Polizia cantonale Grigioni
GRIGIONI
26.09.20 - 10:200
Aggiornamento : 16:34

Esce di strada per la neve, in auto anche il neonato

La 28enne stava percorrendo una strada sterrata quando il veicolo ha sbandato sulla carreggiata innevata.

JENAZ - Una ventottenne e il suo bambino sono rimasti feriti ieri a Jenaz quando la loro auto è uscita di strada a causa della neve ed è finita contro degli alberi.

Secondo la polizia cantonale grigionese, la ventottenne, insieme al figlio di 4 mesi, stava percorrendo una strada sterrata quando il veicolo ha sbadato sulla carreggiata innevata. L'auto è scivolata lungo un pendio ripido per una cinquantina di metri e ha urtato gli alberi.

Un cacciatore ha assistito all'incidente e ha allertato i soccorsi. Madre e figlio sono stati trasporti in ambulanza all'ospedale cantonale di Coira con ferite di media gravità. 

Le condizioni stradali già invernali hanno causato una ventina di incidenti che hanno richiesto l'intervento della polizia cantonale. Gran parte dei veicoli coinvolti era ancora equipaggiata con pneumatici estivi, precisa il comunicato. Sulla maggior parte dei passi grigionesi vige ora l'obbligo di catene e in alcuni casi la strada è stata temporaneamente bloccata per motivi di sicurezza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVITTO
57 sec
Casa anziani lancia un appello per personale immediato
La casa di riposo Rubiswil è alla ricerca d'infermieri e «mani in grado di aiutare»
BERNA
8 min
Coronavirus: Consiglio federale col freno a mano tirato «per paura di critiche»
Secondo il SonntagsBlick, il governo tentennerebbe per timore dell'accusa di voler istituire una "Corona-Diktatur".
SVIZZERA
1 ora
«Il personale di terapia intensiva è già esausto»
Dopo gli applausi della scorsa primavera, il nulla. Turni da 12 ore al giorno, «ma ci sentiamo abbandonati».
SVIZZERA
12 ore
Il Palazzo delle Nazioni s'illumina per l'ONU
Anche il Jet d'eau sarà illuminato di blu: si celebra l'anniversario delle Nazioni Unite
SOLETTA
12 ore
«Più di tre ore per fare il tampone»
«La coda diventava sempre più grande» spiega una testimone
SVIZZERA
15 ore
«Si sarebbe dovuto agire già in estate»
C'è chi vede il 29 giugno come il giorno in cui si sarebbe dovuto iniziare a fare qualcosa, come l'epidemiologo Althaus
SVIZZERA
17 ore
«Eravamo sovraccarichi già due settimane fa»
Dall'elaborazione dei dati, al supporto a chi si trova in quarantena. Un contact tracer racconta il suo lavoro.
SVIZZERA
17 ore
Bloccati un'ora e mezza in galleria
I viaggiatori di un treno diretto da Zurigo a Lucerna sono rimasti bloccati per circa un'ora e mezza
SVIZZERA
17 ore
Coronavirus: «Senza programmabilità gli approvvigionamenti sono a rischio»
L'associazione Commercio Svizzera chiede al Consiglio federale chiarezza sugli scenari da attendersi.
SVIZZERA
20 ore
Ueli Maurer preoccupato per la repressione del dissenso
Il ministro delle finanze ha parlato di tendenze «pericolose per la democrazia» all'Assemblea dei delegati UDC
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile