Keystone
VAUD
22.01.20 - 13:510

Vittoria di Michael Lauber contro l'autorità di sorveglianza dell'MPC

Il Tribunale federale non è entrato in materia sul ricorso

di Redazione
ats

LOSANNA - Il Tribunale federale (TF) non è entrato in materia su un ricorso dell'Autorità di vigilanza del Ministero pubblico della Confederazione (AV-MPC) contro una decisione del Tribunale amministrativo federale (TAF) secondo la quale l'indagine disciplinare contro il procuratore generale Michael Lauber non poteva essere affidata a un esperto esterno.

Il 9 maggio del 2019 l'AV-MPC ha avviato un procedimento disciplinare contro Lauber e incaricato il professor Peter Hänni di dirigere l'indagine. Quest'ultima riguarda gli incontri informali tra Lauber e il presidente della FIFA Gianni Infantino in relazione al procedimento del MPC contro ex alti funzionari del calcio.

Nel luglio seguente Hänni, professore ordinario emerito di diritto costituzionale e amministrativo, ha deciso che gli avvocati del procuratore generale - Lorenz Erni e Francesca Caputo - non potevano essere ammessi per conflitto di interessi, dato che nel caso FIFA difendevano anche gli interessi dell'ex presidente Sepp Blatter.

Michael Lauber e i suoi legali hanno portato la questione al TAF, che non è entrato in materia sul ricorso ma ha constatato che l'AV-MPC non avrebbe potuto delegare l'indagine disciplinare a Hänni, poiché non vi erano le basi legali per farlo. Di conseguenza andava annullata anche la decisione di non ammettere Ernie e Caputo quali difensori del procuratore generale.

L'AV-MPC ha quindi impugnato tale conclusione davanti al TF. La Prima Corte di diritto sociale del TF non è però entrata in materia: nella sentenza pubblicata oggi constata che, in base alla legge sul Tribunale federale, l'AV-MPC non ha il diritto di ricorrere in appello. Da un lato, questa autorità non ha personalità giuridica. D'altra parte, non figura fra gli organi espressamente menzionati dalla legge.

In seguito alla decisione del TAF, l'AS-MPC ha indicato che riprendeva la direzione dell'indagine disciplinare, al fine di garantire una procedura obiettiva ed equa.

In un comunicato odierno l'Autorità di vigilanza dice di prendere atto della decisione della corte suprema, sottolineando che essa non concerne in alcun modo il procedimento disciplinare nei confronti di Lauber. Fino alla conclusione dell'indagine l'AV-MPC non si pronuncerà in merito al procedimento in corso. L'Autorità di vigilanza «si rammarica della decisione del TF poiché le questioni giuridiche che si pongono rimangono senza risposta».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / REGNO UNITO
2 ore
Dipendente si ferisce, multa a Nestlé
Sanzione da 600mila sterline contro la multinazionale
SVIZZERA
2 ore
Il vaccino anti-Covid guadagna consensi
In ottobre la percentuale dei favorevoli era al 16%, ora è salita al 41%.
SVIZZERA
2 ore
Vaccinati i primi consiglieri federali
Nell'ambito di un'azione privata, oggi il preparato è stato somministrato ad alcuni membri del Governo
SVIZZERA
3 ore
Un test negativo per entrare in Svizzera?
È la proposta avanzata dalla Commissione della sanità e socialità del Consiglio nazionale
SVIZZERA
3 ore
Se c'è in gioco la variante, in quarantena anche il contatto del contatto
È quanto raccomanda l'Ufficio federale della sanità pubblica per contrastare la diffusione del virus mutato
SVIZZERA/GERMANIA
4 ore
Il tampone obbligatorio ai frontalieri potrebbe avere un «forte impatto negativo»
La commissione dell'Alto Reno chiede un regime eccezionale rispetto alle misure introdotte da Berlino
SVIZZERA
5 ore
«Misure anti-coronavirus efficaci»
È il parere della task force scientifica in merito agli approcci cantonali durante l'autunno 2020
SVIZZERA
6 ore
Niente svendita all'estero degli immobili delle imprese in difficoltà
È l'obiettivo che si propone un'iniziativa della Commissione degli affari giuridici del Consiglio nazionale
SVIZZERA
6 ore
In Svizzera altri 2'396 casi di coronavirus
Le autorità sanitarie federali segnalano anche 66 nuovi decessi e 139 ospedalizzazioni
SVIZZERA
6 ore
La BNS vuole assicurarsi il marchio "e-franco"
Si tratta di una possibile versione digitale del franco
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile