20 Minuten
ARGOVIA
10.04.20 - 23:000

La rissa con lo spray al pepe fuori dalla Migros è ancora più assurda di quanto si pensasse

Ed è continuata anche dopo, nei bagni. Parla la 25enne incinta coinvolta: «Ho avuto un travaglio prematuro»

SUHR - Un litigio fuori dal supermercato esacerbatosi tanto da finire a cazzotti e spray al pepe, fra le vittime della colluttazione - avvenuta giovedì a Suhr (AG) fra due coppie - c'era una 25enne in dolce attesa.

All'inizio, come riportato anche qui su tio.ch - si pensava che all'origine del diverbio ci fosse lo stress e la violazione della reciproca distanza sociale, ma pare non sia proprio così.

Stando a 20 Minuten che ha intervistato proprio la ragazza incinta all'origine della lite ci sarebbe una questione di soldi che avrebbe fatto imbestialire uno degli aggressori, tale T.*, un 67enne la cui compagna 36enne ha poi estratto la bomboletta di spray urticante.

Proprio a lei, sua collega di lavoro, la ragazza aveva prestato «diverse centinaia di franchi», spiega lei, «quando l'ho vista le ho voluto parlare». Poi, durante la discussione, a un certo punto è saltato fuori lo spray al pepe: «Il mio ragazzo non l'ha presa bene e ha reagito con violenza. Io non ho visto più niente, ero nel buio».

Il tutto è poi continuato nel bagno del centro commerciale: «Ero lì per lavarmi la faccia urticata», spiega la 25enne, «mi hanno seguita e spinta a terra ed ho avuto un travaglio prematuro». Per lei e il compagno una corsa all'ospedale: «Adesso sto bene, e sta bene anche il bambino».

Per quanto riguarda l'aggressore, invece, un naso rotto conferma la polizia. Stando a 20 Minuten, si tratterebbe di una persona problematica ben nota nel quartiere: «Lui e la compagna urlano tutta la notte e gettano in giro cose, fanno un gran baccano», confermano dei vicini che li hanno già segnalati alla polizia.

*nome noto alla redazione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
11 ore
Riaperture, ecco ciò che devi sapere
Il Consiglio federale ha deciso una riapertura graduale. Ripartono negozi, musei e impianti sportivi all’aperto.
SVIZZERA
12 ore
«Decisione incomprensibile e ingiustificabile»
«Il mancato allenamento sarà fatale alla ristorazione», tuona il presidente di GastroSuisse Casimir Platzer.
SVIZZERA/CINA
12 ore
Credit Suisse e UBS stanno spostando i loro banchieri da Hong Kong alla Cina
Si tratta di una strategia ben precisa che potrebbe nascondere una perdita di appeal del polo asiatico
SVIZZERA
13 ore
Aperture prudenti: UDC e PLR delusi, gli altri partiti no
Marco Chiesa parla di «affronto» verso i Cantoni e le commissioni parlamentari. Scelta «incomprensibile» per il PLR.
SVIZZERA
13 ore
Mezza Italia sulla lista nera di Berna
L'Ufsp ha aggiornato l'elenco dei Paesi e delle regioni per cui dal prossimo otto marzo varrà l'obbligo di quarantena.
ARGOVIA
14 ore
I vaccinati nel mirino dei truffatori
Nel Canton Argovia ignoti hanno contattato persone vaccinate chiedendo loro una donazione
FRIBURGO
15 ore
Salvato a un passo dal precipizio
Un escursionista di 70 anni si è perso ieri pomeriggio nei boschi di Marly.
SVIZZERA
15 ore
Nessuno sconto alla ristorazione (per ora)
I provvedimenti presentati dal Governo la scorsa settimana sono stati quasi completamente confermati.
SVIZZERA
15 ore
Tutti quei posti nel metalmeccanico portati via dalla pandemia
Sono migliaia, e le prospettive non sono rosee. L'appello di Swissmem: «Ancora 24 mesi di indennità»
SVIZZERA
15 ore
Utile netto in deciso aumento per EFG International
All'istituto, ben presente anche in Ticino, si guarda al futuro con ottimismo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile