Polizia francese
SVIZZERA / FRANCIA
18.04.21 - 13:280
Aggiornamento : 17:54

Ritrovata in Svizzera la piccola Mia, arrestata la madre

È stata la donna a ordinarne il rapimento.

Complici cinque estremisti, adepti delle teorie di complotto.

LOSANNA - La piccola Mia, da giorni oggetto delle ricerche dalla polizia francese, è stata ritrovata in buona salute questa domenica.

La bimba francese di 8 anni - riferisce BFM TV - era in Svizzera, in uno stabile occupato nel comune di Sainte-Croix (VD). Il ritrovamento è avvenuto grazie alla collaborazione della polizia federale e dalla polizia cantonale vodese. La madre di Mia, accusata di aver ordinato il rapimento, è stata arrestata.

Il rapimento - La bambina era scomparsa il 13 aprile, mentre si trovava presso la nonna materna nel villaggio di Poulières, a una trentina di chilometri da Épinal (Francia).

Tre uomini si sono introdotti nell'abitazione dell'anziana fingendo di essere rappresentanti della protezione dell'infanzia. Il pretesto? Un incontro all'interno di un programma educativo che vedeva coinvolta la madre di Mia. La donna, dallo scorso gennaio non ha più diritto di vedere la figlia.

Gli arresti - Cinque persone, tre autori del rapimento e due complici, sono finiti in manette negli giorni scorsi, ma della bambina e della madre non c'erano tracce. Fino a questa mattina.

I rapitori - «Sono fiero di quello che ho fatto», «abbiamo ridato la bambina a sua madre senza violenza, come Arsenio Lupin», ha detto agli agenti che lo arrestavano uno dei rapitori. L'uomo - si legge sul Corriere della Sera - appartiene a un gruppo survivalista di estrema destra che secondo i servizi francesi progettava anche attentati contro i centri di vaccinazione anti Covid e sequestri di altri bambini «per salvarli dalle reti di pedofili».

Proprio a cinque estremisti, adepti delle teorie di complotto, la 28enne ha affidato le sorti della figlia. La donna ha trascorsi difficili, tra una separazione complicata dal marito e idee complottiste che pescano dai gilet gialli e dal movimento QAnon nato negli Stati Uniti.

«La madre voleva vivere ai margini della società», ha sottolineato Nicolas Heitz, procuratore di Épinal. La 28enne, residente in Francia, rifiutava persino di far andare a scuola la bambina.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 min
Sette milioni di dosi per il 2022
La Confederazione ha sottoscritto un ulteriore contratto per il vaccino prodotto da Moderna
SVIZZERA
1 ora
Swiss cancella altri 780 posti di lavoro
Anche la flotta aerea verrà ridotta del 15% rispetto al 2019. Lanciato un processo di consultazione.
BERNA
1 ora
Il delicato lavoro del laboratorio di Berna
I ricercatori vogliono saperne di più sulle reazioni infiammatorie del sistema cardiocircolatorio provocate dal Covid.
SVIZZERA
4 ore
«Riutilizzare la mascherina ogni settimo giorno per ridurre l'inquinamento»
L'uso quotidiano delle mascherine non è privo di conseguenze per l'ambiente.
SVIZZERA
6 ore
Il maltempo costringe i ristoratori a buttare il cibo
Se il tempo non collabora, i ristoranti devono chiudere di nuovo le terrazze.
SVIZZERA
13 ore
Le vendite per corrispondenza affossano le entrate fiscali
Sulle merci provenienti dall'estero non è infatti possibile garantire un corretto prelievo dell'IVA.
SVIZZERA
13 ore
Flotta svizzera, la sorveglianza è sempre "in alto mare"
Il Controllo federale delle finanze bacchetta i due enti di vigilanza, pur riconoscendo (leggeri) miglioramenti.
ZURIGO
14 ore
Trascinata a morte dal suo cavallo: «Il suo cuore batteva per l’equitazione»
Parlano il padre della giovane e il contadino che l’ha, invano, soccorsa.
SVIZZERA
17 ore
«Test pilota anche per le discoteche»
Lo chiede la Conferenza dei direttori cantonali della sanità in vista dei prossimi allentamenti
BERNA
21 ore
«Le persone tra i 50 e i 60 anni dovrebbero essere considerate a rischio»
La variante inglese preoccupa la Task Force.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile