Keystone
SAN GALLO
13.08.20 - 14:400
Aggiornamento : 16:43

Tragedia in canyoning: «Erano esperti, venivano dalla Navarra»

Il quarto torrentista risulta ancora disperso. «Non c'è alcuna speranza di trovarlo in vita».

A dare l'allarme sono state due donne in vacanza in Svizzera con loro. Il temporale di ieri ha raggiunto il livello di pericolo 2 su 3.

PFÄFERS - Stavano facendo una discesa di canyoning senza guida i quattro turisti spagnoli sorpresi ieri sera da un forte temporale mentre praticavano canyoning nella gola del Parlitobel, nella val Tamina, vicino a Pfäfers. Tre sono morti, mentre uno è ancora disperso. Erano considerati esperti e provengono tutti dalla regione della Navarra, a nord della Spagna, ha indicato in una conferenza stampa a Vättis il portavoce della polizia cantonale di San Gallo Hanspeter Krüsi.

I quattro spagnoli, di 30, 33, 38 e 48 anni d'età, stavano effettuando un viaggio in Svizzera assieme a due donne, compresa la moglie di una vittima. Le due donne non hanno preso parte alla discesa e hanno lanciato l'allarme.

L'incidente è avvenuto verso le 19.00. Tre torrentisti sono stati ritrovati privi di vita nella notte. Sono stati travolti dalla massa d'acqua e di rocce e sono stati ritrovati nel bacino idrico di Gigerwald. Il quarto è ancora disperso. Le ricerche sono ancora in corso, ma «non c'è alcuna speranza di trovarlo in vita», ha detto il portavoce.

I servizi meteorologici avevano segnalato il rischio di forti piogge: nella zona dell'incidente, a sud di Vättis, nel comune di Pfäfers (SG), sono stati misurati 40 millimetri di pioggia verso le 18.30. Secondo SRF Meteo, il temporale ha raggiunto il livello di pericolo 2 su 3.

Il più grave incidente di canyoning in Svizzera è avvenuto il 27 luglio 1999 nel Saxetbach, nell'Oberland bernese, dove sono morti 18 turisti - soprattutto giovani australiani e neozelandesi - e tre guide. In seguito a quell'incidente, le misure di sicurezza per la pratica del torrentismo sono state rese più severe. Nel 2014 è entrata in vigore una legge federale che regola l'attività delle guide alpine e e di altre attività a rischio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SOLETTA
1 ora
Stupratore di Olten. «Aveva un enorme problema di droga»
Il 37enne è in carcere, accusati di aver aggredito e accoltellato la 14enne trovata nel bosco Olten
SVIZZERA
5 ore
Stazioni sciistiche e shopping natalizio: ecco le risposte ai molti interrogativi
In viste delle Festività, il Consiglio federale ha rafforzato i provvedimenti contro il coronavirus.
SVIZZERA
5 ore
Ritirati il chorizo di Aldi e i filetti di trota affumicati di Lidl
Entrambe le aziende hanno ritirato il prodotto dalla vendita
ZURIGO
5 ore
Ragazzino trascinato dall'autobus per 100 metri, autista assolto
L'uomo era a processo per lesioni colpose. È ripartito senza accorgersi che l'11enne era rimasto incastrato nella porta.
SVIZZERA
7 ore
Le stazioni sciistiche tirano un sospiro di sollievo
Il fatto che le nuove misure non prevedano limitazioni di capacità soddisfa i comprensori.
SVIZZERA
7 ore
In Romandia cinema e teatri riapriranno
Dal 19 dicembre il mondo della cultura potrà tirare un sospiro di sollievo.
ZUGO
7 ore
Glencore, obiettivo emissioni zero nel 2050
Il Ceo Ivan Glasenberg l'anno prossimo lascerà il timone a Gary Nagle
BERNA
9 ore
Berset: «La situazione è preoccupante»
Decise in particolare nuove restrizioni per i negozi. Lo sci sarà consentito, ma a severe condizioni.
BERNA
10 ore
Crimini, dal DNA più informazioni per gli inquirenti
Questo metodo forense sarà sfruttato per incrementare la sicurezza della popolazione.
SVIZZERA
12 ore
Tre regioni italiane saranno zone rosse
Sono Veneto, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia. Zaia: «La Svizzera non riconosce l'unità d'Italia»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile