Foto lettore 20 Minutes
VAUD
14.08.20 - 23:060
Aggiornamento : 23:30

Crolla il tetto della Coop a Crissier, ingenti danni materiali

Fortunatamente la struttura ha ceduto alla pioggia alle 22, quando non c'era nessuno

Si indaga ancora sulle esatte cause del crollo. La Coop rimane al momento chiusa.

Fonte Gabriel Nista/ 20 Minutes
elaborata da Jenny Covelli
Giornalista

CRISSIER - Una parte del tetto della Coop presente nel centro commerciale Léman Centre di Crissier, nel canton Vaud, è crollata ieri in serata a causa delle forti precipitazioni.

L'incidente, che non ha causato vittime, ha portato però ad ingenti danni materiali, anche perché diversi altri negozi situati nelle vicinanze della Coop hanno subito dei danni causati dall'acqua.

Oggi, alcuni negozianti del centro commerciale Léman Centre hanno potuto riaprire i battenti. Ma il clima è nero: i clienti sono pochi e il lavoro è tanto.

«Sono qui dalle 7 di stamattina a pulire il pavimento. C'erano 5 cm d'acqua per terra» spiega Albert al portale romando 20 Minutes. Il suo negozio, "Le Shop Belge", si trova a pochi passi dall'ipermercato, ed è stato fortemente colpito dai danni causati dall'acqua. «Tutta la merce che era a terra è da buttare» ha raccontato.

In un altro negozio la scena è simile: «Cosa succederà ancora se arriva un'altra tempesta?» si chiede il proprietario, preoccupato.

Come l'acqua che pian piano sta sparendo dal pavimento della struttura, anche i clienti del centro non si sono fatti vedere. «La chiusura della Coop ci colpisce molto, anche se noi abbiamo riaperto» lamenta Alexandra, direttrice di un negozio di profumi. Un pensiero anche ai colleghi della Coop: «Mi dispiace per loro, non sanno ancora quando potranno tornare al lavoro».

Contattato da 20 Minutes, il gruppo Coop rassicura la clientela. Secondo due studi di ingegneria civile, i negozi del centro sono sicuri. «Solo pochi negozi rimangono chiusi perché sono ancora in fase di riparazione di malfunzionamenti del computer o di pulizia», ha detto la portavoce Cécile Cauderey.

Le cause esatte del crollo del tetto, infatti, sono ancora in fase di indagine.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
don lurio 6 mesi fa su tio
Rivolgersi ad Beneton autostrade.it aaah haaah....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
55 min
Covid-19: 2'560 casi nel weekend svizzero
Sono 16 i decessi registrati da venerdì a causa del virus.
SVIZZERA
1 ora
Posta «affidabile» nel 2020: i mesi più difficili, però, non sono stati nemmeno conteggiati
In primavera e in autunno Berna aveva dispensato il Gigante giallo dai vincoli, per garantire i servizi indispensabili.
ARGOVIA
2 ore
Cadavere trovato un anno fa in una grotta: «Fu omicidio»
Il corpo, ritrovato senza vita il 5 aprile 2020 vicino a Brügg, apparteneva a un 24enne zurighese scomparso nel 2019.
SVIZZERA
2 ore
Una pandemia di donne arrabbiate
In Svizzera il Covid ha colpito l'occupazione femminile. Ma le relazioni coniugali ne hanno beneficiato
SVIZZERA
3 ore
«Vogliono zittire la scienza»
I Verdi lanciano un appello in difesa della task-force Covid
SVIZZERA
3 ore
Sunrise e UPC mantengono i nomi, e ora regalano abbonamenti e laptop
Sunrise e UPC hanno deciso di non eliminare i propri marchi nonostante la fusione. Offerte, vantaggi e regali
SVIZZERA
5 ore
L'immagine della Svizzera «scalfita» dalla pandemia
Lo sostiene Nicolas Bideau, direttore di Presenza Svizzera. Ma aggiunge che il paese è equipaggiato per questa sfida
SVIZZERA
5 ore
La crisi del cioccolato svizzero
La produzione è in calo. E anche noi ne mangiamo meno: per la prima volta dal 1982 consumi sotto i 10 chili a testa
SVIZZERA
5 ore
Bene cibo e hi-tech, male il resto
Il commercio al dettaglio ha sofferto nel mese di gennaio, con alcune eccezioni. I dati dell'UST
SVIZZERA
5 ore
Anche i giocattoli colpiti dalla crisi del coronavirus
Nel 2020 Franz Carl Weber ha perso 2 milioni di franchi. È però stato registrato un aumento delle vendite online
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile