20min
+2
SAN GALLO
04.04.21 - 22:220
Aggiornamento : 23:00

Città blindata per evitare nuovi disordini

A San Gallo è scattato il dispositivo di sicurezza annunciato oggi dalla polizia cittadina

Le persone presenti in centro vengono controllate dagli agenti. Molte sono state allontanate

SAN GALLO - Numerosi agenti in tenuta antisommossa. Controlli per strada e alla stazione ferroviaria. E anche un elicottero che sorveglia la città dall'alto. Stasera a San Gallo è scattato l'annunciato dispositivo di sicurezza per evitare il ripetersi dei disordini e delle violenze che hanno avuto luogo nella notte tra venerdì e sabato.

Un dispositivo di sicurezza che è stato messo in atto dopo che durante il weekend sui social media sono stati lanciati nuovi appelli alla violenza. Stamani la polizia aveva fatto infatti sapere che non saranno tollerati atti violenti né danni alle proprietà. E le autorità si erano inoltre rivolte ai genitori, pregandoli d'impedire ai figli di recarsi a San Gallo.

Ogni persona che si trova attualmente per le strade di San Gallo, deve giustificare «in maniera credibile» la sua presenza. Devono convincere gli agenti - come ha fatto sapere in serata la polizia cittadina - che non si trovano in città «per dare seguito agli appelli alla violenza o per prendere parte a possibili disordini».

Attorno alle 22, diverse persone erano già state allontanate dal centro cittadino. Queste non potranno più metterci piede per i prossimi trenta giorni. A meno che vi si debbano recare per andare al lavoro o a scuola, sottolinea ancora la locale polizia. Un portavoce della polizia fa sapere, poco dopo le 22, che «al momento la situazione è tranquilla».

La testimonianza - Una diciottenne intervistata sul posto dai colleghi di 20 Minuten racconta di aver già preso parte ai disordini di venerdì. E spiega che a causa della pandemia sta vivendo una situazione difficile: «È difficile trovare un apprendistato o un lavoro. E non mi è nemmeno possibile vedere una parte della mia famiglia, che vive lontano da qui». Lei stava andando a prendere il treno per non restare a San Gallo, in modo da non venir denunciata dalla polizia.

20min
Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
LUCERNA
6 ore
Delitto alla stazione di servizio, la vittima è un 20enne
A perdere la vita durante lo scontro, che ha coinvolto una dozzina di persone, un 20enne kosovaro
Berna
8 ore
Decessi Covid nelle case per anziani, i Cantoni si preparano alla terza dose
Secondo Stefan Fux, Direttore di una casa di riposo, «la vaccinazione sta perdendo la sua efficacia»
BERNA
13 ore
Partecipazione al voto superiore alla media degli ultimi anni
Tra i meno diligenti anche il Ticino, fermo sotto il 48%.
BERNA
13 ore
«Chi si ama e vuole sposarsi deve poterlo fare»
Sul Matrimonio per tutti «i cittadini hanno votato chiaramente», ha detto Karin Keller-Sutter.
BERNA
14 ore
Un alpinista muore allo Schreckhorn
L'uomo si trovava in alta quota per un'escursione in solitaria
Berna
16 ore
Donne viste come materassi del sesso nell'esercito
Diversi casi sono approdati davanti al tribunale militare secondo cui «non c'è spazio per determinati comportamenti»
SAN GALLO
18 ore
36enne accoltellato, fermati due presunti colpevoli
Gli agenti hanno trovato l'uomo ferito in un appartamento.
BERNA
18 ore
Sì al "matrimonio per tutti", no al 99 per cento
Approvata l'iniziativa sulle coppie omosessuali (64 per cento). Respinta la tassazione dei capitali (67%)
SVIZZERA/TICINO
19 ore
Urne aperte, chi la spunterà?
Matrimonio per tutti, 99 per cento, pigioni abusive e altro ancora. Si vota su due iniziative federali e tre cantonali
SVIZZERA
20 ore
«Sono estremisti monotematici»
I No Pass e No Vax in Svizzera stanno alzando il tiro. La Rete per la sicurezza: «Rischio radicalizzazione»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile