Depositphotos (archivio)
ARGOVIA
01.05.21 - 21:450
Aggiornamento : 02.05.21 - 08:23

«Sono convinto che non sia stato mio figlio»

Il 22enne di Windisch ha confessato di aver rinchiuso la vittima nella grotta a Brugg. Ma i genitori non ci credono

Il padre del giovane: «Mio figlio è facilmente influenzabile. Si è sicuramente sentito sotto pressione e ha confessato».

WINDISCH - C'è una vittima. C'è stato un arresto. E ora c'è anche una confessione. Il caso è quello del corpo senza vita trovato agli inizi di aprile del 2020 in una grotta nei pressi di Brugg, nel canton Argovia. Il 22enne arrestato lo scorso 26 marzo ha confessato di essere il responsabile. Ma i genitori del ragazzo non ci credono e restano convinti della sua innocenza.

Per suo padre, intervistato da 20 Minuten, il giovane - che lui stesso descrive come un ragazzo instabile e facilmente influenzabile da altri - «si è sicuramente sentito sotto pressione e così ha confessato». Il corpo della vittima era stato trovato solo un anno dopo la sua scomparsa (avvenuta il 7 aprile del 2019). E la perizia medico-legale ha stabilito che la morte è avvenuta per assideramento.

Il 22enne ha raccontato agli inquirenti di aver rinchiuso il 24enne nella cavità e di aver poi ostruito l'entrata. E proprio su questo aspetto si solleva uno dei dubbi del genitore. La polizia ha infatti confiscato al giovane una pala e un piccone. Ma su questi «non hanno trovato alcun segno. Come avrebbe fatto a ostruire la grotta? A mani nude?», si chiede l'uomo, molto preoccupato per le condizioni del figlio, con cui non hanno più avuto contatti dopo l'arresto. «Non sappiamo come andranno le cose e soprattutto non sappiamo come stia nostro figlio in questo momento».

La loro posizione sarà in ogni caso ascoltata dagli inquirenti. I genitori sono infatti stati convocati dalla polizia e prossimamente rilasceranno una dichiarazione, ma la loro posizione resta chiara. «Sono convinto che mio figlio non l'abbia fatto», ha ribadito il 60enne.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA/AUSTRIA
2 ore
La Lamborghini finisce nel lago (e la polizia ride)
Un automobilista elvetico protagonista di una manovra rocambolesca in Austria.
FOTO
ZURIGO
6 ore
Berset contestato fuori dall'Uni
Questa sera a Zurigo diverse persone hanno manifestato contro l'obbligo di certificato per accedere alle lezioni.
VALLESE
6 ore
Due morti sul Cervino
Le vittime sono un 24enne e un 25enne, che ieri sono precipitati mentre scalavano la parete nord
SVIZZERA
7 ore
I partiti plaudono e criticano
I liberali soddisfatti a metà delle decisioni del governo: «Manca una strategia».
SVIZZERA
8 ore
Che salasso andare al museo
In certi casi per un'escursione familiare bisogna spendere anche 92 franchi
SVIZZERA
9 ore
Per i guariti certificato Covid esteso a un anno
La Confederazione vuole così introdurre una nuova versione del Covid-pass: il «certificato Covid svizzero».
ZURIGO
9 ore
Investito da un tram, morto un pedone
L'incidente si è verificato nel primo pomeriggio di oggi a Zurigo, nelle vicinanze della fermata Bad Allenmoos
FRIBURGO
10 ore
Bimbo di 8 anni investito da un mezzo agricolo
È successo ieri a La Roche. Coinvolto nell'incidente anche il padre del bambino
SVIZZERA
10 ore
Giovani con il coltello in tasca: «Si sentono potenti e virili»
Si verificano con sempre più frequenza fatti di sangue in cui i giovani brandiscono un coltello.
SVIZZERA
11 ore
Aumentano ancora le infezioni, oggi sono 1'442
Le persone ospedalizzate nelle ultime 24 ore a causa del coronavirus sono 34. Cinque i decessi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile