Klimastreik Schweiz
ZURIGO
30.04.21 - 13:560
Aggiornamento : 15:00

Ambientalisti sui tetti contro Credit Suisse

Gli attivisti hanno interrotto l'Assemblea generale del gigante bancario con la loro azione di protesta.

Secondo Sciopero per il Clima Svizzera, poliziotti e addetti alla sicurezza avrebbero spinto i manifestanti, mettendo a rischio la loro incolumità.

HORGEN - Questa mattina l'assemblea generale di Credit Suisse è stata interrotta in maniera decisamente singolare. Verso le 11, degli attivisti per il clima sono riusciti a salire sul tetto del complesso alberghiero Bocken a Horgen, Canton Zurigo, luogo in cui si teneva l'incontro, e hanno srotolato un grande striscione con la scritta «La nostra casa è in fiamme», fermando il raduno. Gli attivisti, da tempo schierati contro il colosso bancario, chiedono che Credit Suisse smetta di fare investimenti da loro ritenuti come dannosi per il clima. 

Spintoni sui tetti - Secondo un comunicato del movimento Sciopero per il Clima Svizzera, gli ambientalisti presenti sarebbero stati spinti verso il bordo del tetto da dei poliziotti e da diversi addetti alla sicurezza di Credit Suisse. Mentre i primi attivisti attaccavano lo striscione sulla fiancata dello stabile, alta sei metri, due guardie di sicurezza si sarebbero poi avvicinate da dietro, tentando di strappare loro lo striscione e, secondo quanto riporta Sciopero per il Clima, rischiando di farli cadere: «Credit Suisse non mette in pericolo solo il futuro di tutti noi, ma anche, direttamente, le vite di noi attivisti», ha affermato uno di loro.

Una soluzione alternativa - Gli ambientalisti hanno in seguito deciso di srotolare lo striscione di 60 metri quadri su un prato vicino. 

Miliardi contro il clima - Secondo il rapporto del Rainforest Action Network, riporta il Movimento svizzero, dalla firma dell'accordo di Parigi, Credit Suisse ha investito oltre 82 miliardi di dollari in progetti dannosi per il clima. Solo nel 2020, le due principali banche svizzere Credit Suisse e UBS hanno investito complessivamente oltre 11 miliardi di dollari nei settori del carbone, delle sabbie bituminose, del gas naturale e del petrolio. 

Klimastreik Schweiz
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / THAILANDIA
6 ore
Niente dosi elvetiche per la “quinta Svizzera” (per ora)
La Confederazione ha le mani legate: i contratti prevedono l'impiego delle dosi entro i confini nazionali
FOTO
ZURIGO
9 ore
Attivisti a Zurigo: 83 fermi e alcuni manifestanti soccorsi
Il bilancio del sit-in che ha avuto luogo oggi nel centro finanziario, all'ingresso di alcune banche
VAUD
10 ore
«Vogliamo abbattere due lupi»
Le autorità vodesi chiedono il permesso alla Confederazione a seguito della predazione di vari vitelli
VALLESE
11 ore
Infortunio sul lavoro: morto un trentenne
L'incidente si è verificato a Zermatt: l'uomo stava effettuando un intervento su una seggiovia
VALLESE
12 ore
Evacuate le terme di Leukerbad, sei feriti
Una fuga di disinfettante ha scatenato il panico alle Alpentherme. Una persona elitrasportata in ospedale
SVIZZERA
12 ore
È stato un Primo Agosto (abbastanza) tranquillo
La polizia non ha dovuto intervenire molte volte durante la festa nazionale: «È stata una notte eccezionalmente calma».
SVIZZERA
13 ore
Covid in Svizzera, nel weekend 2'019 casi
L'Ufficio federale della sanità pubblica segnala anche 24 nuovi ricoveri e tre decessi
URI
14 ore
Axenstrasse riaperta
Da poco prima di mezzogiorno è nuovamente possibile percorrere il tratto stradale
FOTO
ZURIGO
17 ore
Iniziato lo sgombero degli attivisti di Paradeplatz
La polizia è intervenuta per disperdere i manifestanti per il clima che da questa mattina protestavano a Zurigo.
SVIZZERA / SPAGNA
17 ore
Quando la vacanza va storta: «È come essere in prigione»
Due turiste svizzere sono finite nell'Hotel-Quarantena di Ibiza
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile