20 Minuten (archivio)
SAN GALLO
07.09.20 - 12:390
Aggiornamento : 17:27

La baby-sitter uccisa a colpi di padella

Omicidio di San Gallo: la vittima è una 46enne italiana. Avrebbe cercato di difendere una bambina

Nuovi dettagli sul delitto. L'arma utilizzata dal 22enne è una padella da cucina

SAN GALLO - Nuovi dettagli sull'omicidio di San Gallo. La vittima, si legge sui media italiani, è una donna di Verona, trasferitasi di recente in Svizzera per lavorare come baby-sitter. Secondo indiscrezioni riportate dal Giornale di Vicenza, la 46enne è stata uccisa mentre tentava di difendere la bambina che le era stata affidata, e un’altra donna che in quel momento si trovava in casa.

I giornali d'Oltralpe riferiscono invece indiscrezioni sull'arma del delitto. Si tratterebbe di una padella di metallo, forse reperita dall'aggressore nell'abitazione. La vicenda - particolarmente surreale in quanto non sono emersi collegamenti tra vittima e carnefice - si è conclusa con la morte del giovane, abbattuto dalla polizia.

L'indiscrezione sull'arma del delitto è stata confermata oggi a Keystone-ATS dalla portavoce della procura sangallese Regula Stöckli. A riferirne inizialmente era stato tagblatt.ch, sito web del quotidiano locale.

Il dramma - Il ragazzo, che soffriva probabilmente di problemi psicologici, ha fatto irruzione nell'appartamento della donna sulla Speicherstrasse poco dopo mezzogiorno. Il 22enne ha poi cominciato a picchiare al capo la malcapitata, una cittadina italiana, con una padella trovata in casa. Gli agenti giunti sul posto hanno intimato al sospettato di fermarsi, ma questi non ha reagito, continuando anzi a infierire pesantemente sulla 46enne.

Due poliziotti a quel punto hanno aperto il fuoco, esplodendo diversi colpi in direzione del giovane. L'uomo, un cittadino svizzero, è deceduto sulla scena del crimine, mentre la donna è spirata in ospedale, dove era stata trasportata a causa delle ferite alla testa: troppo grave il trauma cranico con lesioni cerebrali riportato durante il violento pestaggio. Secondo gli inquirenti la scelta della vittima è frutto del caso.

Le circostanze del brutale crimine così come il movente restano oggetto d'indagine, ha affermato Stöckli. Pure l'operato dei due agenti che hanno sparato è sotto investigazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
CANTONE/SVIZZERA
21 min
«Si faccia di più per il clima»
Le manifestazioni si sono svolte in tutta la Svizzera. Gli attivisti hanno fatto sentire la loro voce anche a Bellinzona
NEUCHÂTEL
4 ore
Pugnalò due volte la ex, condannato a quattro anni e mezzo di prigione
L'imputato è stato ritenuto colpevole di tentato omicidio. Il giudice: «Il rischio di conseguenze mortali era elevato».
SVIZZERA
7 ore
«Genero biglietti per il treno gratis, come e quando voglio»
Sfruttando una falla nel sistema informatico delle FFS, un 16enne è riuscito a ottenere diversi biglietti senza pagarli.
FOTOGALLERY
BASILEA CITTÀ
9 ore
King Roger ora ha anche un tram tutto suo
A Basilea è entrato in funzione un convoglio dedicato al campione della racchetta.
SVIZZERA
10 ore
Covid-19: altri 1288 casi e 36 ricoveri in Svizzera
Ieri erano stati registrati 1478 contagi e 13 ospedalizzazioni. Una settimana fa rispettivamente 952 e 22.
NEUCHÂTEL
13 ore
Focolaio Covid in casa anziani, nonostante il vaccino
Su 31 residenti, 22 sono stati contagiati. E questo nonostante una copertura vaccinale del 91% fra gli ospiti.
CANTONE/ SVIZZERA
14 ore
Più sicurezza nelle gallerie (non soltanto nel San Gottardo)
A seguito dell'incidente del 24 ottobre 2001, è scattato un programma da 1,6 miliardi per rendere più sicuri i tunnel
SVIZZERA
17 ore
Sì a legge Covid-19 e cure infermieristiche, più incertezza sulla giustizia
È quanto emerge dal sondaggio svolto a inizio mese dalla SSR sui tre temi in votazione il 28 novembre.
FOTO
SOLETTA
1 gior
«Il ciclista non ha avuto nessuna possibilità di evitare l'impatto»
Il giovane che a bordo di una McLaren aveva gravemente ferito un 38enne è stato condannato a 44 mesi di prigione.
FOTO
GIURA
1 gior
In dogana con armi, munizioni e pure una moto d'epoca (non dichiarata)
Un francese di 59 anni è stato fermato (e multato) domenica 17 ottobre presso il valico di Bure.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile