20 Minuten
LUCERNA
16.10.19 - 10:210
Aggiornamento : 17:39

«Violenza per educare le donne», licenziato l'imam

L'iracheno aveva dichiarato in una preghiera che il ricorso a colpi leggeri nei confronti di una consorte indisciplinata può essere considerato lecito qualora il dialogo non dovesse avere effetto

KRIENS - L'imam della moschea "Dar Assalam" di Kriens (LU), salito alla ribalta per un sermone in cui avrebbe giustificato la violenza sulle donne a scopo educativo, non può più lavorare. Il consiglio dell'associazione che gestisce la moschea ha deciso di licenziarlo.

L'uomo, un iracheno di 38 anni, avrebbe dichiarato ai fedeli, in una preghiera del venerdì tenuta agli inizi di agosto, che il ricorso a colpi leggeri nei confronti di una consorte indisciplinata può essere considerato lecito qualora altre misure, come il dialogo, non dovessero avere effetto.

Sulla vicenda ha riferito il 7 ottobre la SonntagsZeitung e la scorsa settimana l'imam è stato fermato, interrogato e rilasciato. La Procura di Lucerna ha avviato un'indagine nei suoi confronti.

In una nota, l'associazione "Dar Assalam" indica oggi di aver licenziato l'imam «per rispetto delle Costituzioni della Svizzera e del canton Lucerna». Precisando che nei confronti del 38enne vale la presunzione d'innocenza, l'associazione scrive che nella moschea non si può diffondere odio, agitazione e violenza. I responsabili di "Dar Assalam" non intendono aprire le porte a predicatori radicali, ma vogliono un luogo di culto aperto alla preghiera per tutti.

L'associazione "Dar Assalam" fa capo alla Comunità Islamica di Lucerna (IGL), la quale riunisce otto associazioni islamiche. Nel cantone di Lucerna vivono circa 20'000 musulmani. La IGL ha preso posizione una settimana fa sulla vicenda distanziandosi dalle «prediche che invocano il crimine o la violenza».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
15 min
Moto, un primo semestre «sensazionale»
Lo sviluppo del settore a maggio e giugno è stato definito «esplosivo»
VAUD
2 ore
Coronavirus, personale sanitario ringraziato con... una spilletta
Il gesto non è piaciuto a molti dipendenti che hanno lavorato duramente nel periodo della crisi sanitaria.
SVIZZERA
10 ore
L'app SwissCovid non convince
Il 56% della popolazione non intende installarla sul proprio cellulare. C'è chi teme per la protezione dei dati.
SVIZZERA
15 ore
Svizzera e Stati Uniti a braccetto nello sviluppo di droni
Si mira in particolare a migliorare la loro integrazione in sicurezza nello spazio aereo
FOTOGALLERY
BASILEA CITTÀ
18 ore
Otto nuovi cuccioli allo zoo
Si tratta della discendenza più numerosa registrata negli ultimi 34 anni nel parco zoologico renano.
SVIZZERA
19 ore
Un trucchetto per avere treni puntuali? «No, non inganniamo i viaggiatori»
Le FFS smentiscono che l'evoluzione positiva della puntualità dei convogli sia dovuta al nuovo modello di calcolo.
FOTOGALLERY
VAUD
20 ore
10 anni e 1'000 operai, ma ora l'Abbazia è pronta
La più grande chiesa romanica del nostro Paese riaprirà al pubblico nel weekend.
SVIZZERA
20 ore
Coronavirus: le Pmi svizzere temono la seconda ondata
Per la maggioranza degli interpellati, il rischio è grande. Cresce però l'ottimismo su andamento degli affari e finanze.
ZURIGO
20 ore
Sgominata una baby gang specializzata in furti, truffe e borseggi
La banda composta da quattordici giovani tra i 17 e i 33 anni ha commesso più di 70 reati in tre cantoni.
BERNA
21 ore
La montagna "razzista" non deve cambiare nome
Il Municipio di Grindelwald non intende cambiare il nome all'Agassizhorn.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile