POLIZIA CANTONALE BASILEA CITTÀ
Pugno di ferro della polizia di Basilea Città contro le auto modificate.
BASILEA CITTÀ
09.04.21 - 06:510

Il pugno di ferro della polizia sul tuning

Due proprietari di auto rischiano di comparire in Procura

BASILEA - Giovedì sera la polizia cantonale di Basilea-Città ha pizzicato due conducenti che hanno apportato modifiche tecniche non autorizzate ai loro veicoli. Ciò è avvenuto durante un controllo del traffico nell’area portuale, seguito a un appello lanciato sui social agli appassionati di tuning.

I due automobilisti rischiano di essere deferiti alla Procura di Basilea-Città. In altri due casi, la polizia ha trovato altrettanti veicoli non in regola. Tutti e quattro i guidatori dovranno dimostrare di aver ripristinato le proprie vetture.

Durante le due ore di azione, gli agenti di polizia, coadiuvati dal personale dell'Ufficio tecnico delle Sezioni della circolazione di Basilea Città e Campagna, hanno controllato circa settanta veicoli. È stata anche l'occasione per rilevare la velocità in entrata e uscita dal luogo del raduno: una manciata di conducenti ha infranto leggermente il limite. La sanzione per loro è di quaranta franchi.

Da qualche settimana a questa parte la polizia cantonale ha aumentato l’attività di controllo nell’area portuale, dopo aver notato - e ricevuto svariate segnalazioni da parte della popolazione - che in zona c'è un traffico sostenuto di veicoli, specialmente quando il tempo è bello.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
45 min
Altre cinque aziende si impegnano per il clima
PostFinance, Autopostale, SSR, Flughafen Zürich e RUAG hanno aderito all'iniziativa energia e clima esemplare
SVIZZERA
1 ora
La paura del black-out riaccende il dibattito sul nucleare
L'esperto: «L'approvvigionamento elettrico deve avere la massima priorità». E le fonti rinnovabili non bastano
SVIZZERA
2 ore
La terza dose è sempre più vicina
Swissmedic dovrebbe approvarla entro la fine di ottobre. Rudolf Hauri: «Meglio non aspettare troppo».
FOTO
SAN GALLO
12 ore
«Uccidere la propria figlia, come si può arrivare a questo?»
È un quartiere sotto choc quello che questo pomeriggio ha appreso del delitto compiuto da un padre di 54 anni.
VAUD / FRANCIA
12 ore
Uccise una prostituta, ora ha deciso di ricorrere
L'uomo era stato condannato a 30 anni di prigione per il brutale omicidio di una giovane rumena a Sullens.
SVIZZERA
17 ore
Epidemia di femminicidi in Svizzera: «I numeri parlano da soli»
I casi registrati nel 2021 sono ormai saliti a 23, in crescita significativa rispetto allo scorso anno.
SVIZZERA
18 ore
Migranti maltrattati: «Siamo intervenuti»
Sospesi 14 addetti alla sicurezza dei centri per richiedenti asilo. Ma per la Sem «sono casi circoscritti»
SAN GALLO
19 ore
Uccide la figlia e si toglie la vita
Un 54enne e una dodicenne sono stati trovati morti in un'abitazione di Rapperswil-Jona
SVIZZERA
20 ore
«Le accuse di tortura sono false e ingiustificate»
Secondo un'indagine esterna, i diritti dei richiedenti l'asilo nei centri federali vengono generalmente rispettati.
FOTO
BERNA
20 ore
«Un brivido mi scorre lungo la schiena»
Nella notte due bambini sono morti a Leuzigen a causa di un incendio.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile