Polizia San Gallo
SAN GALLO
09.09.20 - 21:050
Aggiornamento : 22:52

«Costretti a chiedere un prestito per il funerale di nostra madre»

I figli della donna di 46 anni uccisa a San Gallo sono arrivati in Svizzera per recuperare gli oggetti che appartenevano

SAN GALLO - I tre figli della donna italiana di 46 anni uccisa la scorsa settimana a San Gallo da uno sconosciuto sono arrivati in Svizzera. Sono distrutti dal dolore. Così come è annientata dal dolore l'intera famiglia. «Non riusciamo nemmeno a descriverlo quello che proviamo» ha raccontato la zia al portale 20 Minuten.

La donna, come è ormai noto, lavorava a San Gallo come baby sitter di tre bambini. È stata uccisa da un 22enne con una padella di metallo. Si era trasferita da Verona nella cittadina svizzera per lavoro e per aiutare economicamente la famiglia rimasta in Italia.

Stando alla polizia cantonale sembra che vittima e omicida non si conoscessero. Purtroppo la persona che avrebbe potuto spiegare i motivi di questa aggressione non c’è più. L’omicida è stato ucciso dai poliziotti, che lo hanno freddato mentre stava colpendo la donna. Quest’ultima è deceduta poche ore dopo in ospedale, a causa delle ferite riportate.

I figli, come dicevamo, sono arrivati in Svizzera, per sbrigare tutte le pratiche necessarie in queste circostanze: il certificato di morte, lo sgombero di tutti gli oggetti che appartenevano alla mamma. I funerali si sono svolti lunedì in Italia. 

È stato un enorme shock la notizia dell'uccisione. «Io l’ho saputo sul lavoro. Il mio capo è venuto da me e mi ha fatto vedere una notizia di un giornale» ha raccontato la figlia. Con la famiglia per la quale lavorava come baby sitter, hanno mantenuto rapporti cordiali. «Anche il padre dei tre bambini è venuto al funerale, ed costantemente in contatto con noi», ha raccontato la zia della vittima, che vive a Rheintal.

In cerca di un prestito - La famiglia deve ora far fronte a una serie di difficoltà finanziarie. "Stiamo spendendo parecchi soldi», racconta il figlio 30enne, costretto a chiedere un prestito e indebitarsi per poter pagare il funerale, il trasporto della salma e tutto il resto. Finora non si è saputo nulla della famiglia dell'omicida. «È qualcosa di incomprensibile per noi. Basterebbe un piccolo gesto, significherebbe molto», si sfogano i ragazzi.
Hanno svuotato l’intero appartamento dove viveva la madre. Se ne tornano in Italia con mille interrogativi. E con una certezza: la madre è morta cercando di salvare i tre bambini che custodiva.  «Di questo ne siamo assolutamente sicuri».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
19 min
Prima colpisce l'auto con una bottiglia, poi l'agente con un pugno
Il 31enne è stato infine fermato (non senza difficoltà). Ha motivato le sue azioni con l'odio verso la polizia.
SVIZZERA
20 min
TX Group obiettivo di attacchi hacker
Il gruppo mediatico, che pubblica tra gli altri 20 Minuten, ha respinto l'aggressione.
SVIZZERA
30 min
EasyRide conquista il trasporto locale
In un anno la funzione di ticketing automatico è stata utilizzata per circa 4,5 milioni di viaggi
SVIZZERA
46 min
Più donne ai vertici di aziende e istituti parastatali
Il Consiglio federale ha deciso di portare la quota di rappresentanza di entrambi i sessi dal 30 al 40%.
SVIZZERA
1 ora
Il vaccino suscita ottimismo tra gli analisti
Le prospettive riguardanti congiuntura e Borsa sono favorevoli, meno quelle sull'impiego
SVIZZERA
2 ore
Coronavirus in Svizzera: altri 4'876 casi e 100 decessi
Nelle ultime ventiquattro ore è risultato positivo il 16% dei test Covid-19
VAUD
3 ore
Il monossido di carbonio uccide due persone
Tragico incidente sul lavoro a Goillon: le vittime sono due dipendenti del Servizio della sicurezza civile e militare.
SVIZZERA
3 ore
Nestlé cede importanti attività in Cina
Venduto un marchio noto per prodotti a base di riso e per il latte di arachidi
TURGOVIA
4 ore
Uccise e decapitò la nonna, chiesto il proscioglimento
Il 21enne è processo. Per la Procura era malato di mente quando agì, due anni fa.
SVIZZERA
4 ore
Costruzioni, la pandemia riporta il settore al 2015
Già persi 1,2 miliardi di franchi di ricavi dall'inizio dell'anno
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile