Deposit
BERNA
18.06.20 - 17:280

Inasprita la pena per un uxoricida

Il Tribunale d'appello bernese ha accontentato l'accusa: condannato a 17 anni di carcere

BERNA - Il Tribunale d'appello bernese ha aumentato la pena detentiva a un 36enne tunisino, che nel febbraio del 2016 aveva ucciso la moglie. Condannato in primo grado a 15 anni, oggi l'uxoricida si è visto infliggere dalla massima istanza giuridica cantonale 17 anni di reclusione.

L'imputato è reo confesso: si era presentato spontaneamente alle forze dell'ordine poco dopo l'omicidio. I fatti risalgono al febbraio di quattro anni fa, quando l'uomo ammazzò la partner con un coltello in un appartamento di Hasle bei Burgdorf (BE). Il movente era la presunta infedeltà della donna, una 38enne svizzera.

Inizialmente, il tribunale regionale dell'Emmental-Oberaargau aveva condannato il cittadino tunisino a passare dietro le sbarre 15 anni. Nel corso del processo d'appello, la procura ha definito il colpevole un carnefice egoista e senza scrupoli. Secondo la ricostruzione dell'accusa avrebbe infatti quasi decapitato la propria vittima, guardandola morire mentre agonizzava soffocante nel suo stesso sangue.

Il Ministero pubblico ha insistito sui motivi inesistenti che hanno portato al dramma famigliare, ovvero una presunta infedeltà della donna che così facendo avrebbe mancato di rispetto al coniuge. Ha dunque chiesto per l'imputato 17 anni per assassinio.

La difesa puntava a ottenere una condanna a sei anni per omicidio intenzionale. L'avvocato ha descritto il suo cliente come un malato mentale, che soffre di un disturbo borderline della personalità. Non un assassino a sangue freddo quindi, bensì un uomo gravato dai suoi problemi psichici e da un matrimonio travagliato che ha perso la testa dopo un litigio. Una tesi che però non ha convinto il Tribunale d'appello bernese, che invece ha accontentato l'accusa.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
33 min
Ecco perché calano i contagi
La situazione epidemiologica odierna è figlia di diverse motivazioni. Dall'estensione del certificato alle vaccinazioni.
ZURIGO
2 ore
Monta la protesta dei guariti senza Certificato
Secondo alcuni studi, la risposta anticorpale è più duratura tra chi ha avuto il virus rispetto a chi è vaccinato.
SVIZZERA
3 ore
Coronavirus, in Svizzera 1'632 positivi e 5 vittime
Decisamente minore la pressione sugli ospedali, con i pazienti Covid in calo.
SVIZZERA
3 ore
«Volare costa troppo poco, ma le tasse non sono la soluzione»
Doppio “no” del Nazionale a un'imposta sui biglietti aerei e sul cherosene
SVIZZERA
4 ore
Più sicurezza nello sport
In Svizzera si contano ogni anno circa 420'000 infortuni. L'upi chiede un adeguamento delle disposizioni legali
SVIZZERA
5 ore
In Svizzera la pandemia sta rallentando
Contagi e ricoveri sono in calo, secondo il rapporto settimanale dell'UFSP. L'incidenza più bassa in Ticino
SVIZZERA
5 ore
Pazienti più giovani e sani in cure intense: cambiano le regole del triage
L'Accademia svizzera delle scienze mediche ha adeguato le sue linee guida.
ZURIGO
6 ore
Un bar nel mirino dei no-vax
Il Café Elena di Zurigo sta attirando critiche per aver cacciato dal suo locale il coronascettico Nicolas Rimoldi.
SVIZZERA
8 ore
«La pandemia sarà conclusa tra un anno»
Secondo Stéphane Bancel entro la metà del 2022 ci saranno «abbastanza dosi per vaccinare tutto il pianeta».
SVIZZERA
8 ore
Per nuovi allentamenti, «si smetta di trascurare i guariti»
Secondo Felix Schneuwly, esperto di salute di Comparis, «chi è stato infettato è una parte importante della soluzione».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile