Archivio Tipress
SVIZZERA
03.06.20 - 12:100

La pandemia? Non giustifica il rilascio di un detenuto

Si tratta di un uomo che era in carcerazione preventiva: aveva chiesto di poter uscire a causa del rischio sanitario

LOSANNA - La pandemia di coronavirus non giustifica il rilascio di una persona in carcerazione preventiva. Lo ha stabilito il Tribunale federale (TF) in merito al caso di un detenuto in cella a Sion.

In attesa di una sentenza definitiva in merito all'accusa di atti sessuali con bambini, l'uomo aveva chiesto il suo immediato rilascio per una serie di motivi, tra cui il rischio sanitario accresciuto, tenuto conto anche dello stato di salute personale.

La giustizia vallesana aveva respinto la richiesta, ravvisando che in passato l'interessato era rimasto vittima solo di un esaurimento e di un'influenza. Non aveva inoltre portato prove della presenza del virus in carcere, né di una sua particolare esposizione al rischio di contagio.

In una sentenza pubblicata oggi il TF conferma questo giudizio. In linea generale la corte ricorda che la detenzione deve essere interrotta quando non è in un rapporto ragionevole con il suo scopo. Concretamente, va sempre effettuata una ponderazione degli interessi, tra il fine della detenzione da un lato e i rischi per la salute e le possibilità di trattamento in carcere dall'altro.

Secondo i giudici di Losanna la pandemia non impedisce però la detenzione per motivi cautelari o di sicurezza, perlomeno finché risultano rispettate le direttive dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

Anche una eventuale presenza del virus in carcere - di cui l'accusato non ha portato alcun elemento di prova - non giustificherebbe la chiusura della struttura o l'immediato rilascio dei detenuti. Sarebbe solo necessario un esame più attento delle condizioni di confinamento per evitare il contagio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
1 ora
Una passeggiata durante la quarantena gli costa 2'750 franchi
L'uomo quest'estate è andato in Serbia. Al suo ritorno è stato pizzicato fuori casa e denunciato.
GRIGIONI
2 ore
«Era una persona molto umile, viveva per lo sport»
Comunità in lutto per la scomparsa del 25enne, che ha trovato la morte in baita
SVIZZERA
5 ore
Sommaruga all'ONU per la biodiversità: «Servono sforzi globali»
«I governi devono allineare i loro incentivi finanziari e sussidi ai metodi di produzione sostenibili»
BASILEA CITTÀ
6 ore
Condannato il politico UDC che tirò un pugno a uno straniero
Il Tribunale penale di Basilea Città ha inflitto all'uomo una pena pecuniaria (sospesa) per lesioni semplici.
BERNA
9 ore
Questa ciotola è tossica, contiene troppa melammina
Si tratta del piattino della serie griffata “Wildlife Turtle” prodotta dall'azienda Lässig
SVIZZERA
10 ore
Coop e Migros: cala il divario dei prezzi con Lidl, Aldi e Denner
L'ultimo confronto mostra che lo scarto tra Migros e Coop, e le altre aziende, è ora meno marcato
LUCERNA
10 ore
Una IPA fatta con l'intelligenza artificiale
L'idea di un micro-birrificio e della Scuola universitaria di Lucerna ha prodotto 500 bottiglie
BERNA
12 ore
In Svizzera 411 casi e un morto
Covid, il bollettino delle ultime 24 ore. I nuovi ricoveri sono invece 11
SVIZZERA / STATI UNITI
12 ore
Julius Bär a misura di clientela latino-americana
L'interrogativo riguarda il genere di operazione che l'istituto intende praticare
SONDAGGIO
BERNA
13 ore
Covid: tra entusiasmo e restrizioni tornano i grandi eventi
Le limitazioni imposte fanno storcere qualche naso. E ricevere il via libera non è poi così facile.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile