Keystone
Jérôme Valcke, uscendo dal Tribunale a Bellinzona.
BELLINZONA
22.09.20 - 17:510

Processo FIFA: l'accusa chiede 36 mesi per Valcke

Con la possibilità di sospenderne una parte con la condizionale, con lui alla sbarra Nasser Al-Khelaifi e Joel Pahud

BELLINZONA - Al processo in corso al Tribunale penale federale (TPF) di Bellinzona, il Ministero pubblico della Confederazione ha chiesto una pena di 36 mesi per Jérôme Valcke, l'ex segretario generale della Federazione internazionale di calcio (FIFA) accusato di amministrazione infedele aggravata, falsità in documenti e corruzione passiva.

L'accusa ha comunque ammesso l'eventualità di una parte della pena con la condizionale per Valcke e i due co-imputati: il presidente di Paris Saint-Germain Nasser Al-Khelaifi e un uomo d'affari greco. Per questi ultimi due il procuratore federale Joel Pahud ha chiesto rispettivamente 28 e 30 mesi, per istigazione all'amministrazione infedele e corruzione.

Pahud ritiene che Valcke abbia tradito la grande fiducia riposta in lui dalla FIFA in quattro occasioni. Ha violato le regole che lui stesso aveva contribuito a mettere in atto. Inoltre, si è lasciato corrompere tre volte, distorcendo la concorrenza per 789 milioni di franchi in relazione all'assegnazione dei diritti televisivi per diversi campionati mondiali e altre competizioni FIFA.

Sono infrazioni gravi, ha detto. Il procuratore ha invece considerato una violazione "basso-media" per le due falsità in documenti commesse a favore della sua società Sportunited.

«Valcke ha sofferto professionalmente negli ultimi anni. Non ha trovato lavoro dopo la FIFA», ha sottolineato il pubblico ministero, secondo il quale l'imputato ha pagato personalmente a caro prezzo e ciò è un'attenuante.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Mascherina al chiuso «anche con la distanza»
La raccomandazione arriva dalla task force della Confederazione
BERNA
4 ore
Quarantena per i viaggiatori, tutto ciò che c'è da sapere
Adeguato il valore soglia che regola gli Stati per i quali c'è l'obbligo di quarantena.
VAUD
8 ore
Prilly, spara alla moglie e poi si suicida
La donna è stata ricoverata al CHUV. Le sue condizioni sono tali da metterne in pericolo la vita
SVIZZERA
10 ore
I cybercriminali hanno approfittato parecchio della pandemia
Nel primo semestre dell'anno al Centro nazionale per la cybersicurezza sono giunte oltre 5'000 segnalazioni.
SVIZZERA
11 ore
Coronavirus: Roche vuole produrre centinaia di milioni di test rapidi al mese
Analizzano un campione di saliva e non richiedono personale specializzato per la somministrazione.
SVIZZERA
12 ore
«Dobbiamo fare tutti la nostra parte contro il coronavirus»
Il consigliere federale risponde alle domande dei colleghi di 20 Minuten e dei lettori
SVIZZERA
13 ore
«È adesso il momento cruciale»
Isabelle Moret lancia un appello a tutti: «Solo con la solidarietà potremo superare la crisi».
SVIZZERA
14 ore
In Svizzera altri 287 ricoveri e 31 morti
Il virus continua a circolare molto: ben il 26.6% dei 35'230 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore è risultato positivo
SVIZZERA
15 ore
Contro i blocchi del 5G Swisscom è pronta ad andare in tribunale
La società giudica illegali le moratorie contro la nuova rete: «Sono inaccettabili».
SVIZZERA
16 ore
Uccidono i germi ma «sono potenzialmente pericolosi per occhi e pelle»
Alcuni sanificatori UV dell'azienda svizzera Pearl sono stati richiamati, la nota della Confederazione
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile