Immobili
Veicoli
Keystone (archivio)
ARGOVIA
23.12.19 - 12:130

Caso Freddy Nock, fioccano i ricorsi

La condanna a due anni e mezzo di carcere per aver cercato di uccidere la moglie scontenta tutti: il Ministero pubblico voleva una pena più severa, mentre la difesa difesa chiedeva l'assoluzione

di Redazione
ats

AARAU - La condanna in primo grado di Freddy Nock a due anni e mezzo di prigione da parte del Tribunale distrettuale di Zofingen (AG) per aver cercato di uccidere la moglie scontenta tutti. Sia il Ministero pubblico, che chiedeva per il funambolo 55enne sette anni e mezzo di carcere, sia la difesa, che domandava l'assoluzione, hanno deciso d'impugnare la sentenza e ricorrere in appello.

La procura argoviese ha comunicato di oggi di voler leggere le motivazioni scritte della sentenza. Dal canto suo, anche il legale dell'acrobata ha indicato all'agenzia Keystone-ATS di aver presentato ricorso.

Il Ministero pubblico si era mosso in seguito a una denuncia della consorte, per fatti che risalgono agli anni 2008, 2013 e 2014. Ha incriminato Nock per una serie di accuse che comprendono anche la ripetuta esposizione a pericolo della vita altrui e le tentate lesioni personali, rimproverandogli di aver reso la vita della donna un inferno.

L'11 dicembre la corte di prima istanza ha riconosciuto colpevole l'uomo di tentato omicidio intenzionale, lasciando cadere gli altri capi d'accusa. Secondo la sentenza, Nock deve scontare dietro le sbarre 10 mesi, mentre i rimanenti 20 sono sospesi con la condizionale per un periodo di prova di due anni.

Per l'imputato era scattata la carcerazione di sicurezza. Tuttavia, otto giorni dopo la condanna, è stato rilasciato: la commissione dei ricorsi del Tribunale cantonale è arrivata alla conclusione che non esiste un rischio di fuga e di recidiva.

La difesa di Nock puntava all'assoluzione. A suo avviso, gli episodi di violenza nei confronti della moglie non sono dimostrati e l'intenzione di uccidere è un'invenzione della procura. Per la corte le dichiarazioni della donna sono invece credibili, autentiche e senza contraddizioni.

Secondo la ricostruzione, Nock avrebbe premuto con entrambe le mani un cuscino sul volto della moglie - oggi 44enne - per soffocarla e quando questa si è finta morta l'avrebbe colpita più volte con pugni al viso. In un'altra occasione, l'avrebbe sollevata sulla ringhiera delle scale di casa, minacciandola di farla cadere.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Fran 2 anni fa su tio
Schifoso.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
2 ore
«L'autista mi ha chiesto di fare sesso»
Uber nella bufera dopo lo sfogo su Instagram di un'utente molestata. Le testimoniante di altre quattro donne
SAN GALLO
3 ore
Si schianta in moto, muore 61enne
Incidente fatale questa sera a Eggersriet. La vittima è un cittadino italiano
VALLESE
4 ore
«Tra madre e figlio c'erano tensioni»
Tragedia familiare a Sierre. Il 14enne fermato sarebbe affetto da autismo
BASILEA
6 ore
Roche: tre kit diagnostici per il vaiolo delle scimmie
Sono disponibili nella maggior parte dei paesi e permettono d'identificare questi virus "d'importazione"
BASILEA CAMPAGNA
7 ore
Risolto il mistero del pollice mozzato
Il dito apparteneva a un operaio che se l'era reciso con una smerigliatrice.
BERNA 
9 ore
Berna vuole confiscare il ricco patrimonio di Yuriy Ivanyushchenko
I beni dell'oligarca ed ex parlamentare ucraino in Svizzera ammontano a oltre 100 milioni di franchi
VALLESE
10 ore
Un bimbo scomparso (e ritrovato) a stretto giro... di Posta
Il piccolo di sette anni era sfuggito al controllo della mamma per farsi un giro sull'Autopostale.
SVIZZERA
12 ore
Molestata dall'autista, Uber si scusa
È successo a una donna di Basilea. Dopo lo sfogo su Instagram, l'azienda ha preso provvedimenti
VAUD
13 ore
Suicidio collettivo a Montreux: il 15enne è fuori pericolo
Le condizione dell'adolescente sono stabili, rimane comunque sotto osservazione medica.
VALLESE
14 ore
Dramma familiare a Sierre: un morto
Durante la notte tra domenica 22 e lunedì 23 maggio, un adolescente ha ferito mortalmente la madre di 41 anni.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile