keystone
SVIZZERA
15.01.21 - 17:550

Centinaia di incidenti per la neve

La Svizzera nella morsa dei fiocchi. Il bilancio di una giornata da incubo

ZURIGO - A nord delle Alpi, in particolare nella Svizzera orientale, sia in pianura che in montagna, localmente da mercoledì sono caduti quantitativi da primato di neve fresca. Il pericolo di valanghe è stato e rimane elevato e i disagi alla mobilità sono stati considerevoli un po' ovunque.

In pianura la coltre nevosa in alcune regioni ha superato i 30 centimetri, nelle valli delle Alpi orientali (come a Glarona o in Surselva, nei Grigioni) anche il mezzo metro, e nel cuore delle Alpi ha raggiunto i 200 centimetri. Sono quantitativi che in media si registrano ogni 20 anni, ha indicato il servizio meteorologico Meteonews.

Il bollettino delle valanghe, pubblicato dall'Istituto per lo studio della neve e delle valanghe (SLF) di Davos (GR), per oggi indicava un livello di pericolo 4 (forte) su una scala di 5 per quasi tutto l'arco alpino, ad eccezione del versante meridionale (con un livello 3, marcato). Nell'edizione di questa sera, il livello 4 concerne l'arco alpino settentrionale in una regione compresa l'Oberland bernese orientale e il Liechtenstein.

Tram e bus paralizzati a Zurigo

I disagi alla mobilità sono stati considerevoli. Emblematica la situazione a Zurigo, in città, ma anche in periferia. L'intera rete di tram e bus è rimasta bloccata. Nel pomeriggio il servizio ha potuto riprendere solo su alcune linee, ha indicato la locale azienda di trasporto pubblico VBZ, precisando che il problema più frequente è costituito da alberi caduti sulle linee di contatto.

La neve non ha invece praticamente ostacolato il traffico aereo all'aeroporto di Kloten, ha riferito il gestore a Keystone-ATS. Si sono registrati ritardi compresi tra 15 e 45 minuti. Allo scalo, stando a SRF Meteo, in 24 ore sono caduti 33 centimetri di neve.

Treni soppressi e in ritardo

Dal canto loro le FFS hanno riferito varie perturbazioni, come ad esempio tra Winterthur (ZH) e San Gallo. I passeggeri hanno dovuto armarsi di pazienza per soppressioni e ritardi dei treni un po' ovunque. Il maltempo condiziona anche collegamenti verso l'estero, che in prima serata sono ancora interrotti tra Zurigo e Stoccarda (D) e tra Buchs (SG) e Feldkirch (A).

La situazione a Basilea non è risultata molto diversa da quella di Zurigo. Alcune linee di tram e bus sono state interrotte per la caduta di alberi, hanno indicato i trasporti pubblici locali BVB. In Argovia, dove vari comuni sono rimasti senza corrente, una sessantina di strade sono state chiuse nelle regioni di Baden, Brugg, Lenzburg e Zurzach. Il villaggio di Ammerswil (448 metri sul livello del mare), vicino a Lenzburg, è rimasto isolato dal mondo.

Situazione analoga a San Gallo, con molte strade chiuse al traffico. Gli automobilisti dovranno servirsi delle deviazioni indicate verosimilmente fino a lunedì, ha indicato la polizia cantonale.

Alpi: strade chiuse per precauzione

Nelle regioni alpine il problema è costituito dal forte pericolo di valanghe. Soprattutto ad Uri per questa ragione numerose arterie sono state chiuse e lo rimarranno almeno fino a domani. Andermatt è raggiungibile solo in treno, riferisce la polizia cantonale di Altdorf (UR).

Una seconda valanga, dopo quella di ieri mattino nello stesso posto, è caduta non lontano da Seedorf, sulla strada cantonale che percorre la sponda sinistra del lago di Uri (il braccio meridionale del lago dei Quattro Cantoni). Nessuno è rimasto sepolto. Il traffico è interrotto almeno fino a domani alle 10.00.

E sempre per il pericolo di valanghe nel canton Berna i treni della compagnia Zentralbahn non circolano tra Interlaken e Brienz fino a domani. Sulla tratta ieri sera sono cadute due valanghe. Non si lamentano feriti.

Centinaia di incidenti stradali

Numerose polizie cantonali annunciano incidenti stradali per le pessime condizioni delle carreggiate e alberi sradicati dal peso della neve. I sinistri hanno causato soprattutto danni materiali e feriti lievi. L'incidente più grave è avvenuto a Urdorf (ZH), dove un pedone 75enne è rimasto seriamente ferito dopo essere stato investito da una vettura. A Grabs (SG) un 53enne ha fatto un tonfo di tre metri mentre stava spalando la neve dal tetto di una costruzione ed è stato elitrasportato all'ospedale. L'entità delle lesioni non è nota.

Ovunque le forze di intervento, dai pompieri ai sanitari, sono state molto sollecitate. Nel solo canton Zurigo in 24 ore le chiamate sono state più di mille.

Bandiera bianca per gigante giallo

Le condizioni delle strade hanno impedito la distribuzione della posta in varie regioni. La mancata consegna di lettere e pacchi, o i ritardi, hanno riguardato soprattutto la Svizzera orientale, Grigioni compresi, e la Valle di Goms, nell'Alto Vallese, ha riferito il gigante giallo in un comunicato. Quanto non è stato recapitato oggi si troverà nelle bucalettere domani.

Nel pomeriggio l'intensità delle precipitazioni è diminuita e in alcune regioni le nevicate sono finite, ha riferito Meteonews.

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
24 min
Coronavirus ed esercizi pubblici: un controllo su cinque rileva un'infrazione
Sono 17'586 le violazioni registrate, soprattutto in locali notturni
SVIZZERA
1 ora
Al take-away con la gamella
Greenpeace esorta la popolazione a sostenere bar e ristoranti, ma prestando attenzione all'ecologia
SVIZZERA
2 ore
Ad aprile Swiss cancella 9'200 voli
Sono oltre 43'000 i passeggeri interessati dalla misura dovuta alla pandemia
Attualità
2 ore
«La Svizzera ha perso molto prestigio internazionale»
Lo dice l'ex presidente BNS Philipp Hildebrand, che invita la Confederazione a elaborare un piano d'azione
SVIZZERA
2 ore
Sarà un'estate di grandi eventi?
Il ministro della sanità Alain Berset intende autorizzarne lo svolgimento
SVIZZERA
2 ore
La Posta A continuerà a esistere
Il CEO della Posta: «Perché dovremmo tagliare un servizio apprezzato?»
SVIZZERA
3 ore
Per gli alberghi una stagione invernale da dimenticare
Il settore fa i conti con perdite milionarie. E al momento le prenotazioni per l'estate sono inferiori al 2019
FOTO
SAN GALLO
12 ore
«Mi hanno chiamato e mi hanno detto: “Ehi, la tua Ferrari sta bruciando”»
160mila franchi in fumo oggi sulla A13, il racconto del proprietario che... non era il conducente
ARGOVIA
15 ore
Arringa la folla di manifestanti anti restrizioni: docente cantonale licenziato in tronco
Per la direzione, non avrebbe dovuto presentarsi come insegnante. L'interessato: «Rifarei tutto».
FOTO
NEUCHÂTEL
16 ore
Manifestanti anti-misure in corteo a Neuchâtel
È già il secondo corteo quest'anno e c'erano circa 800 manifestanti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile