tipress (archivio)
BERNA
30.03.20 - 16:380
Aggiornamento : 18:42

«Ora che sono guarita prendo i mezzi pubblici senza paura»

Non solo infezioni, ma anche guarigioni. E c'è chi, forte dei presunti anticorpi, si sente fuori pericolo

Dall'Ufficio federale della sanità pubblica tuttavia il monito a restare attenti e non abbassare la guardia

BERNA - I laboratori svizzeri stanno ricevendo i primi test sugli anticorpi Covid-19 che verranno effettuati a partire dalla prossima settimana. Questi serviranno a rilevare il numero di coloro che si sono ripresi dal coronavirus. Gli esami, secondo il portavoce dell'Ufficio federale della sanità pubblica Daniel Koch, dovranno essere effettuati a un numero ampio di persone.

Il motivo? Chi è sopravvissuto al coronavirus e quindi ha gli anticorpi corrispondenti nel sangue è probabilmente immune a una ricaduta. Nonostante vi siano notizie di individui nuovamente infettati, questa - secondo Koch - «non è certamente la regola».

Quanti sono sopravvissuti al virus corona? - Stando all' UFSP, le infezioni confermate ad oggi sono 15'475. Il numero preciso degli ammalati ora guariti non è noto e, come per i positivi, anche il numero di casi non segnalati è elevato tra quelli che si sono ripresi, poiché la malattia spesso è asintomatica.

Una sopravvissuta al coronavirus è Milena C., infermiera presso un ospedale regionale nel canton Berna. «Probabilmente ho contratto il virus sul treno», spiega a 20 Minuten. «Mi sono trovata nello stesso scompartimento di un uomo che tossiva molto. Probabilmente è stata quell'occasione».

Ha continuato a lavorare con la mascherina - La settimana successiva, C. ha iniziato a lamentare dei mal di gola. A quel punto è stata sottoposta al test. Nel frattempo, ha continuato a lavorare secondo le regole del suo ospedale, quindi indossando una mascherina. Risultata positiva, però, ha dovuto restare isolata in casa.

Fortunatamente, la sua malattia è stata lieve: «Ho sperimentato il coronavirus come un'influenza normale». A parte la tosse, il mal di gola e qualche linea di febbre, il tutto si è risolto senza il ricorso a cure particolari, nell'arco di un paio di settimane.

«Devo stare meno attenta» - Questa settimana a C. è permesso uscire dalla quarantena e tornare a lavorare. Non sa ancora se verrà usata in modo diverso a causa della presunta immunità o se potrà perfino evitare alcuni accorgimenti entrando a contatto con pazienti positivi al Covid-19.

Ma una cosa le è chiara: «Devo stare meno attenta. Ora posso prendere i mezzi pubblici o fare la spesa con la coscienza pulita». Tuttavia, l'infermiera è ancora indecisa sull'andare a trovare o meno la nonna, che presto compirà gli anni.

Le regole di condotta devono ancora essere rispettate - Questa settimana, Daniel Koch ha precisato che coloro che si sono ripresi dal virus possono ritenersi fortunati ma «dovrebbero comunque rispettare la normativa vigente», anche perché è impossibile distinguerli da tutti gli altri.

Dai sintomi lievi al ricovero - DM, che lavora per un'azienda di tecnologia medica, è un altro caso di guarigione dal virus. Sostiene di averlo contratto durante una riunione di lavoro. «All'inizio i sintomi erano lievi», spiega. Poi, però, la situazione è peggiorata. Quando ha iniziato ad avvertire "fame d'aria", è stato trasferito all'ospedale universitario di Zurigo. «Ho capito che era qualcosa di grave». Sull'ambulanza, aggiunge «nessuno era seduto sul retro assieme a me. E tutti erano protetti con una maschera, guanti e tuta».

L'isolamento gli è stato imposto anche in ospedale. «Le misure erano molto severe», assicura. Era trasportato in sedia a rotelle dal personale infermieristico e non gli era permesso di camminare da solo. Anche nella stanza, tutti si tenevano a debita distanza. «Gli infermieri spesso mi chiamavano e raramente venivano personalmente».

Nel frattempo M. è di nuovo in salute, può uscire e lavorare. Tuttavia, è attualmente "confinato a casa" come previsto dal suo datore di lavoro.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
«Se loro sbagliano, la gente perde fiducia»
Knill: «In una pandemia, questo è particolarmente pericoloso perché può avere un impatto diretto sui contagi»
SVIZZERA
5 ore
Swiss parla il Ceo: «La ripresa è più dura del previsto»
Il 2020 per la compagnia elvetica «sarà una grande sfida», per ora le prenotazioni sono il 20% del normale
LIBANO / SVIZZERA
5 ore
«Sembra che da qui sia passata la guerra»
La 26enne svizzera Souraya Khaled vive vicino al porto di Beirut. Ecco come ha vissuto l'esplosione.
SVIZZERA
6 ore
Mancano macchinisti, le FFS sopprimono alcuni treni
La crisi del coronavirus ha ulteriormente messo in difficoltà le Ferrovie federali.
SVIZZERA
7 ore
«Il virus sta aumentando». Spagna nella lista nera. A rischio le donne incinte
Dalla decisione sono al momento escluse le Isole Baleari e le Isole Canarie
SVIZZERA
8 ore
Chi torna dalla Spagna dovrà mettersi in quarantena
Chiunque rientrerà dal Paese iberico dovrà annunciarsi alle autorità cantonali.
SVIZZERA
9 ore
Altri 181 casi e un ricovero, ma nessun decesso
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 35'927. I decessi sono 1'706.
SVIZZERA
9 ore
«Molti hanno problemi respiratori anche dopo essere stati dimessi»
L'ospedale di Friburgo ha analizzato i dati dei pazienti ospedalizzati con un'infezione da Sars-CoV2 tra marzo e aprile.
SVIZZERA
10 ore
Migliorano le stime del PIL svizzero
Il KOF prevede ora una flessione leggermente meno marcata di quanto precedentemente ipotizzato.
SVIZZERA
11 ore
«La crisi ha mostrato l'importanza della libera circolazione»
Per l'Usam un sì all'iniziativa "per un'immigrazione moderata" affosserebbe le PMI elvetiche.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile