tipress
BERNA
12.01.21 - 16:220

«Semplificare il sostegno alle imprese in difficoltà»

È quanto chiede la commissione dell'economia e dei tributi del Nazionale.

Espressa anche contrarietà all'obbligo del telelavoro e alla chiusura dei negozi.

BERNA - Nell'attesa che il Consiglio federale annunci domani i nuovi provvedimenti per contenere maggiormente la diffusione del coronavirus, la commissione dell'economia e dei tributi del Nazionale (CET-N) raccomanda all'esecutivo di semplificare e accelerare gli aiuti alle imprese in difficoltà. La commissione è poi contraria all'obbligo del telelavoro e alla chiusura dei negozi.

In una lettera all'esecutivo, la CET-N invita quest'ultimo a sollecitare i Cantoni a semplificare i loro provvedimenti per i casi di rigore e a rendere meno esigenti i requisiti che danno diritto al sostegno. Esame dei casi e pagamenti devono avvenire in fretta e senza lungaggini burocratiche, si legge in una nota odierna dei servizi parlamentari.

La CET-N desidera inoltre che il Consiglio federale adegui due aspetti dell'ordinanza sui casi di rigore. Con 14 voti a 7 e 3 astensioni raccomanda al Consiglio federale di fare in modo che alle imprese con elevati costi fissi non coperti sia consentito derogare al limite del 60% del fatturato medio quale condizione per accedere ai provvedimenti in caso di rigore.

Con 13 voti a 10 (una astensione) chiede inoltre al governo di fare in modo che i contributi non rimborsabili possano ammontare al 30%, e non solo al 10%, del fatturato medio degli anni 2018 e 2019.

No al telelavoro obbligatorio - Circa l'inasprimento dei provvedimenti contro la diffusione del virus, la CET-N vorrebbe che simili misure venissero imposte soltanto in funzione "dell'effettiva situazione epidemiologica e non come misura precauzionale".

Per il momento respinge poi, con 12 voti a 10 (1 astensione), l'obbligo del telelavoro e, con 12 voti a 11 (1 astensione), la chiusura di negozi e commerci che non vendono beni di prima necessità.

Con 12 voti a 7 (5 astensioni) si è inoltre pronunciata contro la regola dei due nuclei familiari per gli incontri privati e, con 11 voti a 9 (4 astensioni) anche contro ulteriori provvedimenti sul posto di lavoro, in particolare l'obbligo generalizzato della mascherina all'interno dei locali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Misure anti-Covid, i Cantoni si fanno sentire
Tra i contrari anche il Ticino, che boccia anche l'idea dei test nelle scuole.
SVIZZERA
4 ore
Tre morti in A3: condannato per omicidio intenzionale
Una manovra folle è costata cara a un 47enne alla guida di una Porsche. Ma ancora di più alle sue vittime
SVIZZERA
6 ore
Così Netflix spenna gli svizzeri
Lo streaming costa anche il 30 per cento in più rispetto ai paesi limitrofi. Ma c'è un modo per pagare meno
ZURIGO
8 ore
Le cure intense zurighesi sono piene
All'ospedale universitario è stato raggiunto un tasso di occupazione del 98%
SVIZZERA
8 ore
Si apre il mese con oltre 10mila casi e 22 decessi
Tensione a livello ospedaliero: i pazienti Covid occupano ora il 27% dei letti di cure intense.
BASILEA CITTÀ
10 ore
Studente contagiato da Omicron, 100 persone in quarantena
Uno dei primi due casi di Omicron accertati in Svizzera è stato rilevato a Basilea, al ginnasio Kirschgarten.
ZUGO
11 ore
Distrugge uno spartitraffico e scappa
I danni dell'incidente avvenuto ieri sera allo svincolo autostradale di Rotkreuz ammontano a diverse migliaia di franchi
SVIZZERA
12 ore
Inflazione in aumento, anche in Svizzera
A novembre nel nostro paese è salita all'1,5%
SVIZZERA
12 ore
Omicron in Svizzera, ecco il terzo caso
La persona contagiata si trova in isolamento. I primi due casi erano stati confermati ieri sera
SVIZZERA
13 ore
Affitti, il tasso di riferimento resta all'1,25%
È il livello più basso di sempre, in vigore dal marzo del 2020
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile