ARCHIVIO KEYSTONE
ZURIGO
14.04.20 - 12:250
Aggiornamento : 13:44

Andò in zona Isis, ragazza di nuovo in tribunale

Assieme al fratello era già stata condannata con la condizionale

ZURIGO - Quando aveva 15 anni, nel 2014, andò con il fratello 16enne in una zona della Siria controllata dal sedicente Stato Islamico (Isis): all'inizio di maggio comparirà di nuovo in tribunale perché si oppone all'obbligo di colloqui terapeutici.

Al processo davanti al Tribunale minorile di Winterthur, nel febbraio del 2019, i due fratelli si sono entrambi avvalsi della facoltà di non rispondere a quasi tutte le domande e hanno descritto il loro viaggio in Siria come un innocuo impegno di aiuto per la popolazione. I due sono stati condannati con la condizionale per sostengo all'Isis: la ragazza a 10 mesi di prigione, il fratello a 11. Durante il periodo delle indagini hanno trascorso in carcere rispettivamente 9 e 10 mesi.

Il prossimo 4 di maggio il Tribunale cantonale si occuperà principalmente dei colloqui di terapia ordinati alla ragazza dal tribunale dei minorenni, e ai quali non vuole sottoporsi. La giovane ha già chiesto al Tribunale federale l'interruzione della terapia fino a quando l'alta istanza cantonale non avrà riesaminato il suo caso.

Invano però. Per ora deve ancora partecipare alle sedute contro la sua volontà. Il difensore, in dichiarazioni rilasciate alla "Neue Zürcher Zeitung" (NZZ), ha definito "un'assurdità" costringere qualcuno che non è vi disposto a sottoporsi alla terapia. Tanto più che non aumenterebbe di certo la sicurezza in Svizzera.

A differenza della sorella, il fratello ha accettato la sentenza del tribunale di Winterthur. Ma non sembra essersi allontanato dall'ideologia dell'Isis: la procura federale ha infatti nel frattempo avviato un nuovo procedimento penale contro di lui, sempre per violazione del divieto di sostegno allo Stato Islamico.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
«Eravamo sovraccarichi già due settimane fa»
Dall'elaborazione dei dati, al supporto a chi si trova in quarantena. Un contact tracer racconta il suo lavoro.
SVIZZERA
2 ore
Bloccati un'ora e mezza in galleria
I viaggiatori di un treno diretto da Zurigo a Lucerna sono rimasti bloccati per circa un'ora e mezza
SVIZZERA
2 ore
Coronavirus: «Senza programmabilità gli approvvigionamenti sono a rischio»
L'associazione Commercio Svizzera chiede al Consiglio federale chiarezza sugli scenari da attendersi.
SVIZZERA
4 ore
Ueli Maurer preoccupato per la repressione del dissenso
Il ministro delle finanze ha parlato di tendenze «pericolose per la democrazia» all'Assemblea dei delegati UDC
ZURIGO
6 ore
Tentativo di rapina con coltello, un ferito grave
L'aggressione è avvenuta nella notte vicino alla stazione centrale di Zurigo.
SVIZZERA
7 ore
Mascherina presto obbligatoria anche all'aperto?
Il Consiglio federale ha messo in consultazione alcune ulteriori misure per lottare contro la diffusione del Covid-19.
SVIZZERA
8 ore
«Prima combattiamo il covid, poi la legge sul CO2 e l'accordo quadro»
Marco Chiesa ha aperto questa mattina con un discorso l'assemblea dei delegati dell'UDC.
SVIZZERA
10 ore
UDC e Verdi, le assemblee dei delegati si tengono online
I democentristi discuteranno in particolare dell'accordo quadro. Gli ecologisti di politica agricola.
SVIZZERA
10 ore
«Non servono nuove regole, ma ogni giorno conta»
Marcel Tanner, membro della Task Force Covid-19, si dice allarmato per il rapido aumento di casi in Svizzera.
BASILEA CITTÀ
11 ore
«Ha detto che avrebbe sparato al prossimo senza mascherina»
A.Z. ha un certificato medico, ma la gente non lo sa. E ogni giorno raccoglie insulti sui mezzi pubblici
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile