lettore 20minuten
BERNA
19.03.20 - 00:070
Aggiornamento : 11:48

Infermiera sanzionata: «Pagherò la multa per te»

Causa direttive federali, i dipendenti dell'ospedale devono recarsi al lavoro in auto. Anche se i posteggi scarseggiano

In assenza di parcheggio una donna ha chiesto invano comprensione. Ha ricevuto una multa, ma anche un bel gesto di solidarietà

BERNA - Lo staff medico dell'Inselspital di Berna sta lavorando a pieno regime a causa del coronavirus. Il personale infermieristico è particolarmente provato in un periodo in cui la sua giornata lavorativa raggiunge 12 ore. Causa disposizioni federali, inoltre, deve prediligere gli spostamenti con l'auto privata al posto dei mezzi pubblici.

Anja F.* aderisce a questa richiesta, anche se ultimamente i posteggi nell'area dell'ospedale scarseggiano. Con un bigliettino amichevole, l'infermiera 28enne ha così cercato di informare la polizia circa la sua situazione eccezionale. «Capisco che state solo facendo il vostro lavoro... come me», recita la sua lettera, indirizzata agli agenti, e posta in maniera visibile dietro il parabrezza della sua auto. In essa cerca di spiegare il suo caso, quindi conclude: «Per favore, sii clemente con me».

Eppure, tornata alla sua auto dopo un lungo turno in ospedale, la donna si è ritrovata lo stesso la temuta multa. Il motivo? L'auto era stata nel posto sbagliato per troppo tempo. Accanto alla sanzione, ha trovato anche una nota scritta a mano: «Ho cercato invano di fermare la poliziotta. Se vorrà pagherò la multa per lei».

Il pezzo di carta l'ha toccata: «È incredibilmente bello riscontrare della solidarietà nelle persone». L'infermiera non ha esitato a contattare il numero sul biglietto: «L'ho ringraziato, ma ho rifiutato».

Il benefattore, attualmente, lavora da casa. «Ho visto la poliziotta che stava cercando di multare la mia auto, ma sono riuscito a fermarla spiegandole la situazione d'emergenza», ha spiegato il bernese a 20 Minuten. In seguito si è reso conto della multa sull'auto dell'infermiera. «Non l'ho ritenuta giusta. Aveva molte più ragioni di me per non essere penalizzata». 

L'operatrice sanitaria, in ogni caso, non è arrabbiata con la poliziotta: «Ma mi fa pensare che la solidarietà, in questa circostanza, sia venuta meno. Non capisco tuttavia la politica del parco auto attorno all'Inselspital. In una situazione del genere...».

La donna però non dovrà più preoccuparsi dei posteggi. La direzione dell'Inselspital si è già occupata della questione. E per i dipendenti, ora, le cose andranno meglio.

* Nome noto alla redazione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
19 min
Al take-away con la gamella
Greenpeace esorta la popolazione a sostenere bar e ristoranti, ma prestando attenzione all'ecologia
SVIZZERA
1 ora
Ad aprile Swiss cancella 9'200 voli
Sono oltre 43'000 i passeggeri interessati dalla misura dovuta alla pandemia
Attualità
1 ora
«La Svizzera ha perso molto prestigio internazionale»
Lo dice l'ex presidente BNS Philipp Hildebrand, che invita la Confederazione a elaborare un piano d'azione
SVIZZERA
1 ora
Sarà un'estate di grandi eventi?
Il ministro della sanità Alain Berset intende autorizzarne lo svolgimento
SVIZZERA
2 ore
La Posta A continuerà a esistere
Il CEO della Posta: «Perché dovremmo tagliare un servizio apprezzato?»
SVIZZERA
2 ore
Per gli alberghi una stagione invernale da dimenticare
Il settore fa i conti con perdite milionarie. E al momento le prenotazioni per l'estate sono inferiori al 2019
FOTO
SAN GALLO
12 ore
«Mi hanno chiamato e mi hanno detto: “Ehi, la tua Ferrari sta bruciando”»
160mila franchi in fumo oggi sulla A13, il racconto del proprietario che... non era il conducente
ARGOVIA
14 ore
Arringa la folla di manifestanti anti restrizioni: docente cantonale licenziato in tronco
Per la direzione, non avrebbe dovuto presentarsi come insegnante. L'interessato: «Rifarei tutto».
FOTO
NEUCHÂTEL
15 ore
Manifestanti anti-misure in corteo a Neuchâtel
È già il secondo corteo quest'anno e c'erano circa 800 manifestanti
LUCERNA
16 ore
Il software per le tasse è un gran pasticcio, il Cantone si scusa in video
A Lucerna tanti problemi per il nuovo programma, soprattutto fra i senior: «Ci dispiace che si siano sentiti insultati»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile