Immobili
Veicoli
20 minuten
ZURIGO
04.12.20 - 19:410

Ragazzino trascinato dall'autobus per 100 metri, autista assolto

L'uomo era a processo per lesioni colpose. È ripartito senza accorgersi che l'11enne era rimasto incastrato nella porta.

La madre del giovane chiedeva una pena severa. Ma per la difesa non era possibile accorgersi che il giovane fosse rimasto incastrato.

ZURIGO - La porta dell'autobus si è chiusa nonostante il sensore, e ha intrappolato il piede dell'undicenne JT*. Il giovane era sceso alla fermata Einfangstrasse, a Zurigo-Affoltern, nel febbraio 2019, ma aveva voluto tenere la porta aperta con il piede (sostiene) a una donna che stava correndo per raggiungere l'autobus.

Ciò nonostante l'autista è ripartito, ha accelerato fino a circa 28 km/h e ha trascinato con sé il ragazzo per quasi 100 metri, fino a quando una passeggera non l'ha avvertito di quanto stava accadendo.

Oggi, l'uomo alla guida del mezzo di trasporto della città di Zurigo è finito a processo per lesioni colpose. Nel decreto d'accusa si legge: «L'imputato non si è assicurato, contrariamente al suo dovere, che tutto fosse in regola sul marciapiede. Ciò significa che si è dimenticato di guardare nello specchietto retrovisore destro». La richiesta di pena era di 30 aliquote giornaliere da 150 franchi e una multa di 1100 franchi. Inoltre, avrebbe dovuto pagare costi procedurali per oltre 2000 franchi. 

«Deve andare in terapia ogni settimana» - La madre di J. prova ancora rabbia per quanto accaduto: «Dall'incidente, mio figlio è dovuto andare in terapia ogni settimana per problemi al ginocchio destro e alla schiena». In estate ha avuto di nuovo una ricaduta e ha camminato con le stampelle per settimane. «È stato un miracolo che sia sopravvissuto all'incidente».

Salvato dallo zaino - «Mamma, se non avessi tenuto la testa alta, ora sarei morto», è quanto le ha detto al pronto soccorso il giovane dopo l'accaduto. Il ragazzino è stato trascinato sulla schiena per tutto il tragitto, presumibilmente lo zaino e la giacca invernale hanno evitato il peggio.

Per la madre è inspiegabile che la porta possa essersi chiusa nonostante i sensori. La VBZ non ha voluto commentare, ma si è rammaricata molto dell'incidente. Dopo l'accaduto è stato assicurato che le porte sono state controllate e che lo specifico sistema a fotocellule in grado di evitare questo tipo di incidenti era funzionante. 

La madre non ha voluto accettare i 3mila franchi di risarcimento proposti dall'azienda di trasporti. Ha chiesto invece che all'autista fosse impedito di mettersi nuovamente alla guida di un mezzo pubblico e che l'azienda di trasporti fosse ritenuta responsabile per l'accaduto.

«Non poteva vederlo» - Tuttavia la difesa ha puntato sull'impossibilità, da parte dell'autista, di accorgersi dell'accaduto: «Il mio cliente non ha potuto vedere il ragazzino. È un autobus articolato lungo 18 metri. Diverse persone erano in piedi alla fermata dell'autobus e hanno limitato il suo campo visivo».

Secondo l'avvocato, la spia di controllo sul veicolo indicava che la porta era chiusa e che poteva procedere. «Il mio cliente non poteva sapere che qualcuno avesse impedito intenzionalmente la chiusura della porta con il piede», ha aggiunto. «Il ragazzo - ha concluso - non ha poi bloccato la porta per una donna che si avvicinava, ma voleva solo parlare con i suo amici sul bus».

Più o meno dello stesso parere il giudice, che ha assolto l'autista e gli ha concesso un risarcimento di 10.000 franchi. «Non è stato possibile determinare senza dubbio se abbia guardato nel retrovisore prima di partire». Quindi è stato scagionato per mancanza di prove. «È stato un tragico incidente e il ragazzo è stato molto fortunato. Non dovrebbe essere tecnicamente possibile che l'autobus possa partire se c'è un piede intrappolato nella porta».

* Nome noto all'editore

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 min
Persone LGBTQI mobbizzate sul lavoro: «Un problema anche qui»
La questione è poco esplorata in Svizzera. Roman Heggli di Pink Cross: «Servono linee guida precise per le aziende»
SVIZZERA
1 ora
Il numero dei trapianti è tornato a quello pre-pandemia
Malgrado lo stress Covid il numero di donatori è aumentato, ma per chi aspetta un organo la situazione resta tesa
SVIZZERA
2 ore
L'acqua di rubinetto che diventa “termale” (e poco ecologica)
Un'inchiesta di Saldo fa luce sui consumi delle strutture wellness per scaldare l'acqua delle piscine
ZURIGO
9 ore
Fuga dalla pandemia, Tina Turner compra un "villaggio"
Una tenuta con dieci edifici e una villa sul lago di Zurigo. La star si è regalata un buen retiro da 70 milioni
SVIZZERA
9 ore
Gli aiuti per Skyguide potrebbero non bastare
Le perdite legate al crollo del traffico aereo sono stimate in 280 milioni di franchi per il 2020 e il 2021
BERNA
11 ore
Quello studio medico corona-scettico che non fa vaccinazioni
I responsabili della struttura di Langenthal non credono né all'efficacia, né alla sicurezza dei preparati disponibili.
BERNA
15 ore
A 203 chilometri all'ora sui 120
Pizzicato sulla A1 in territorio di Gurbrü (BE): si trattava di un diciassettenne con licenza per allievo conducente
ZURIGO
15 ore
Vaccini: «Effetti collaterali rari e non sempre segnalati»
Continuano a circolare segnalazioni circa gli effetti collaterali delle vaccinazioni.
ZUGO
15 ore
In polizia per un interrogatorio, si presenta sotto l'effetto di droga
È quanto accaduto martedì a Zugo. Si tratta di un ventenne, che era giunto al volante della sua auto
SVIZZERA
16 ore
La soddisfazione dei Cantoni
Secondo i direttori della sanità, il Consiglio federale ha tenuto conto della consultazione
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile