lettore 20minuten
BERNA
19.03.20 - 00:070
Aggiornamento : 11:48

Infermiera sanzionata: «Pagherò la multa per te»

Causa direttive federali, i dipendenti dell'ospedale devono recarsi al lavoro in auto. Anche se i posteggi scarseggiano

In assenza di parcheggio una donna ha chiesto invano comprensione. Ha ricevuto una multa, ma anche un bel gesto di solidarietà

BERNA - Lo staff medico dell'Inselspital di Berna sta lavorando a pieno regime a causa del coronavirus. Il personale infermieristico è particolarmente provato in un periodo in cui la sua giornata lavorativa raggiunge 12 ore. Causa disposizioni federali, inoltre, deve prediligere gli spostamenti con l'auto privata al posto dei mezzi pubblici.

Anja F.* aderisce a questa richiesta, anche se ultimamente i posteggi nell'area dell'ospedale scarseggiano. Con un bigliettino amichevole, l'infermiera 28enne ha così cercato di informare la polizia circa la sua situazione eccezionale. «Capisco che state solo facendo il vostro lavoro... come me», recita la sua lettera, indirizzata agli agenti, e posta in maniera visibile dietro il parabrezza della sua auto. In essa cerca di spiegare il suo caso, quindi conclude: «Per favore, sii clemente con me».

Eppure, tornata alla sua auto dopo un lungo turno in ospedale, la donna si è ritrovata lo stesso la temuta multa. Il motivo? L'auto era stata nel posto sbagliato per troppo tempo. Accanto alla sanzione, ha trovato anche una nota scritta a mano: «Ho cercato invano di fermare la poliziotta. Se vorrà pagherò la multa per lei».

Il pezzo di carta l'ha toccata: «È incredibilmente bello riscontrare della solidarietà nelle persone». L'infermiera non ha esitato a contattare il numero sul biglietto: «L'ho ringraziato, ma ho rifiutato».

Il benefattore, attualmente, lavora da casa. «Ho visto la poliziotta che stava cercando di multare la mia auto, ma sono riuscito a fermarla spiegandole la situazione d'emergenza», ha spiegato il bernese a 20 Minuten. In seguito si è reso conto della multa sull'auto dell'infermiera. «Non l'ho ritenuta giusta. Aveva molte più ragioni di me per non essere penalizzata». 

L'operatrice sanitaria, in ogni caso, non è arrabbiata con la poliziotta: «Ma mi fa pensare che la solidarietà, in questa circostanza, sia venuta meno. Non capisco tuttavia la politica del parco auto attorno all'Inselspital. In una situazione del genere...».

La donna però non dovrà più preoccuparsi dei posteggi. La direzione dell'Inselspital si è già occupata della questione. E per i dipendenti, ora, le cose andranno meglio.

* Nome noto alla redazione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VIDEO
BERNA
32 min
Luci e colori tornano su Palazzo federale
Lo spettacolo "Rendez-vous Bundesplatz" si china su temi legati al cambiamento climatico
SONDAGGIO
SVIZZERA
2 ore
La Svizzera come l'Irlanda: «Sigarette a quindici euro»
Le associazioni attive nella prevenzione suggeriscono di prendere spunto dall'esempio estero
SVIZZERA
2 ore
Manifestazioni in diverse città svizzere
Proteste contro i provvedimenti anti-Covid. Ma a Berna è sceso in piazza il fronte opposto
SVIZZERA
3 ore
La panne ha messo k.o. soprattutto i certificati esteri
Il guasto si è verificato durante alcuni lavori di manutenzione da parte dei tecnici dell'Ue
SVIZZERA
5 ore
I Verdi liberali puntano al Governo federale
Lo ha affermato il presidente Jürg Grossen nell'ambito dell'odierna assemblea dei delegati
SVIZZERA
6 ore
La Svizzera esclusa (in parte) dal turismo asiatico
Swiss non può volare a Singapore. Il motivo: non ci sono ancora abbastanza cittadini con due dosi di vaccino
SAN GALLO
6 ore
Completamente ubriaco, si addormenta in auto... in mezzo alla strada
È successo questa mattina alle cinque a San Gallo. La sua patente straniera è stata annullata
SVIZZERA
7 ore
Carrozze a prova di tifosi
Le FFS ne stanno preparando 35. Saranno usate per il trasporto dei tifosi diretti alle partite in trasferta
Glarona
9 ore
Omicidio a Netstal: trovata morta in un parcheggio una 30enne
Il presunto autore si è consegnato alla polizia in seguito all'atto
SVIZZERA
9 ore
I malati di Long-Covid in campo per convincere i non vaccinati
L’UFSP si prepara per la sua offensiva di vaccinazione e cerca persone ancora affette dagli strascichi della malattia.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile