Archivio Tipress (immagine illustrativa)
LUCERNA
01.03.21 - 01:000

Quattro anni e un mese di carcere per stupro

È la condanna inflitta a Lucerna a un 32enne che nel 2017 aveva violentato una vicina di casa

LUCERNA - Il tribunale penale di Lucerna ha condannato un uomo di 32 anni a quattro anni e un mese di prigione per aver violentato una donna nel 2017. L'accusato, a cui è stato diagnosticato un disturbo narcisistico, deve anche sottoporsi a un trattamento psicologico ambulatoriale.

La sentenza, pubblicata oggi, prevede una pena leggermente inferiore ai cinque anni richiesti dall'accusa per stupro, tentato stupro e tentate lesioni personali gravi. I giudici hanno pronunciato pure l'espulsione dalla Svizzera per dieci anni, anche se non potrà essere applicata poiché l'uomo è un rifugiato riconosciuto. La difesa aveva chiesto l'assoluzione. Il verdetto non è ancora definitivo.

L'imputato ha negato i fatti. La vittima, una vicina dell'uomo che lavorava come prostituta, lo ha accusato di averla picchiata e violentata nella lavanderia della casa. Ha detto che lui le ha offerto cocaina in cambio di sesso, e quando lei ha rifiutato, l'ha aggredita. L'uomo, a sua volta, ha sostenuto di aver venduto cocaina alla donna. Lei gli avrebbe rubato il cellulare nascondendolo nel reggiseno, lui lo avrebbe ripreso prima di andarsene.

L'imputato è stato anche condannato per aver aggredito un uomo durante una manifestazione curda a Berna e dovrà pagargli 5'000 franchi di risarcimento. Gli è stato vietato di contattare la vittima dello stupro e dovrà accollarsi le spese del procedimento, che ammontano a quasi 60'000 franchi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
3 ore
Quanto è pericolosa Omicron?
Potrebbe essere peggiore della già temibile delta. La parola agli esperti
SVIZZERA
9 ore
Omicron, chiudono i voli diretti con l'Africa australe
La decisione comunicata in serata, dopo l'emergenza della nuova variante, è valida a partire dalle ore 20 di oggi.
BERNA
9 ore
Dopo Pfizer anche Moderna mette il booster
Intanto l'Ufsp raccomanda la dose di richiamo per tutti. La spiegazione: «Migliora la protezione e frena la diffusione»
SVIZZERA/CINA
11 ore
La missione di Cassis non decolla
Il consigliere federale ticinese dovrà tornare in patria a seguito del guasto all'aereo. «Cercheremo una nuova data»
SVIZZERA
11 ore
Vaccino ed effetti collaterali: in Svizzera 10'386 casi
Il 65% delle notifiche è stato classificato come non serio. I preparati impiegati nel nostro paese restano sicuri
SVIZZERA
12 ore
Mascherine, certificati e booster: nuove misure a Berna, Sciaffusa e Uri
Dopo che il Governo federale ha rinunciato a un inasprimento dei provvedimenti, altri Cantoni si sono attivati
SVIZZERA
13 ore
Anche oggi più di ottomila contagi in ventiquattro ore
Nelle strutture sanitarie elvetiche sono stati effettuati 106 nuovi ricoveri per Covid
SVIZZERA
14 ore
Nuova variante: l'Ufsp non si scompone
Per il momento la Svizzera non prende nessuna misura. «Monitoriamo la situazione»
SVIZZERA/RUSSIA
15 ore
Guasto tecnico all'aereo di Cassis
Atterraggio imprevisto per il jet che stava trasportando il consigliere federale in Cina. E non è la prima volta
GRIGIONI
15 ore
«Il booster per salvare la stagione»
Il governo grigionese si gioca il tutto per tutto con la terza dose. Intervista al consigliere di Stato Peter Peyer
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile