Keystone
VAUD
07.06.20 - 16:510

Oltre duemila persone in piazza contro il razzismo

Dopo le proteste di ieri in diverse città svizzere (anche a Bellinzona), oggi era la volta di Losanna

LOSANNA - Dopo i raduni di ieri in varie città svizzere, oggi è toccato a Losanna ospitare un'affollata dimostrazione contro il razzismo. Secondo la polizia, in oltre 2'000 hanno manifestato sull'onda delle proteste scatenate dall'uccisione dell'afroamericano George Floyd, avvenuta per mano delle forze dell'ordine di Minneapolis.

Diversi sit-in si sono tenuti in differenti punti del capoluogo vodese e un corteo ha percorso il centro città. Come ieri per esempio a Berna, Basilea e Zurigo, i partecipanti hanno fatto sentire la propria voce contro la violenza della polizia e la discriminazione delle persone di colore.

I manifestanti, vestiti di nero, hanno brandito cartelloni in francese e in inglese con scritte antirazziste, ma anche contro la polizia svizzera, accusata di «uccidere». Sono stati inoltre scanditi slogan simbolo della protesta come "I can't breathe" (non respiro), la frase pronunciata invano dal disperato Floyd, tenuto a terra per lunghi minuti da un agente con un ginocchio sul collo, poco prima di morire.

«Il problema non è limitato agli Stati Uniti», ha spiegato un dimostrante all'agenzia Keystone-ATS. Il razzismo è flagrante anche in Svizzera, ha aggiunto. «Ho amici e conoscenti di colore che mi raccontano come vengono trattati».

I partecipanti al corteo, dopo aver intonato "One Love" di Bob Marley, si sono inginocchiati, alcuni con il pungo levato al cielo, inscenando un'immagine emblematica delle proteste. Il tutto è durato 8 minuti e 46 secondi, il tempo dell'agonia vissuta da George Floyd.

La manifestazione non era autorizzata, ma la polizia non è intervenuta. «Avrebbe potuto essere controproducente», ha puntualizzato un portavoce. Non si sono registrati incidenti, al di fuori di qualche muro e veicolo imbrattati.

Keystone
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
SAN GALLO
6 ore
«Uccidere la propria figlia, come si può arrivare a questo?»
È un quartiere sotto choc quello che questo pomeriggio ha appreso del delitto compiuto da un padre di 54 anni.
VAUD / FRANCIA
6 ore
Uccise una prostituta, ora ha deciso di ricorrere
L'uomo era stato condannato a 30 anni di prigione per il brutale omicidio di una giovane rumena a Sullens.
SVIZZERA
11 ore
Epidemia di femminicidi in Svizzera: «I numeri parlano da soli»
I casi registrati nel 2021 sono ormai saliti a 23, in crescita significativa rispetto allo scorso anno.
SVIZZERA
11 ore
Migranti maltrattati: «Siamo intervenuti»
Sospesi 14 addetti alla sicurezza dei centri per richiedenti asilo. Ma per la Sem «sono casi circoscritti»
SAN GALLO
13 ore
Uccide la figlia e si toglie la vita
Un 54enne e una dodicenne sono stati trovati morti in un'abitazione di Rapperswil-Jona
SVIZZERA
13 ore
«Le accuse di tortura sono false e ingiustificate»
Secondo un'indagine esterna, i diritti dei richiedenti l'asilo nei centri federali vengono generalmente rispettati.
FOTO
BERNA
14 ore
«Un brivido mi scorre lungo la schiena»
Nella notte due bambini sono morti a Leuzigen a causa di un incendio.
SVIZZERA
15 ore
Nel weekend meno di 800 casi al giorno
Sono stati effettuati 63'205 tamponi. Il 3,7% è risultato positivo al coronavirus
SVIZZERA
16 ore
Pass o no? Sciatori nella nebbia
Certificato sì o no? Berna non ha ancora deciso. E gli operatori sciistici si infervorano
SAN GALLO
16 ore
«Il Consiglio federale ha tradito il paese»
Sotto la lente delle autorità le affermazioni che un granconsigliere UDC svittese ha fatto sabato a Rapperswil-Jona
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile