Keystone
SVIZZERA/RUSSIA
28.04.21 - 17:010

Cioccolato di minore qualità per la Russia, Lindt scagionata

Il colosso svizzero era sospettato di vendere prodotti di standard diverso rispetto a quelli smerciati altrove.

Le autorità russe hanno riconosciuto che possono esistere differenze nella composizione del cioccolato.

BERNA - Lindt & Sprüngli scagionata in Russia: l'autorità preposta alla concorrenza (Federal Antimonopoly Service, FAS) ha archiviato l'accusa avanzata contro il produttore elvetico di cioccolato di vendere nel Paese prodotti di qualità inferiore a quelli smerciati su altri mercati.

I funzionari non hanno ravvisato alcuna violazione delle norme da parte dell'azienda di Kilchberg (ZH), che nel 2019 era finita nel mirino assieme ad altri quattro marchi internazionali (Ariel e Persil, Procter & Gamble e Henkel). "Nessuna sanzione sarà presa contro la società", ha detto il direttore del FAS Maxim Shaskolsky in dichiarazioni riportate all'agenzia Ria Novosti.

Shaskolsky ha lodato "i notevoli sforzi fatti dal fabbricante per dimostrare la sua buona fede" e ha sottolineato che i suoi esperti "hanno affrontato il caso in modo molto equilibrato e obiettivo", riconoscendo che possono esistere differenze nella composizione del cioccolato.

La Russia rappresenta un importante mercato in crescita per Lindt & Sprüngli. La filiale nel paese degli zar è stata fondata nel 2012 e da allora è in espansione.

Forte di una tradizione di oltre 175 anni, Lindt&Sprüngli si definisce leader mondiale nel settore della cioccolata premium. Il gruppo dispone di undici impianti produttivi in Europa e Stati Uniti e ha in organico 13'500 dipendenti. La società, che fa risalire le sue origini a Rudolf Sprüngli (1816-1897) di Horgen (ZH) e a Rodolphe Lindt (1855-1909) di Berna, è entrata in borsa nel 1986. Il suo prodotto forse più conosciuto è il coniglietto di cioccolato dorato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / THAILANDIA
5 ore
Niente dosi elvetiche per la “quinta Svizzera” (per ora)
La Confederazione ha le mani legate: i contratti prevedono l'impiego delle dosi entro i confini nazionali
FOTO
ZURIGO
9 ore
Attivisti a Zurigo: 83 fermi e alcuni manifestanti soccorsi
Il bilancio del sit-in che ha avuto luogo oggi nel centro finanziario, all'ingresso di alcune banche
VAUD
9 ore
«Vogliamo abbattere due lupi»
Le autorità vodesi chiedono il permesso alla Confederazione a seguito della predazione di vari vitelli
VALLESE
11 ore
Infortunio sul lavoro: morto un trentenne
L'incidente si è verificato a Zermatt: l'uomo stava effettuando un intervento su una seggiovia
VALLESE
12 ore
Evacuate le terme di Leukerbad, sei feriti
Una fuga di disinfettante ha scatenato il panico alle Alpentherme. Una persona elitrasportata in ospedale
SVIZZERA
12 ore
È stato un Primo Agosto (abbastanza) tranquillo
La polizia non ha dovuto intervenire molte volte durante la festa nazionale: «È stata una notte eccezionalmente calma».
SVIZZERA
13 ore
Covid in Svizzera, nel weekend 2'019 casi
L'Ufficio federale della sanità pubblica segnala anche 24 nuovi ricoveri e tre decessi
URI
14 ore
Axenstrasse riaperta
Da poco prima di mezzogiorno è nuovamente possibile percorrere il tratto stradale
FOTO
ZURIGO
16 ore
Iniziato lo sgombero degli attivisti di Paradeplatz
La polizia è intervenuta per disperdere i manifestanti per il clima che da questa mattina protestavano a Zurigo.
SVIZZERA / SPAGNA
17 ore
Quando la vacanza va storta: «È come essere in prigione»
Due turiste svizzere sono finite nell'Hotel-Quarantena di Ibiza
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile