Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
31.03.21 - 09:210
Aggiornamento : 10:21

Una stagione tormentata dalle valanghe

Il numero di morti, ma anche quello delle persone sorprese da una slavina, è decisamente al di sopra della media.

Non si sa se la pandemia abbia avuto un effetto. Quello che è però certo è che l'inverno ricco di neve ha giocato un ruolo di primo piano.

DAVOS - Dallo scorso autunno in Svizzera sono morte 27 persone in seguito a valanghe. I numeri sono ben al di sopra della media ventennale che si attesta a circa 18 decessi tra ottobre e fine marzo, indica oggi l'Istituto per lo studio della neve e delle valanghe (SLF) di Davos (GR).

Nell'autunno-inverno 2020/2021, poco meno di 300 persone - finora 296 - sono state sorprese da una valanga. La media, negli ultimi venti anni, è stata di 177 persone, sottolinea l'Istituto in un rapporto intermedio.

In totale, dal primo ottobre 2020 al 30 marzo 2021, sono state registrate 318 slavine che hanno causato danni a persone o cose, 215 delle quali hanno coinvolto persone. «Circa il doppio del valore normale» (113, ndr), secondo SLF. Anche il numero di valanghe che ha provocato danni materiali è leggermente superiore alla media (103 contro 86). Oltre alle 27 vittime, si conta anche una persona dispersa.

Tutte le vittime erano appassionati di sport invernali che stavano praticando attività fuoripista: 11 persone stavano partecipando a escursioni, 16 a discese fuori pista. In un incidente sono morte due persone, in ciascuno degli altri casi una, precisa l'Istituto. Un caso si è verificato nel Giura svizzero, dove gli incidenti da valanga mortali sono molto rari (il precedente risaliva al 1991).

Fuori pista - Tra i motivi citati dal SLF sul numero di valanghe che si sono verificate spiccano ad esempio la neve vecchia a debole coesione e l'abbondante neve fresca. Inoltre, viene precisato, più della metà degli incidenti mortali si è verificata fuori pista.

Sebbene il numero delle slavine e di incidenti nei fine settimana - soprattutto di sabato - sia stato leggermente più elevato rispetto alla media del ventennio scorso, «non è dato sapere se la pandemia di coronavirus abbia avuto un'influenza sull'affluenza e sul comportamento rischioso degli appassionati di sport invernali».

Un bilancio definitivo sarà possibile solo alla fine dell'anno idrologico, e verrà pubblicato il prossimo 30 settembre.

Inverno ricco di neve - Soprattutto al di sotto dei 2000 m, l'inverno 2020/2021 è stato più ricco di neve rispetto alla media pluriennale. «Eccezion fatta per l'Altipiano occidentale, tanto l'altezza totale della neve fresca quanto l'altezza del manto nevoso sono stati superiori alla media», spiega l'istituto, secondo cui i valori più eccezionali sono stati quelli che ha raggiunto l'innevamento nei settori a bassa quota della val Poschiavo (GR) e della valle del Reno grigionese.

Le stazioni grigionesi come Samedan, Santa Maria in val Müstair e Brusio in val Poschiavo, ma anche in Ticino, a Lugano, hanno rilevato apporti di neve fresca doppi rispetto alla media. Per trovare valori maggiori, per il Sottoceneri occorre tornare indietro al 2009, per l’Altipiano svizzero al 2013, scrive il SLF.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
9 ore
È salito sulla gru perché «pensava che qualcuno lo volesse uccidere»
La sorella: «Sapevo che a un certo punto la situazione sarebbe degenerata, da tempo chiedevamo un ricovero forzato»
FOTO
ZURIGO
9 ore
Manifestazione non autorizzata, chiusi i ponti della città
Secondo quanto indicato dalla polizia, il corteo si è formato in relazione al Wef di Davos. Una donna in ospedale
SVIZZERA
14 ore
Verso un "calmiere" per i premi
Il Ps chiede un tetto del 10% del reddito familiare. La Commissione sanità del Nazionale propone un controprogetto
ZURIGO
16 ore
Una ciclista si scontra con un tram
La donna è stata trasportata in ospedale in condizioni critiche
SVIZZERA
17 ore
In arrivo il farmaco Paxlovid
La Confederazione ha trovato un accordo con Pfizer per 12'000 confezioni
BERNA
19 ore
Cinesi schiavizzate sessualmente, cinque arresti nel canton Berna
La polizia bernese ha arrestato tre uomini e due donne per tratta di esseri umani e istigazione alla prostituzione.
GRIGIONI
20 ore
«La Svizzera non è un'isola di sicurezza»
Droni dell’esercito per monitorare l'intera zona del WEF. L’edizione di quest'anno costerà quattro milioni in più.
SVIZZERA
21 ore
Elettricità sempre più cara: aumenti fino al 20%
La guerra in Ucraina ha accentuato una tendenza già presente in Svizzera.
GRIGIONI
21 ore
Scontro fra treni: colpa di una disattenzione
L'incidente nel 2019 nel tunnel del Vereina. Dagli accertamenti è emerso che il macchinista non aveva visto l'halt
SVIZZERA
22 ore
Un futuro alternativo per la Patrouille Suisse
Con l'acquisto degli F-35A, non saranno mantenuti gli F-5 Tiger della pattuglia acrobatica. Amherd cerca una soluzione
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile