Immobili
Veicoli
Keystone
Sophie Pétronin
SVIZZERA / MALI
11.10.20 - 19:290

«L'ostaggio è stato ucciso durante un trasferimento»

Il presunto contesto della morte della missionaria basilese sarebbe stato rivelato ieri. Il DFAE per ora non commenta.

BERNA - La missionaria di Basilea uccisa circa un mese fa in Mali avrebbe opposto resistenza in occasione di uno dei regolari cambi di residenza imposti dai suoi sequestratori. È in queste circostanze che sarebbe stata abbattuta a colpi di arma da fuoco, secondo un giornalista che cita dichiarazioni dell'ostaggio francosvizzera attiva nell'aiuto allo sviluppo Sophie Pétronin, liberata giovedì scorso. Il DFAE non commenta.

Il presunto contesto della morte della basilese è stato rivelato ieri sul canale televisivo internazionale francofono TV5 Monde (finanziato anche dalla Società svizzera di radiotelevisione) dal giornalista Anthony Fouchard. Pétronin gli avrebbe riferito di aver udito degli spari e da allora non ha mai più rivisto la basilese.

Questa versione dei fatti non può essere verificata in modo indipendente. Contattato da Keystone-ATS, il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) oggi non ha voluto commentare le informazioni di TV5 Monde.

A 48 ore da quando la morte violenta della svizzera è stata resa nota, le circostanze del dramma e la localizzazione dei resti del corpo rimangono sconosciute. Non è chiaro neppure perché la missionaria non fosse parte dell'accordo che ha condotto alla liberazione di quattro ostaggi europei e maliani, tra cui Pétronin.

L'annuncio della morte, ad opera del DFAE, risale a venerdì sera. I responsabili del crimine sarebbero membri dell'organizzazione terroristica islamista Jama'at Nasr al-Islam wal Muslim (JNIM), indicava una nota.

La basilese, che da anni lavorava come missionaria a Timbuctù, era stata rapita una seconda volta all'inizio del 2016, dopo che analoga sorte le era toccata nell'aprile del 2012.

L'informazione dell'uccisione era stata fornita nel pomeriggio dalle autorità francesi a quelle svizzere, spiegava il DFAE nel comunicato. Parigi era a sua volta stata informata dell'esecuzione da Pétronin.

Le autorità svizzere, sotto la direzione del DFAE, faranno tutto il possibile per accertare le circostanze esatte del crimine e il luogo in cui si trova il corpo della vittima. Berna tenterà in ogni modo di rimpatriarlo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Migliaia di certificati Covid non saranno più validi
La validità dell'attestazione sarà ridotta a 270 giorni. La misura toccherà chi si è vaccinato prima del 6 maggio 2021
ARGOVIA
3 ore
Cadavere nella grotta, i genitori dell'omicida: «Resta sempre nostro figlio»
Il 22enne, che rischia oltre 16 anni di carcere, sta già scontando anticipatamente la pena.
VAUD
5 ore
«Fosse stato bianco sarebbe ancora vivo»
Circa sei mesi fa un uomo è stato ucciso da un poliziotto a Morges
SVIZZERA
6 ore
La gestione del lupo è efficace
Secondo uno studio, l'abbattimento di singoli esemplari ha permesso di ridurre le uccisioni di bestiame
SVIZZERA
6 ore
Una falla di sicurezza nel portale clienti di AutoPostale
Tra maggio 2021 e gennaio 2022 oltre 1'700 dati non erano protetti. Ora il problema è stato risolto
SVIZZERA
8 ore
Nel 2021 la terra ha tremato oltre mille volte
Tre sismi su suolo elvetico hanno avuto una magnitudo pari o superiore a 4.0: «Un numero più alto del solito».
SVIZZERA
9 ore
Lavoro ridotto, Berna proroga le misure fino a marzo
Il Consiglio federale ha adeguato l'ordinanza Covid-19 a sostegno delle imprese
SVIZZERA
11 ore
Record assoluto di casi in Svizzera: oltre 43mila in 24 ore
In discesa, con il 24,9%, il tasso di occupazione dei pazienti Covid in terapia intensiva.
ZURIGO
12 ore
Nessuna settimana dei "super contagi": «Le misure vanno revocate»
La Task Force aveva previsto una «settimana di super infezioni» per la fine di gennaio.
BASILEA CITTÀ
14 ore
Il mistero dei “cubi” arancioni
Si tratta di geofoni per la localizzazione di fonti di acqua termale per la realizzazione di un impianto geotermico
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile