniziativa energia e clima esemplare
SVIZZERA
9 ore
La paura del black-out riaccende il dibattito sul nucleare
L'esperto: «L'approvvigionamento elettrico deve avere la massima priorità». E le fonti rinnovabili non bastano
SVIZZERA
9 ore
La terza dose è sempre più vicina
Swissmedic dovrebbe approvarla entro la fine di ottobre. Rudolf Hauri: «Meglio non aspettare troppo».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile