Immobili
Veicoli
Keystone (archivio)
SVIZZERA / GERMANIA
19.08.20 - 10:560

Spinse un bimbo sotto il treno, a processo un eritreo

L'uomo, che vive a Zurigo, soffre di problemi psichici ed è accusato di aver ucciso il piccolo a Francoforte.

Il Tribunale dovrà ora stabile se fosse penalmente responsabile delle sue azioni. L'accusa chiede il suo internamento permanente in un reparto psichiatrico.

FRANCOFORTE - Si apre oggi a Francoforte il processo nei confronti di un eritreo con problemi psichici, residente a Zurigo, accusato di aver ucciso l'anno scorso un bambino spingendolo sotto un treno in movimento. La vicenda aveva suscitato un acceso dibattito sulla sicurezza in Germania.

Il tribunale dovrà stabilire se l'uomo, che vive in Svizzera da 14 anni, sia penalmente responsabile delle sue azioni. È accusato di un omicidio, due tentati omicidi e lesioni gravi. L'accusa chiede il suo internamento permanente in un reparto psichiatrico. La sentenza è attesa per il 28 agosto.

La mattina del 29 luglio 2019 l'uomo aveva spinto un bambino di otto anni e sua madre 40enne sotto un convoglio ICE che entrava nella stazione di Francoforte. Il piccolo era morto sul posto, mentre la mamma si era salvata all'ultimo secondo. Ferita e sotto shock, era stata trasportata all'ospedale. L'uomo, oggi 41enne, aveva tentato di spingere sotto il convoglio anche una 78enne, che però lo aveva fermato ed era riuscita a mettersi al sicuro.

Il sospetto viveva a Wädenswil (ZH) con la moglie e tre figli piccoli ed era in cura per problemi psichici. In seguito ai fatti, dopo un primo periodo in custodia cautelare, era stato trasferito in una clinica psichiatrica. Secondo la procura, al momento del folle gesto l'uomo soffriva di una psicosi schizofrenica. A causa di questa malattia non era in grado d'intendere e di volere.

In una nota, il tribunale di Francoforte precisa: "Ci sono indizi secondo i quali la capacità di discernimento del sospetto sia stata compromessa da una malattia mentale e che quindi fosse penalmente irresponsabile al momento dei fatti". La stessa Procura della Repubblica rinuncia a un atto d'accusa vero e proprio e presenta una domanda di collocamento permanente in un ospedale psichiatrico dell'eritreo, che non è neanche formalmente definito "accusato".

L'uomo, che non conosceva le sue vittime, era stato catturato dai passanti mentre cercava di fuggire. Era ricercato anche dalle autorità svizzere per aggressioni avvenute commesse quattro giorni prima. Egli non era stato controllato al momento del suo ingresso in Germania, nonostante la notifica della polizia elvetica contro di lui, che riguardava solo il territorio svizzero.

Poco prima dell'apertura del processo, la famiglia del bambino ha per altro accusato gli inquirenti svizzeri e tedeschi della loro mancata collaborazione, in una lettera diffusa dal suo avvocato.

Il caso aveva provocato forte commozione sia in Germania che in Svizzera, portando anche a interventi politici: il ministro degli interni tedesco Horst Seehofer aveva ad esempio manifestato l'intenzione di reintrodurre controlli alla frontiera elvetico-tedesca.

Nel giro di pochi giorni, erano stati raccolti più di 100'000 euro in donazioni per la famiglia del bimbo. Anche l'estrema destra aveva ripreso il caso per denunciare la politica migratoria del governo della Cancelliera Angela Merkel, considerata troppo lassista.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
8 ore
Cassis tratta «gli scagnozzi di Putin» con i guanti?
La Svizzera non ha comunicato l'espulsione di alcun diplomatico russo. Ciò non vuol dire che siano ancora tutti qui
FOTO
BERNA
9 ore
Le fiamme divorano la stalla
È il decimo episodio nella zona. Recentemente altri nove incendi avevano toccato le proprietà di alcuni abitanti
SVIZZERA
10 ore
Iperattività da record: in aumento la richiesta di farmaci
Cinque anni fa il 50% di persone in meno veniva trattato con Ritali o principi attivi simili
SVIZZERA
12 ore
Premio alla generosità per il terzo più ricco della Svizzera
Il miliardario 87enne Hansjörg Wyss ha ricevuto oggi il Gallatin Award da parte del consigliere federale Guy Parmelin.
SVIZZERA
16 ore
Nelle cure intense elvetiche ci sono 44 pazienti Covid
In Svizzera nell'ultima settimana sono stati accertati 10'788 casi, 12 decessi e 150 ricoveri
FOTO
GLARONA
17 ore
Il camion si ribalta, ferito un 22enne
Il braccio dell'autogru ha fatto rovesciare il mezzo.
SVIZZERA
19 ore
Gli svizzeri chiedono di tagliare l'imposta sulla benzina
È quanto emerge da un sondaggio rappresentativo di 20 minuti e Tamedia. Un gruppo di lavoro sta cercando soluzioni
SVIZZERA
21 ore
Sempre più svizzeri faticano ad arrivare a fine mese
Caritas chiede aiuti statali più sostanziosi per i nuclei familiari fragili.
SVIZZERA
21 ore
Mountain bike: «Il casco da solo non basta»
In Svizzera, ogni anno, 400 bikers si feriscono gravemente e quattro-cinque persone perdono la vita.
SVIZZERA
23 ore
Criminali espulsi dalla Svizzera? Oltre il 40% resta
Sono molti i rinvii revocati dal Ministero pubblico o dai giudici.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile