tipress (archivio)
BERNA
30.03.20 - 16:380
Aggiornamento : 18:42

«Ora che sono guarita prendo i mezzi pubblici senza paura»

Non solo infezioni, ma anche guarigioni. E c'è chi, forte dei presunti anticorpi, si sente fuori pericolo

Dall'Ufficio federale della sanità pubblica tuttavia il monito a restare attenti e non abbassare la guardia

BERNA - I laboratori svizzeri stanno ricevendo i primi test sugli anticorpi Covid-19 che verranno effettuati a partire dalla prossima settimana. Questi serviranno a rilevare il numero di coloro che si sono ripresi dal coronavirus. Gli esami, secondo il portavoce dell'Ufficio federale della sanità pubblica Daniel Koch, dovranno essere effettuati a un numero ampio di persone.

Il motivo? Chi è sopravvissuto al coronavirus e quindi ha gli anticorpi corrispondenti nel sangue è probabilmente immune a una ricaduta. Nonostante vi siano notizie di individui nuovamente infettati, questa - secondo Koch - «non è certamente la regola».

Quanti sono sopravvissuti al virus corona? - Stando all' UFSP, le infezioni confermate ad oggi sono 15'475. Il numero preciso degli ammalati ora guariti non è noto e, come per i positivi, anche il numero di casi non segnalati è elevato tra quelli che si sono ripresi, poiché la malattia spesso è asintomatica.

Una sopravvissuta al coronavirus è Milena C., infermiera presso un ospedale regionale nel canton Berna. «Probabilmente ho contratto il virus sul treno», spiega a 20 Minuten. «Mi sono trovata nello stesso scompartimento di un uomo che tossiva molto. Probabilmente è stata quell'occasione».

Ha continuato a lavorare con la mascherina - La settimana successiva, C. ha iniziato a lamentare dei mal di gola. A quel punto è stata sottoposta al test. Nel frattempo, ha continuato a lavorare secondo le regole del suo ospedale, quindi indossando una mascherina. Risultata positiva, però, ha dovuto restare isolata in casa.

Fortunatamente, la sua malattia è stata lieve: «Ho sperimentato il coronavirus come un'influenza normale». A parte la tosse, il mal di gola e qualche linea di febbre, il tutto si è risolto senza il ricorso a cure particolari, nell'arco di un paio di settimane.

«Devo stare meno attenta» - Questa settimana a C. è permesso uscire dalla quarantena e tornare a lavorare. Non sa ancora se verrà usata in modo diverso a causa della presunta immunità o se potrà perfino evitare alcuni accorgimenti entrando a contatto con pazienti positivi al Covid-19.

Ma una cosa le è chiara: «Devo stare meno attenta. Ora posso prendere i mezzi pubblici o fare la spesa con la coscienza pulita». Tuttavia, l'infermiera è ancora indecisa sull'andare a trovare o meno la nonna, che presto compirà gli anni.

Le regole di condotta devono ancora essere rispettate - Questa settimana, Daniel Koch ha precisato che coloro che si sono ripresi dal virus possono ritenersi fortunati ma «dovrebbero comunque rispettare la normativa vigente», anche perché è impossibile distinguerli da tutti gli altri.

Dai sintomi lievi al ricovero - DM, che lavora per un'azienda di tecnologia medica, è un altro caso di guarigione dal virus. Sostiene di averlo contratto durante una riunione di lavoro. «All'inizio i sintomi erano lievi», spiega. Poi, però, la situazione è peggiorata. Quando ha iniziato ad avvertire "fame d'aria", è stato trasferito all'ospedale universitario di Zurigo. «Ho capito che era qualcosa di grave». Sull'ambulanza, aggiunge «nessuno era seduto sul retro assieme a me. E tutti erano protetti con una maschera, guanti e tuta».

L'isolamento gli è stato imposto anche in ospedale. «Le misure erano molto severe», assicura. Era trasportato in sedia a rotelle dal personale infermieristico e non gli era permesso di camminare da solo. Anche nella stanza, tutti si tenevano a debita distanza. «Gli infermieri spesso mi chiamavano e raramente venivano personalmente».

Nel frattempo M. è di nuovo in salute, può uscire e lavorare. Tuttavia, è attualmente "confinato a casa" come previsto dal suo datore di lavoro.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
10 ore
Berset vuole fare un "regalo" ai non vaccinati
Certificato di un anno per i guariti. E test sierologici parificati ai molecolari. La proposta è sul tavolo, ma...
SVIZZERA
12 ore
Caso Mozambico, Credit Suisse alla cassa
L'Istituto elvetico pagherà circa 475 milioni alle autorità americane e britanniche.
SVIZZERA
14 ore
«Sul turismo degli acquisti abbiamo sbagliato»
Berna ha ammesso «parziali carenze» nella gestione delle multe all'inizio della pandemia.
SVIZZERA
17 ore
Vaccino di buon mattino? Potrebbe essere più efficace
Lo dimostra un recente studio condotto dall'Università di Ginevra.
BERNA
17 ore
Alpinista morto sulla Jungfrau
È finito in un crepaccio: il corpo è stato trovato a una profondità di circa 27 metri
SVIZZERA
20 ore
Certificato sulle piste: «Non è l'associazione di categoria che decide»
«È presuntuoso dire già che non ci sarà un obbligo di Covid-pass sulle piste. Sarà il Consiglio federale a decidere».
SVIZZERA
20 ore
Positivi in forte aumento, decessi e ricoveri in calo
Stando all'aggiornamento dell'UFSP, sono due i nuovi decessi avvenuti a causa di un decorso infelice della malattia.
SVIZZERA
20 ore
In Svizzera si scierà senza certificato Covid
Lo ha deciso l'associazione di categoria degli impianti. Sulle funivie sarà invece obbligatoria la mascherina
SVIZZERA
22 ore
Berna autorizza una manifestazione contro il certificato Covid
I promotori si sono impegnati a rispettare un piano di sicurezza. E sconsigliano di prendere parte a proteste abusive
SVIZZERA
22 ore
I ghiacciai perdono ancora terreno, nonostante la neve e l'estate fresca
Nel 2021 hanno perso l'1% del loro volume, come rilevato dall'Accademia svizzera di scienze naturali
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile