ARCHIVIO KEYSTONE
ZURIGO
14.04.20 - 12:250
Aggiornamento : 13:44

Andò in zona Isis, ragazza di nuovo in tribunale

Assieme al fratello era già stata condannata con la condizionale

ZURIGO - Quando aveva 15 anni, nel 2014, andò con il fratello 16enne in una zona della Siria controllata dal sedicente Stato Islamico (Isis): all'inizio di maggio comparirà di nuovo in tribunale perché si oppone all'obbligo di colloqui terapeutici.

Al processo davanti al Tribunale minorile di Winterthur, nel febbraio del 2019, i due fratelli si sono entrambi avvalsi della facoltà di non rispondere a quasi tutte le domande e hanno descritto il loro viaggio in Siria come un innocuo impegno di aiuto per la popolazione. I due sono stati condannati con la condizionale per sostengo all'Isis: la ragazza a 10 mesi di prigione, il fratello a 11. Durante il periodo delle indagini hanno trascorso in carcere rispettivamente 9 e 10 mesi.

Il prossimo 4 di maggio il Tribunale cantonale si occuperà principalmente dei colloqui di terapia ordinati alla ragazza dal tribunale dei minorenni, e ai quali non vuole sottoporsi. La giovane ha già chiesto al Tribunale federale l'interruzione della terapia fino a quando l'alta istanza cantonale non avrà riesaminato il suo caso.

Invano però. Per ora deve ancora partecipare alle sedute contro la sua volontà. Il difensore, in dichiarazioni rilasciate alla "Neue Zürcher Zeitung" (NZZ), ha definito "un'assurdità" costringere qualcuno che non è vi disposto a sottoporsi alla terapia. Tanto più che non aumenterebbe di certo la sicurezza in Svizzera.

A differenza della sorella, il fratello ha accettato la sentenza del tribunale di Winterthur. Ma non sembra essersi allontanato dall'ideologia dell'Isis: la procura federale ha infatti nel frattempo avviato un nuovo procedimento penale contro di lui, sempre per violazione del divieto di sostegno allo Stato Islamico.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
ZURIGO
25 sec
Entrano in casa, li legano, e fuggono con gioielli e denaro
La polizia è alla ricerca dei malviventi autori di un colpo avvenuto, questa mattina, in una villetta a Oberengstringen.
SVIZZERA
30 min
Lungo autostrade e ferrovia c'è energia da sfruttare
Con l'installazione d'impianti fotovoltaici sui ripari fonici, si potrebbero ricavare 101 GWh all'anno
BERNA
1 ora
Per cambiare sesso bastano 75 franchi
Una modifica di legge permette di sveltire il cambio nello stato civile.
SVIZZERA
1 ora
Un anno in più di Covid Pass dopo la terza dose
Durante la conferenza stampa di ieri gli esperti avevano erroneamente detto che il pass non sarebbe stato prolungato.
SVIZZERA
12 ore
Terza dose. Con quale vaccino? Da quando? E il certificato?
Domande e risposte sulla vaccinazione anti-Covid di richiamo, approvata oggi da Swissmedic per le persone a rischio
BASILEA
15 ore
Il controllore omicida è al sicuro a Hong Kong
Karim Ouali ha fatto perdere le sue tracce nel 2011. Ora la Cina non vuole estradarlo
GRIGIONI
17 ore
«Vogliamo che venga finalmente rinchiuso»
Nel 2017 il frontale costato la vita a una 27enne. Condannato, l'automobilista non aveva accettato la sentenza
FOTOGALLERY
VAUD
19 ore
Tonnellate di spazzatura disseminate sull'A1
Un incidente avvenuto stamattina ha causato la chiusura dell'autostrada fra Nyon e Gland fino alle 18.
BERNA
21 ore
«I contagi continueranno ad aumentare»
Patrick Mathys in merito alla pandemia: «Solo in due cantoni il tasso di riproduzione è ancora sotto l'1»
SVIZZERA
21 ore
Covid, 1'491 casi e 9 decessi in Svizzera
In diminuzione i pazienti ricoverati in cure intense a causa del virus, che occupano ora l'11,6% dei posti letto.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile