Deposit
BERNA
18.06.20 - 17:280

Inasprita la pena per un uxoricida

Il Tribunale d'appello bernese ha accontentato l'accusa: condannato a 17 anni di carcere

BERNA - Il Tribunale d'appello bernese ha aumentato la pena detentiva a un 36enne tunisino, che nel febbraio del 2016 aveva ucciso la moglie. Condannato in primo grado a 15 anni, oggi l'uxoricida si è visto infliggere dalla massima istanza giuridica cantonale 17 anni di reclusione.

L'imputato è reo confesso: si era presentato spontaneamente alle forze dell'ordine poco dopo l'omicidio. I fatti risalgono al febbraio di quattro anni fa, quando l'uomo ammazzò la partner con un coltello in un appartamento di Hasle bei Burgdorf (BE). Il movente era la presunta infedeltà della donna, una 38enne svizzera.

Inizialmente, il tribunale regionale dell'Emmental-Oberaargau aveva condannato il cittadino tunisino a passare dietro le sbarre 15 anni. Nel corso del processo d'appello, la procura ha definito il colpevole un carnefice egoista e senza scrupoli. Secondo la ricostruzione dell'accusa avrebbe infatti quasi decapitato la propria vittima, guardandola morire mentre agonizzava soffocante nel suo stesso sangue.

Il Ministero pubblico ha insistito sui motivi inesistenti che hanno portato al dramma famigliare, ovvero una presunta infedeltà della donna che così facendo avrebbe mancato di rispetto al coniuge. Ha dunque chiesto per l'imputato 17 anni per assassinio.

La difesa puntava a ottenere una condanna a sei anni per omicidio intenzionale. L'avvocato ha descritto il suo cliente come un malato mentale, che soffre di un disturbo borderline della personalità. Non un assassino a sangue freddo quindi, bensì un uomo gravato dai suoi problemi psichici e da un matrimonio travagliato che ha perso la testa dopo un litigio. Una tesi che però non ha convinto il Tribunale d'appello bernese, che invece ha accontentato l'accusa.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
«Eravamo sovraccarichi già due settimane fa»
Dall'elaborazione dei dati, al supporto a chi si trova in quarantena. Un contact tracer racconta il suo lavoro.
SVIZZERA
2 ore
Bloccati un'ora e mezza in galleria
I viaggiatori di un treno diretto da Zurigo a Lucerna sono rimasti bloccati per circa un'ora e mezza
SVIZZERA
2 ore
Coronavirus: «Senza programmabilità gli approvvigionamenti sono a rischio»
L'associazione Commercio Svizzera chiede al Consiglio federale chiarezza sugli scenari da attendersi.
SVIZZERA
4 ore
Ueli Maurer preoccupato per la repressione del dissenso
Il ministro delle finanze ha parlato di tendenze «pericolose per la democrazia» all'Assemblea dei delegati UDC
ZURIGO
6 ore
Tentativo di rapina con coltello, un ferito grave
L'aggressione è avvenuta nella notte vicino alla stazione centrale di Zurigo.
SVIZZERA
8 ore
Mascherina presto obbligatoria anche all'aperto?
Il Consiglio federale ha messo in consultazione alcune ulteriori misure per lottare contro la diffusione del Covid-19.
SVIZZERA
8 ore
«Prima combattiamo il covid, poi la legge sul CO2 e l'accordo quadro»
Marco Chiesa ha aperto questa mattina con un discorso l'assemblea dei delegati dell'UDC.
SVIZZERA
10 ore
UDC e Verdi, le assemblee dei delegati si tengono online
I democentristi discuteranno in particolare dell'accordo quadro. Gli ecologisti di politica agricola.
SVIZZERA
11 ore
«Non servono nuove regole, ma ogni giorno conta»
Marcel Tanner, membro della Task Force Covid-19, si dice allarmato per il rapido aumento di casi in Svizzera.
BASILEA CITTÀ
11 ore
«Ha detto che avrebbe sparato al prossimo senza mascherina»
A.Z. ha un certificato medico, ma la gente non lo sa. E ogni giorno raccoglie insulti sui mezzi pubblici
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile