keystone (archivio)
BERNA
18.02.20 - 20:330

La ginevrina con cittadinanza revocata non può entrare in Svizzera

I suoi legami passati con l'ISIS le hanno chiuso le poste anche del Principato del Liechtenstein

BERNA - L'Ufficio federale di polizia (fedpol) ha avviato una procedura per vietare l'ingresso in territorio svizzero a una trentenne francese nata a Ginevra. La donna è già stata oggetto di una procedura di ritiro della cittadinanza svizzera in seguito ai suoi legami con l'ISIS.

Le autorità federali non sanno dove si trovi attualmente la donna, riferisce oggi il Foglio Federale. La Segreteria di Stato della migrazione (SEM) ha avviato nell'ottobre scorso la procedura per ritirarle la cittadinanza svizzera; procedura contro la quale non sembra essersi opposta. All'epoca la SEM aveva indicato che avrebbe potuto trovarsi in Siria.

La trentenne è originaria del villaggio vodese di Berolle e ha ancora la nazionalità francese. Ha ora tempo fino al 3 di marzo per intervenire presso fedpol e prendere posizione sul suo divieto di entrare in territorio svizzero e del Principato del Liechtenstein.

La fuga in Siria - All'inizio di gennaio, i media hanno riferito che la donna è nata e cresciuta a Ginevra. Nel 2016 è partita per la Siria nei territori sotto il controllo del sedicente Stato islamico (Isis) con le sue due figlie maggiori all'insaputa dei due padri. Lì era sposata con un combattente ucciso in un raid di droni nel 2018.

In base alla legge, la SEM può ritirare la cittadinanza svizzera a chi possiede una doppia nazionalità e leda gravemente gli interessi o la reputazione della Svizzera, compromettendo di conseguenza la sicurezza del Paese. È il caso, ad esempio, di persone che abbiano commesso un reato grave nell'ambito di attività terroristiche o di estremismo violento.

Il ritiro del passaporto rosso crociato è possibile solo se la persona interessata possiede un'altra nazionalità, per evitare di creare degli apolidi, operazione vietata dal diritto internazionale.

In gennaio la SEM ha riferito di «meno di cinque procedure» in corso riguardanti il ritiro della nazionalità svizzera per «persone in relazione al conflitto siriano» - cioè sostenitori dell'Isis. Un'altra quindicina di casi sono in fase di valutazione.

Altri casi - Dalla Seconda guerra mondiale, la giovane franco-ginevrina è la seconda persona a cui viene revocato il passaporto svizzero. Il primo caso, dello scorso settembre, ha riguardato uno svizzero-turco che ha fatto propaganda e reclutato combattenti a favore di un'organizzazione islamista vietata, ed è stato condannato a una pena detentiva di diversi anni per legami con l'ISIS.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
8 ore
Quando il contagio passa al conducente: «Non possiamo dire alla gente di non salire»
Fra chi si ammala di Covid-19 e chi ha paura per i suoi cari, AutoPostale: «Siamo sotto pressione»
SVIZZERA
12 ore
Covid-19: la fiducia degli svizzeri in Berna è cresciuta
Lo sostiene un sondaggio della Ssr, in Ticino una maggioranza vorrebbe obbligatorie le mascherine quando si esce
SVIZZERA
13 ore
Lufthansa ristruttura e anche la flotta di Swiss sarà ridotta
Le misure di risparmio introdotte per far fronte alla pandemia toccheranno anche la compagnia rossocrociata
ZURIGO
14 ore
Tossisce contro un poliziotto, arrestato
L'uomo faceva parte di un gruppo che stava molestando i passanti a Winterthur ieri sera.
SVIZZERA
15 ore
Anche Raiffeisen vede nero: il PIL elvetico crollerà
Una tabella mostra il confronto delle previsioni con gli altri Istituti economici
SVIZZERA
15 ore
L'economia pressa il Governo
I democentristi chiedono al Consiglio federale di discutere una «apertura con misure di protezione specifiche».
SVIZZERA
17 ore
Il coronavirus potrebbe costare fino a 35 miliardi di valore aggiunto
Anche dopo l'allentamento delle misure, l'impatto dipenderà molto dal contesto economico internazionale.
BERNA
18 ore
Controlli di polizia rafforzati durante la Pasqua
Il Governo federale spiega il lavoro della polizia durante l'emergenza Covid-19
SVIZZERA
18 ore
«Non privilegiare l'aviazione rispetto agli altri settori»
La richiesta arriva da 46 gruppi, divisi tra organizzazioni e partiti politici
SVIZZERA
19 ore
Il virus rallenta in Svizzera
Il nostro Paese ha una delle più alte incidenze in Europa, ma la curva epidemica sembra appiattirsi.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile