20 Minuten
ARGOVIA
10.04.20 - 23:000

La rissa con lo spray al pepe fuori dalla Migros è ancora più assurda di quanto si pensasse

Ed è continuata anche dopo, nei bagni. Parla la 25enne incinta coinvolta: «Ho avuto un travaglio prematuro»

SUHR - Un litigio fuori dal supermercato esacerbatosi tanto da finire a cazzotti e spray al pepe, fra le vittime della colluttazione - avvenuta giovedì a Suhr (AG) fra due coppie - c'era una 25enne in dolce attesa.

All'inizio, come riportato anche qui su tio.ch - si pensava che all'origine del diverbio ci fosse lo stress e la violazione della reciproca distanza sociale, ma pare non sia proprio così.

Stando a 20 Minuten che ha intervistato proprio la ragazza incinta all'origine della lite ci sarebbe una questione di soldi che avrebbe fatto imbestialire uno degli aggressori, tale T.*, un 67enne la cui compagna 36enne ha poi estratto la bomboletta di spray urticante.

Proprio a lei, sua collega di lavoro, la ragazza aveva prestato «diverse centinaia di franchi», spiega lei, «quando l'ho vista le ho voluto parlare». Poi, durante la discussione, a un certo punto è saltato fuori lo spray al pepe: «Il mio ragazzo non l'ha presa bene e ha reagito con violenza. Io non ho visto più niente, ero nel buio».

Il tutto è poi continuato nel bagno del centro commerciale: «Ero lì per lavarmi la faccia urticata», spiega la 25enne, «mi hanno seguita e spinta a terra ed ho avuto un travaglio prematuro». Per lei e il compagno una corsa all'ospedale: «Adesso sto bene, e sta bene anche il bambino».

Per quanto riguarda l'aggressore, invece, un naso rotto conferma la polizia. Stando a 20 Minuten, si tratterebbe di una persona problematica ben nota nel quartiere: «Lui e la compagna urlano tutta la notte e gettano in giro cose, fanno un gran baccano», confermano dei vicini che li hanno già segnalati alla polizia.

*nome noto alla redazione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
53 min
Freddo e neve, i disagi oltralpe proseguono
Soprattutto per quanto riguarda i mezzi pubblici: diverse tratte ferroviarie sono tuttora bloccate.
SVIZZERA
1 ora
«I cantoni più lenti avranno meno dosi»
È l'indiscrezione riportata nell'edizione odierna della NNZ am Sonntag.
SVIZZERA
1 ora
Quelle 6'000 aziende che non riceveranno alcun aiuto
Si tratta delle imprese fondate dopo lo scoppio della pandemia. Non rientrano nei cosiddetti casi di rigore.
SVIZZERA
12 ore
I "corona-scettici" e le minacce online: «Assaltiamo Palazzo Federale»
Alcuni gruppi radicali contrari alle misure anti-coronavirus invocano un attacco a Berna
SVIZZERA
14 ore
Dramma a Gerlafingen: due bambine trovate morte in un appartamento
La madre è stata arrestata dalla polizia: è la principale indiziata
LE FOTO
SVIZZERA
16 ore
Comprensori sciistici, è caos valanghe: ci sono 2 morti
La polizia e la Rega hanno lavorato ininterrottamente per cercare eventuali dispersi
SVIZZERA
17 ore
«Inserite la salvaguardia delle risorse naturali nella Costituzione»
Lo chiedono i giovani verdi, che si apprestano a lanciare un'iniziativa popolare
SVIZZERA
19 ore
«Potremmo dover chiudere le piste da sci»
La consigliera federale Viola Amherd non esclude provvedimenti. E difende la scuola reclute a distanza
FOTO
SVIZZERA
19 ore
Stazioni sciistiche prese d'assalto dopo la grande nevicata
Davanti alle casse o nei pressi degli impianti sono state immortalate lunghe code di sciatori.
SVIZZERA
21 ore
Addio al barone de Rothschild
Stroncato da un infarto Benjamin, figlio del banchiere Edmond. Aveva 57 anni
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile