Keystone
SAN GALLO
05.04.21 - 12:370
Aggiornamento : 15:42

Dopo i controlli, i 60 fermati tornano in libertà

La polizia accoglie ancora eventuali denunce per danneggiamenti.

Le persone allontanate che si sentono trattate ingiustamente hanno la possibilità di sporgere un reclamo scritto alla polizia.

SAN GALLO - Sono state liberate le 60 persone fermate la scorsa notte dalla polizia di San Gallo per accertamenti. Gli interventi si sono resi necessari dopo che nuovi appelli allo scontro con le forze dell'ordine erano stati lanciati sui social media.

Ulteriori danneggiamenti hanno potuto essere evitati, ha detto il portavoce della polizia cittadina Roman Kohler all'agenzia Keystone-ATS. Materiale pericoloso è stato confiscato e, come già riferito, circa 500 persone sono state fatte allontanare.

Kohler valuta l'operato della polizia corretto. Nuovi scontri sono stati infatti impediti. Le persone allontanate che si sentono trattate ingiustamente hanno la possibilità di sporgere un reclamo scritto alla polizia.

Dopo gli incidenti di venerdì erano stati calcolati danni per circa 50'000 franchi, una cifra che potrebbe ancora salire. La polizia accoglie ancora eventuali denunce per danneggiamenti.

Sindaca: misure proporzionate - Raggiunta da Keystone-ATS, la sindaca di San Gallo Maria Pappa ha definito proporzionate le operazioni di polizia relative ai disordini, che hanno permesso di limitare i danni. Gli agenti hanno dapprima cercato il dialogo, intervenendo solo quando alcuni dei giovani sono diventati violenti. Dopo l'escalation di venerdì, ieri le forze dell'ordine erano preparate e hanno potuto agire preventivamente, ha fatto notare l'esponente socialista.

Tuttavia, su 500 allontanamenti, non vi è da escludere che qua e là ve ne siano stati anche di ingiustificati, ha ammesso Pappa. Ma gli estesi controlli hanno impedito che la situazione degenerasse, ha aggiunto. Per esempio, è stato sequestrato del materiale potenzialmente pericoloso, come benzina e bottiglie.

Questo però non significa che ora il problema sia risolto, ha proseguito la sindaca, parlando dell'esistenza di un «conflitto sociale» che esige una valutazione a livello politico. La gestione della crisi del coronavirus ha in effetti a suo avviso scatenato risentimento e paura in molte persone. Pappa, che ha tentato di parlare con qualcuno dei presenti venerdì prima dello scatenarsi del caos, ha comunque tenuto a precisare che solo una piccola minoranza dei giovani puntava alla violenza, mentre gran parte l'ha condannata.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Il vaccino sarà più caro
Le casse malati dovranno pagare 25 franchi a dose contro i 5 attuali. Per gli assicurati sarà comunque ancora gratuito.
SVIZZERA
5 ore
Un altro effetto del coronavirus: la rabbia
La pandemia ha reso molte persone più aggressive. A farne le spese è spesso chi lavora in campo medico o nei trasporti.
SVIZZERA
6 ore
Subaffitti: impedire gli abusi
Posti in consultazione tre progetti che riguardano le locazioni. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono.
SVIZZERA
7 ore
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
10 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
10 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
13 ore
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
13 ore
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
13 ore
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
SVIZZERA
21 ore
Senza tampone in aeroporto? Il rientro diventa un caos
Il caso di un manager che si è trovato bloccato in Germania: per prendere un volo per Zurigo ha sborsato 520 euro.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile