keystone
BASILEA CITTÀ
02.07.20 - 08:120

Novartis paga 642 milioni dollari per chiudere le vertenze negli Usa

Le accuse nei confronti del gigante farmaceutico erano di corruzione

Il governo sta dimostrando la sua volontà di assicurare che le aziende farmaceutiche non usino tangenti per influenzare medici e pazienti a prescrivere e comprare certi farmaci

BASILEA - Il colosso farmaceutico Novartis ha accettato di pagare oltre 642 milioni di dollari (608 milioni di franchi) per chiudere le cause legali negli Stati Uniti. La società era accusata di aver corrotto medici.

«Attraverso questo e altri accordi extragiudiziali, il governo sta dimostrando la sua volontà di assicurare che le aziende farmaceutiche non usino tangenti per influenzare medici e pazienti a prescrivere e comprare certi farmaci», ha affermato ieri Jody Hunt, vice procuratore generale degli Stati Uniti, citato in una nota.

L'accusa: Novartis fra il gennaio 2002 e almeno il novembre 2011 avrebbe proceduto a suon di mazzette, camuffate ad esempio quali onorari per interventi durante eventi, con l'obiettivo di spingere i dottori a prescrivere diversi suoi farmaci, fra cui i preparati per l'ipertensione Lotrel e Valturna, nonché quello per il diabete Starlix. Per "oliare" i rapporti d'affari non sarebbero mancati anche pasti pantagruelici: secondo l'accusa la società avrebbe pagato 9750 dollari per un pranzo per tre persone in un ristorante giapponese.

A farne le spese sarebbero stati i programmi governativi di assicurazione sanitaria Medicare e Medicaid, chiamati a versare milioni di dollari per rimborsare i farmaci di Novartis.

Il gruppo basilese ha peraltro già pagato in passato per archiviare accuse relative a metodi illegali per promuovere i suoi prodotti. Nel 2010 ha accettato di versare 422,5 milioni di dollari per risolvere varie accuse civili e penali, comprese tangenti ai medici.

Nell'ambito di quell'accordo Novartis si era dichiarata colpevole di aver erroneamente etichettato un farmaco, ma per il resto non aveva ammesso alcun reato. Nel 2015 il gruppo ha pagato 390 milioni di dollari perché accusato di aver versato tangenti alle farmacie affinché vendessero medicinali della casa renana invece che i preparati della concorrenza. Anche in questo caso non vi era stata alcuna ammissione di colpa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SONDAGGIO TAMEDIA
1 ora
Il prossimo 27 settembre si va alle urne: e voi come voterete?
Aerei da combattimento, immigrazione e congedo di paternità: qual è la vostra opinione? Partecipate al sondaggio Tamedia
FOCUS
8 ore
I 60 giorni più difficili di Daniel Koch
Per due mesi ha avuto i riflettori puntati addosso. È stata la voce più ascoltata durante il Covid.
LUCERNA
10 ore
Due persone annegate in un solo pomeriggio
Un 59enne è morto nel Lago dei Quattro Cantoni. L'altra vittima aveva solo 18 anni, scomparso al lido di Baldegg
SVIZZERA
10 ore
Hotel svendesi, causa Covid-19: «Fra i più colpiti Vallese e Ticino»
Sono decine gli hotel svizzeri in vendita e nei prossimi mesi saranno ancora di più, lo sostengono gli esperti
OBVALDO
13 ore
Perde l'equilibrio e precipita per 350 metri
La vittima è una 69enne, il cui corpo è stato recuperato da un elicottero
LIBANO / SVIZZERA
14 ore
Beirut, da Berna 4 milioni di franchi
L'annuncio del Dipartimento federale degli affari esteri. I mezzi saranno destinati a sanità e rifugi d'emergenza
VAUD
16 ore
Bex, ritrovata senza vita nei pressi di un rifugio
La vittima è una 30enne ungherese, residente a Ginevra. Gli inquirenti ipotizzano un incidente di montagna
BERNA
16 ore
Luogo del contagio "ignoto": «Il tracciamento dei contatti rimane poco efficiente»
Alle catene di trasmissione mancano anelli. Un membro della Task force Covid punta il dito contro i Cantoni.
SVIZZERA
16 ore
Coronavirus: per il presidente del CS servono ulteriori aiuti alle aziende
Quelli proposti finora «sono prestiti, non regali», lamenta Rohner. In mente, però, non ha un programma congiunturale.
ZURIGO
18 ore
Il bagno notturno nella Glatt finisce in tragedia
Un 48enne è deceduto dopo aver tentato di soccorrere un amico sorpreso dalle correnti
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile