Keystone
Henry Haller
SVIZZERA / STATI UNITI
23.12.20 - 21:590

Addio allo chef svizzero dei presidenti americani

Henry Haller aveva 97 anni. Entrò alla Casa Bianca nel 1965 e guidò la cucina presidenziale fino al 1988

ROCKVILLE - Entrò alla Casa Bianca alla fine del 1965, dopo che lo chef scelto dai Kennedy si era dimesso, e da allora per oltre vent'anni ha preso per la gola cinque presidenti e le loro rispettive famiglie. Henry Haller, il più longevo cuoco al 1600 di Pennsylvania Avenue, è morto a 97 anni il 7 novembre, ma solo nei giorni scorsi la famiglia ne ha dato notizia.

Haller, nato il 10 gennaio 1923 ad Altdorf (UR), dopo aver prestato servizio nell'esercito frequentò la prestigiosa scuola di formazione culinaria dell'Hotel des Balances di Lucerna, che lo portò a diventare chef presso l'albergo a cinque stelle Bellevue Palace di Berna.

Dopo la Seconda guerra mondiale arrivò negli Usa e costruì la sua reputazione prima a Phoenix e poi a New York. Alla Casa Bianca fu assunto da Lyndon Johnson e rimase a guidare la cucina della residenza presidenziale sino al 1988, lavorando anche per Richard Nixon, Gerald Ford, Jimmy Carter e Ronald Reagan, Comandanti in Capo con temperamento e palati profondamente diversi.

Haller ha supervisionato 250 cene di Stato, e il suo libro "The White House Family Cookbook" è ancora oggi un bestseller nonostante sia uscito nel 1987, quando si preparava a lasciare Washington per dedicarsi alle conferenze (lautamente pagate).

Il "New York Times" ricorda ad esempio che Nixon era ossessionato dal girovita, mentre la moglie Patricia mangiava poco e leggero. Lo stesso Haller rivelò con orgoglio che alle 7.30 del mattino del 9 agosto 1974 - poche ore prima che le dimissioni di Nixon diventassero effettive - il presidente entrò in cucina in pigiama e gli disse: "Chef, ho mangiato in tutto il mondo, ma i tuoi piatti sono i migliori".

Gli anni di Ford furono invece relativamente tranquilli, mentre i Carter erano frugali, amichevoli e senza fronzoli, ma gli presentarono la sfida più complessa: una cena per 1'300 persone sul prato della Casa Bianca per celebrare gli accordi di Camp David nel 1978, da organizzare in una settimana.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Omicron: primo caso sospetto in Svizzera
L'Ufsp sta svolgendo accertamenti su una persona rientrata dal Sudafrica una settimana fa
SVIZZERA
10 ore
Predatori, inquilini, stranieri: le votazioni negli altri cantoni
In 10 cantoni i cittadini si sono espressi su oggetti locali. Ecco i risultati
SVIZZERA
10 ore
«L'odio e la rabbia non appartengono alla Svizzera»
Quello della Legge Covid «è il miglior risultato mai raggiunto da una legge posta sotto referendum», così Berset.
ZUGO
12 ore
L'albero di natale in macchina, la multa all'autista
L'appello della polizia: «Bisogna fare attenzione che il carico non ostruisca la visuale»
SVIZZERA
15 ore
Camici in aria, approvata l'iniziativa sulle cure infermieristiche
Il risultato è apparso chiaro sin dai primi risultati: è un trionfo dei favorevoli.
SVIZZERA
15 ore
Sorteggio per eleggere i giudici? Niente da fare
Il 68,1% dei cittadini svizzeri ha deciso di mantenere il sistema attuale
SVIZZERA
16 ore
Fine dei giochi, la Legge Covid trionfa con un netto sì
Il 62% degli svizzeri ha approvato il testo. Alto tasso di consensi anche in Ticino.
FOTO
SVIZZERA
16 ore
Palazzo federale blindato per il voto
Misure di protezione mai viste a Berna in vista del voto odierno sulla Legge Covid-19.
SVIZZERA
17 ore
«La nuova variante si diffonderà presto o tardi anche in Svizzera»
Al momento Tanja Stadler non si sbilancia su un'eventuale maggior pericolosità di Omicron.
SVIZZERA
18 ore
«Venga introdotta la regola del 2G»
Nel giorno della votazione sulla Legge Covid-19, sale la pressione sulle persone non vaccinate.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile