20 Minuten
ARGOVIA
10.04.20 - 23:000

La rissa con lo spray al pepe fuori dalla Migros è ancora più assurda di quanto si pensasse

Ed è continuata anche dopo, nei bagni. Parla la 25enne incinta coinvolta: «Ho avuto un travaglio prematuro»

SUHR - Un litigio fuori dal supermercato esacerbatosi tanto da finire a cazzotti e spray al pepe, fra le vittime della colluttazione - avvenuta giovedì a Suhr (AG) fra due coppie - c'era una 25enne in dolce attesa.

All'inizio, come riportato anche qui su tio.ch - si pensava che all'origine del diverbio ci fosse lo stress e la violazione della reciproca distanza sociale, ma pare non sia proprio così.

Stando a 20 Minuten che ha intervistato proprio la ragazza incinta all'origine della lite ci sarebbe una questione di soldi che avrebbe fatto imbestialire uno degli aggressori, tale T.*, un 67enne la cui compagna 36enne ha poi estratto la bomboletta di spray urticante.

Proprio a lei, sua collega di lavoro, la ragazza aveva prestato «diverse centinaia di franchi», spiega lei, «quando l'ho vista le ho voluto parlare». Poi, durante la discussione, a un certo punto è saltato fuori lo spray al pepe: «Il mio ragazzo non l'ha presa bene e ha reagito con violenza. Io non ho visto più niente, ero nel buio».

Il tutto è poi continuato nel bagno del centro commerciale: «Ero lì per lavarmi la faccia urticata», spiega la 25enne, «mi hanno seguita e spinta a terra ed ho avuto un travaglio prematuro». Per lei e il compagno una corsa all'ospedale: «Adesso sto bene, e sta bene anche il bambino».

Per quanto riguarda l'aggressore, invece, un naso rotto conferma la polizia. Stando a 20 Minuten, si tratterebbe di una persona problematica ben nota nel quartiere: «Lui e la compagna urlano tutta la notte e gettano in giro cose, fanno un gran baccano», confermano dei vicini che li hanno già segnalati alla polizia.

*nome noto alla redazione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
10 min
Coronavirus, il 4% delle varianti analizzate corrisponde a Omicron
Si tratta dei dati relativi ai virus sequenziati nel corso dell'ultima settimana
ZURIGO
1 ora
Sedici anni di prigione per aver ucciso la fidanzata
I fatti sono avvenuti nel 2020 a Hombrechtikon, nel Canton Zurigo. Riconosciuto colpevole un 48enne polacco
SVIZZERA
2 ore
Obbligo di vaccinazione per gli equipaggi Edelweiss
Seguendo l'esempio di Swiss, ai dipendenti è stato dato tempo fino al 2022 per farsi vaccinare
FOTO
SVIZZERA
2 ore
La capsula futuristica dove si può morire da soli potrebbe presto arrivare in Svizzera
Ne è certa Exit International. Il dispositivo, che funziona senza farmaci, si può fare anche con una stampante 3D
SVIZZERA
4 ore
«Abbiamo toccato il record di casi da inizio pandemia»
Alta tensione nelle strutture ospedaliere: il Consiglio federale mette migliaia di militi a disposizione dei Cantoni.
SVIZZERA
4 ore
In Svizzera 9'571 nuovi contagi e 28 decessi in ventiquattro ore
Le unità di terapia intensiva sono piene all'80%. Il 31% dei letti è occupato da pazienti Covid
SVIZZERA
5 ore
Anziani, vaccinatevi!
È l'appello del Consiglio svizzero degli anziani
SVIZZERA
8 ore
Lunga vita alla radio FM
Una mozione chiede la disattivazione solo quando DAB e radio web avranno raggiunto una quota di mercato del 90%
SVIZZERA
11 ore
Il "certificato" sulla bocca di tutti
Si tratta del termine più significativo dell'anno elvetico. Al secondo posto "urgenza", seguita da "exploit"
Berna
22 ore
Test gratuiti: sì, ma non tutti
Il Consiglio degli Stati vuole escludere antigenici rapidi per uso personale e sierologici non ordinati dal cantone
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile