keystone
ZURIGO
08.10.20 - 08:210
Aggiornamento : 10:01

«Questo aumento mi preoccupa»

L'infettivologo Philippe Eggimann dice la sua sull'impennata di casi in Svizzera.

Le prospettive non sono delle migliori: «Se l'epidemia va fuori controllo, ci sono solo due opzioni: un nuovo lockdown o una massiccia infezione»

ZURIGO - Signor Eggimann, ieri l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha segnalato oltre 1'000 casi di coronavirus in Svizzera, nelle sole 24 ore. Come valuta la situazione?
«Questa impennata mi preoccupa. Si è stabilizzato il numero di contagi nella Svizzera occidentale, cosa che attribuisco alle misure adottate dai cantoni a metà settembre. Ma il numero di casi è in aumento in quasi tutte le altre regioni della Svizzera. Rispetto a paesi come la Spagna o la Francia, siamo ancora in una posizione vantaggiosa. A Parigi, ad esempio, il 40 per cento dei letti di terapia intensiva è già occupato da persone affette da coronavirus. Questo deve essere evitato».

I ricoveri ospedalieri sono ancora bassi in Svizzera...
«Sì, finora sono aumentati solo leggermente. I gruppi a rischio, gli anziani e quelli con precedenti malattie, si proteggono meglio rispetto a quanto accadeva in primavera. Se però il virus si diffonde tra la popolazione, diventerà sempre più difficile per loro prevenire l'infezione. Inoltre, c'è l'inverno in agguato. Una persona che soffre di un'altra malattia respiratoria come l'influenza stagionale, e starnutisce, diffonde le goccioline oltre i sei-otto metri. Le mascherine diventano quindi ancora più importanti».

Secondo Berset molti contagi sono dovuti alle feste private. C'è bisogno di nuove misure? Berlino, ad esempio, ha introdotto il coprifuoco e ha vietato le riunioni fra più di dieci persone.
«Se la situazione non dovesse cambiare, saranno inevitabili nuove misure come il tetto al numero di persone che possono partecipare a celebrazioni private».

Cosa devono fare adesso i Cantoni?
«Abbiamo molta più esperienza ora rispetto a questa primavera. Le misure prese a Ginevra e Vaud stanno funzionando. Ciò include la chiusura dei locali, ma anche l'obbligo di mascherina nei ristoranti se non si è seduti a tavola. Inoltre, questi cantoni hanno intensificato la tracciabilità. Anche i cantoni svizzero tedeschi potrebbero utilizzare tali misure per frenare l'aumento».

Con 1'000 casi al giorno, il tracciamento dei contatti sta raggiungendo i suoi limiti. La Svizzera deve dire addio alla cosiddetta strategia di contenimento, quindi non monitorare più tutte le catene d'infezione, ma proteggere solo i gruppi a rischio?
«No, al contrario. La tracciabilità dei contatti è efficiente. Se l'epidemia va fuori controllo, ci sono solo due opzioni: un nuovo lockdown o una massiccia infezione. Entrambi sono inaccettabili».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Angelo Corrtti 1 mese fa su fb
Ma quando cominceranno a dire la verità sui tamponi? Merlani sappiamo che sei legato dai poteri forti. Ma dire la verità sui tamponi cambierebbe tutto. O non sei libero di dire la verità?
Luca Orientaria 1 mese fa su fb
Ho conosciuto una signora a cui è morto il padre ufficialmente per coronavirus. Ma lei mi ha esplicitamente detto che suo padre versava in condizioni critiche da due anni e che non crede al fatto che sia morto per coronavirus. Ci sono troppi fatti strani con questo virus di origine cinese. Lo stress da panico allarmistico di sicuro non aiuta. Ma i giornali e i media in generale di questo se ne sbattono e continuano ad allarmare. Le lobby della sanità sono molto ambigue, anche loro succubi del Dio Denaro. Qua ci sono interessi multimiliardari e quello che serve è il panico generale, che contribuisce a ingrassare la Big Pharma. Impariamo da paesi come la Tanzania e la Svezia. La loro economia non ha subito grossi colpi e di sicuro hanno una popolazione più felice e meno preoccupata.
bami57 1 mese fa su tio
Tranquilli, la stragrande maggioranza delle persone sta benissimo:)
miomiomio76 1 mese fa su tio
L occupazione ospedaliera ??? Ma davvero ??? Con quello che pago e che non uso dovrei avere un letto disponibile alle Bahamas.... tanta paranoia inflitta dai giornali .... nella seconda ondata ci sono tanti guariti, tanti asintomatici che mandiamo avanti L economia .... proteggere si !!!!le persone a rischio , che non rappresentano L intero paese, ma non “ammazzate” l’economia o rovinerete ancora più persone con un nuovo lockdown ....
pillola rossa 1 mese fa su tio
Opto per la "massiccia" infezione!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
18 min
Fermato senza patente domenica. Lo ritrovano al volante giovedì
Il 51enne è incappato in un controllo radar sulla strada del Maloja
SVIZZERA
1 ora
Sabine Keller-Busse nuova responsabile di UBS Svizzera
Prima di entrare in UBS nel 2010 ha guidato la divisione clientela privata di Credit Suisse per Zurigo.
SVIZZERA
1 ora
Sunrise-UPC: svelati i nomi della nuova direzione
Sono figure di entrambe le aziende originarie: «Ora possiamo contare su una squadra eccezionale».
SVIZZERA
2 ore
Dieci persone, ma da due nuclei familiari al massimo
Sarebbe, secondo indiscrezioni, una delle misure che il Consiglio federale annuncerà oggi
ZURIGO
9 ore
Svizzera o Austria: chi sta facendo meglio nella lotta al Covid?
A differenza della Confederazione, l'Austria ha optato per un altro lockdown in autunno.
SOLETTA
12 ore
Lo stupratore di Olten: disoccupato e spacciava droga
Il vicinato parla del presunto autore dell'aggressione di domenica. Aveva già aggredito altre donne.
SVIZZERA
17 ore
Il Covid si riconosce dal respiro
Ricercatori dell'EPFL hanno sviluppato un algoritmo che permette di diagnosticarne la gravità
GRIGIONI
17 ore
I Grigioni chiudono i ristoranti per (almeno) due settimane
Con un tasso di riproduzione di 1,02, il quarto più alto in Svizzera, il Governo corre ai ripari prima delle festività
VAUD
17 ore
La scuola privata più costosa al mondo organizza feste illegali
Sabato è stata allestita un'attrazione presso l'Institut Le Rosey, sul Lago di Ginevra.
SONDAGGIO
BERNA
18 ore
«Parlarne. Trovare aiuto»: la salute mentale ai tempi del coronavirus
Il 10 dicembre si terrà una giornata per richiamare l'attenzione sulla delicata e quanto mai attuale tematica.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile