Keystone (archivio)
ZURIGO
12.12.19 - 22:180

Un ordigno inesploso crea il caos a Hinwil

La munizione si trovava nel centro logistico dell'esercito ed è stata messa in sicurezza e rimossa in serata dagli specialisti. L'area è stata off-limits per almeno mezz'ora

di Redazione
ats

ZURIGO - Nel centro logistico dell'esercito a Hinwil (ZH) un ordigno esplosivo è stato messo in sicurezza e rimosso nella tarda serata di oggi. Per motivi di sicurezza, un'area limitata è stata chiusa e i residenti sono stati informati. Lo ha comunicato questa sera la polizia cantonale di Zurigo, precisando di essere stata informata della necessità dell'operazione poco dopo le 12.00.

Si trattava di una munizione inesplosa, ha detto un portavoce della polizia a Keystone-ATS. La polizia cantonale zurighese e l'Istituto forense di Zurigo si sono recati sul posto per assistere gli specialisti dell'esercito nelle loro valutazioni e per adottare le misure necessarie.

Per motivi di sicurezza, alle ore 20.45 per circa mezz'ora in una area limitata, ai residenti di una decina di edifici sono state fornite istruzioni sul comportamento da tenere. Inoltre, la linea ferroviaria e la Zurichstrasse tra Hinwil e Wetzikon sono state temporaneamente chiuse nel tratto interessato.

L'ordigno esplosivo è stato caricato in uno speciale container da specialisti del Centro di competenza per l'eliminazione di munizioni inesplose e lo sminamento (KAMIR) con un manipolatore telecomandato per essere poi distrutto, ha detto la polizia cantonale di Zurigo. Le misure di sicurezza adottate non hanno costituito un pericolo per la popolazione o per il personale militare.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VAUD
31 min
Falso allarme bomba all’ospedale, fermato un adolescente
Il giovane è stato identificato e ascoltato ieri dalla polizia. Tutto sarebbe nato da un malinteso
ZURIGO
1 ora
«In ogni angolo della Svizzera ci sono dei sopravvissuti alla Shoah»
Si celebra oggi il 75° anniversario della liberazione di Auschwitz. La responsabile della fondazione elvetica Gamaraal: «Siamo in una fase critica»
ZURIGO
14 ore
Coronavirus, due casi sospetti a Zurigo
Due persone che recentemente hanno soggiornato in Cina si trovano al momento in quarantena al Triemli-Spital
BERNA
14 ore
Fermati due scassinatori di distributori automatici
Si tratta di un 27enne e di un 28enne, fermati da una pattuglia di polizia a Unterseen
DAVOS
15 ore
La delegazione del Congo non ha pagato l'hotel
Al WEF l'entourage del presidente Félix Tshisekedi ha soggiornato ad Arosa. Ma è ripartito senza saldare il conto
SVIZZERA
20 ore
La pornografia dura aumenta il rischio di violenza sulle donne
Diversi esperti concordano: il consumo regolare di pornografia può generare un effetto di assuefazione che abbassa l'asticella del tollerabile
SVIZZERA
20 ore
Coronavirus, Berna decide di alzare il livello di guardia
La Confederazione ha rafforzato l'obbligo di notifica: i casi sospetti saranno da segnalare entro due ore
ZURIGO
22 ore
Ricevono la disdetta e ritrovano i loro appartamenti su Airbnb
Un inquilino racconta l'incredibile vicenda e promette battaglia per restare nella sua casa
FOTO
SVIZZERA
23 ore
Altro duo per la presidenza del PS
I consiglieri nazionali Mathias Reynard e Priska Seiler Graf hanno deciso di correre insieme per la co-presidenza
GINEVRA
1 gior
Quei flirt (pericolosi) tra secondini e detenuti
L'ultimo caso è avvenuto nella prigione-ospedale Curabilis nel Canton Ginevra. Il più eclatante fu quello di Hassan Kiko e Angela Magdici
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile