Keystone
BERNA
29.05.20 - 11:220

Duplice omicidio di Spiez: «L'autore sarà internato»

Nel 2013 l'uomo uccise barbaramente il direttore di un istituto pedagogico minorile e la sua compagna.

L'omicida era stato inizialmente condannato all'ergastolo, ma senza internamento. Il Tribunale federale aveva però ritenuto troppo lieve questa sanzione. Oggi la Corte d'appello del canton Berna ha emesso la sentenza definitiva.

BERNA - Il Tribunale d'appello del Canton Berna ha pronunciato l'internamento contro l'uomo responsabile - assieme al figlio allora minorenne - di un duplice omicidio avvenuto nel 2013 a Spiez (BE), dove vennero brutalmente uccisi il direttore di un istituto pedagogico minorile e la sua compagna.

L'intervento del Tribunale federale - Nel dicembre del 2017 la giustizia bernese lo aveva condannato in seconda istanza all'ergastolo, ma aveva revocato l'internamento. Un anno dopo il Tribunale federale aveva però deciso che la questione dell'internamento si poneva per forza alla luce dei fatti e delle circostanze del crimine. I giudici losannesi avevano pertanto ordinato una perizia complementare in vista di un eventuale internamento dell'autore.

Liberazione anticipata esclusa - Oggi la Corte d'appello del Canton Berna, al termine di un dibattimento durato quattro giorni, ha quindi decretato l'internamento. Secondo i giudici bernesi, in caso di detenzione a vita, esiste la possibilità di una liberazione anticipata dopo quindici anni, se il condannato non presenta più alcun pericolo. Ciò non è possibile con un internamento.

Caso raro - Questa misura è pronunciata assai di rado in Svizzera, ma la vicenda è stata giudicata estremamente grave. Il condannato, uno svizzero di origini italiane oggi 52enne, e suo figlio, allora 16enne, avevano ucciso in modo efferato il direttore dell'istituto pedagogico minorile e la sua compagna, accoltellandoli ripetutamente. I due autori, arrestati dopo 18 mesi d'inchiesta, avevano ammesso che si era trattato di una vendetta. Dieci anni prima il figlio si era sentito vittima di punizioni sproporzionate e umiliazioni.

Il duplice omicidio - L'11 maggio del 2013, padre e figlio si presentarono quindi all'istituto per l'infanzia, chiesero dove fosse il direttore (53 anni), lo trovarono in camera da letto e secondo l'accusa lo uccisero brutalmente con una sessantina di coltellate. La stessa sorte toccò alla sua compagna (51 anni) intervenuta per prestare soccorso e considerata una testimone scomoda. Dopo il delitto la polizia brancolò a lungo nel buio: riuscì a mettere le mani sui responsabili solo 18 mesi più tardi.

La prima condanna - Entrambi erano stati condannati in prima istanza alla pena massima prevista per reati di questo genere: l'ergastolo per il padre e 48 mesi di prigione, pronunciati dalla giustizia minorile, per il figlio. Nei confronti di quest'ultimo era stato pure disposto il collocamento in un istituto chiuso, nonché un trattamento psicoterapeutico. Questi provvedimenti potranno essere rinnovati sino al compimento del 25esimo anno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
L'efficacia di SwissCovid? «Per ora è un mistero»
Le ultime cifre indicano che 1.85 milioni di svizzeri hanno scaricato l'app, ma solo la metà la utilizza.
SVIZZERA
3 ore
Immunità di gregge: «Scelto il test sierologico del CHUV»
L'esame verrà utilizzato nel programma Corona Immunitas che dovrà stimare l'immunità della popolazione svizzera.
FOTO
BERNA
4 ore
Un pellicano in fuga catturato nell'Aare
Il volatile è fuggito martedì mattina dalla gabbia dello zoo Dählhölzli di Berna.
SVIZZERA
5 ore
Record in terapia intensiva: il 10 aprile
I posti letto occupati hanno toccato un picco del 99 per cento tre mesi fa
ZURIGO
5 ore
Coronavirus: un buttafuori digitale può salvare la scena dei club?
Più veloce, più sicura e impersonale. Una macchina è in grado di occuparsi dei controlli all'ingresso delle discoteche.
SVIZZERA
6 ore
In Svizzera 142 nuovi contagi
Salgono a 33 290 i casi dall'inizio della pandemia. Nessun nuovo decesso
SVIZZERA
10 ore
Richemont, vendite a picco tra aprile e giugno
L'azienda numero due al mondo nei beni di lusso non ha avanzato previsioni per il resto dell'esercizio 2020/21
GRIGIONI
11 ore
Trading online: venticinque persone truffate nei Grigioni
La polizia cantonale mette in guardia: «Attenzione agli investimenti finanziari non trasparenti»
SVIZZERA
11 ore
I super-ricchi vogliono raccogliere i frutti dei loro investimenti
La conseguenza? I mercati azionari potrebbero indebolirsi nel resto del 2020
GINEVRA
11 ore
Incendio nella notte a Ginevra, 14 intossicati dal fumo
Due persone sono state portate in ospedale
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile