keystone-sda.ch (TELENEWS)
SVIZZERA
31.01.20 - 15:170
Aggiornamento : 16:02

Coronavirus: 10 svizzeri lasceranno la Cina a breve

In totale in questi giorni sono circa 500 i cittadini svizzeri in viaggio nelle zone interessate iscritti su "Itineris"

di Redazione
ats

BERNA - Sono 10 i cittadini elvetici che a causa dell'epidemia di coronavirus vogliono tornare in patria: il rientro avverrà nei prossimi giorni grazie alla collaborazione con la Francia, ha indicato oggi Hans-Peter Lenz, capo del Centro di gestione delle crisi del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) alla stampa.

Lenz ha precisato che il DFAE sta coordinando tutto quanto avviene a livello di ambasciate all'estero e si occupa anche della comunicazione tra i vari dipartimenti. Al momento, ha precisato, sono circa 500 i cittadini svizzeri in viaggio in Cina iscritti su "Itineris", il portale del DFAE su cui registrarsi quando si viaggia all'estero. Di essi una decina si trovano nella provincia di Hubei, dove si trova la città di Wuhan.

La Confederazione non dispone di personale in quella regione, ha indicato Lenz, precisando che questi cittadini svizzeri sono tuttavia in costante contatto via telefono, per email o via chat con gli specialisti del DFAE. Al momento sono tutti in buona salute e sono al sicuro.

Lunedì 26 gennaio uno di essi ha inoltrato alle autorità elvetiche una richiesta di rimpatrio e nel frattempo le persone interessate sono diventate 10. Tre di essi sono nella città di Wuhan, le altre sette ad alcune ore di macchina dall'epicentro dell'epidemia.

Il DFAE ha immediatamente reagito, prendendo contatto con altri paesi, ad esempio Germania o Francia, che hanno molti più cittadini nella regione di Wuhan e dispongono quindi di più mezzi. La Francia ha messo a disposizione degli svizzeri una decina di posti sul suo secondo volo di rimpatrio: un primo aereo ha già raggiunto Marsiglia questo pomeriggio. "Siamo estremamente grati a Parigi per questo aiuto", ha affermato il direttore dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) Pascal Strupler.

Lenz ha aggiunto che i 10 cittadini elvetici dovranno raggiungere entro domani in giornata il consolato francese a Wuhan: le sette persone che vivono fuori città devono organizzarsi autonomamente, anche se il DFAE ha fornito loro tutti i documenti e i lasciapassare necessari a certificare che hanno un volo pronto a portarli fuori dalla Cina. La situazione a livello di viabilità è al momento molto limitata, con check point e controlli ovunque.

Il volo, che è già stato posticipato due volte, dovrebbe partire da Wuhan nella notte tra sabato e domenica - "potremo dirlo con sicurezza solo quando sarà decollato", ha detto Lenz - e sarà presumibilmente diretto a Marsiglia. La quarantena, alla quale dovranno sottostare anche i cittadini svizzeri, verrà organizzata in una non meglio precisata località del Sud della Francia.

Interpellato da un giornalista in merito alla credibilità dei dati e delle informazioni fornite dalla Cina, il capo della Divisione malattie trasmissibili dell'UFSP Daniel Koch ha affermato «ci fidiamo di quanto ci dicono». Lenz ha dal canto suo aggiunto che le autorità cinesi sembrano davvero comunicare tutto quanto sanno. «Naturalmente - ha precisato - in una tale situazione di emergenza nessun paese al mondo è in grado di fornire dati corretti e aggiornati in tempo reale», ma Pechino sta facendo tutto il possibile.

Koch ha tenuto a precisare che se nel paese asiatico il coronavirus infuria, al di fuori dei suoi confini non si può ancora parlare di epidemia, in nessuno stato. Anche se dovesse prima o poi verificarsi un caso positivo in Svizzera non si potrebbe parlare di epidemia. Malgrado ciò tutti i paesi stanno lavorando e collaborando per prepararsi a questa eventualità. L'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ieri sera ha dichiarato l'emergenza globale.
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
«Tutte le aziende in crisi vanno aiutate, anche quelle nuove»
Il Consiglio Nazionale vuole togliere il limite temporale del primo ottobre per la richiesta dei casi di rigore.
SAN GALLO
3 ore
Tragedia sfiorata a un passaggio a livello
A Staad un bambino di tre anni ha attraversato le rotaie proprio mentre transitava un treno.
SVIZZERA
3 ore
Blocher: «Non sottomettiamoci ai diktat del Governo»
Il plenum dovrà decidere se iscrivere nella legge la data del 22 marzo per riaprire ristoranti e altre attività.
SVIZZERA
4 ore
I “milionari della mascherina” sostituiscono quelle non usate gratis
La Farmacia dell'esercito aveva acquistato il materiale dalla Emix Trading AG, ma l'aveva poi ritirato precauzionalmente
SVIZZERA
6 ore
Gli svizzeri sono d'accordo con le misure anti-coronavirus
È quanto emerge da un sondaggio. Oltre la metà degli intervistati si dice soddisfatta delle disposizioni
SVIZZERA
6 ore
Il settore degli eventi «con un piede nel baratro»
Soltanto nel 2020 sono stati cancellati oltre 17'000 progetti, con un calo del fatturato del 57%
SVIZZERA
7 ore
In Svizzera altri 2'744 contagi e 16 morti nel weekend
Il tasso di positività dei test Covid è attualmente pari al 4,3%
SVIZZERA
8 ore
Soldatesse “influencer” per motivare le donne
Ecco le proposte per aumentare la quota femminile dell'esercito svizzero
LUCERNA
8 ore
Al volante con il 3,28 per mille
Un automobilista di 51 anni è stato fermato a causa della sua guida pericolosa sabato sera a Emmenbrücke.
SVIZZERA
10 ore
Un 8 marzo a tutto tondo
Un giorno per celebrare le conquiste delle donne, ma anche per non dimenticare quante cose possono migliorare
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile