tipress (archivio)
BERNA
15.10.19 - 16:570

61 reati in due anni, giovane turco dovrà lasciare la Svizzera

Secondo i giudici la sua integrazione è fallita. Tra i reati vi sono lesioni personali, rapina e incendio intenzionale

BERNA - Un 25enne di origine turca dovrà lasciare la Svizzera dopo aver commesso 61 reati in due anni. Lo ha stabilito il Tribunale amministrativo bernese, respingendo un ricorso del giovane. La sua integrazione in Svizzera è fallita, sostengono i giudici.

Il Tribunale superiore bernese ha condannato il 25enne a 40 mesi di detenzione. Le autorità cantonali hanno così deciso di revocare il permesso di domicilio al giovane, che dovrà lasciare la Confederazione una volta scontata la pena.

Il cittadino turco ha provato ad opporsi alla decisione, ma senza successo, indica una sentenza resa nota oggi. Molti dei 61 reati commessi dall'uomo sono infatti ritenuti crimini violenti, tra cui lesioni personali, rapina e incendio intenzionale. Ciò, sostengono i giudici, dimostra una notevole energia criminale. Sulla decisione di revocare il permesso di domicilio prevale infatti l'interesse pubblico, anche i reati sono stati commessi in giovane età.

Giovane disturbato - All'età di 18 anni al cittadino turco erano stati riscontrati e diagnosticati disturbi della personalità, dipendenza da cannabis e consumo di cocaina e alcool con effetti dannosi. Anche se ha fatto progressi durante la terapia, il giovane è ancora a rischio di ricadute.

L'integrazione in Svizzera è dunque fallita, hanno stabilito le autorità cantonali bernesi, concludendo che un suo ritorno in Turchia «è ragionevole». Anche se non ha mai vissuto nel suo Paese d'origine, il 25enne ha molto in comune con esso e i suoi valori, come dimostra anche un suo tatuaggio.

Secondo le autorità, il giovane può pianificare un futuro in Turchia con il cugino, che in passato è stato suo complice e che il tribunale ritiene ancora un «prossimo confidente». Tuttavia, i giudici aggiungono che di recente il cugino è stato di nuovo arrestato.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 min
Covid-19, via libera per il nuovo test di Roche
Il test Elecsys IL-6 è già disponibile sui mercati
SVIZZERA
13 min
Servizio civile al Nazionale, coronavirus agli Stati
Ci sono però anche molti altri temi in agenda oggi alle due Camere federali
BASILEA CITTÀ
1 ora
Basilea istituisce un gruppo d'intervento per salvare la vita notturna
Lo ha deciso il Gran Consiglio. I liberali: «Non servirà a nulla, si chiuderà comunque a mezzanotte».
BERNA
8 ore
Quando le norme anti Covid-19 valgono solo a metà
La denuncia di una mamma: «Era impossibile acquistare il biglietto, il controllore è in cattiva fede».
SVIZZERA
11 ore
«Sicuri di vincere la causa con Swisscom»
Il Ceo di Sunrise è oltremodo positivo per quanto riguarda l'azione di risarcimento danni per oltre 350 milioni.
SVIZZERA
12 ore
Parrucchieri: da sabato saloni riaperti al 100%
Tutti gli spazi saranno sfruttabili. Le misure di sicurezza sono state adattate
BASILEA CITTÀ
12 ore
Gli stranieri possano votare e siano eleggibili: mozione accolta a Basilea
Il Cantone sarebbe il primo ad ammettere dei residenti non svizzeri a cariche elettive.
SVIZZERA
15 ore
«Lesbiche e gay devono potersi sposare»
Il dossier potrebbe slittare a settembre. Ma i gruppi parlamentari (eccetto l'UDC) sono d'accordo sul progetto
SVIZZERA
16 ore
Spazio al coworking in 80 stazioni regionali
Si tratta di una rete che sarà realizzata nei prossimi dieci anni dalle FFS in collaborazione con Village Office
BERNA
16 ore
Neonata nel sacco dei rifiuti, madre accusata d'infanticidio
Conclusa l'inchiesta per la vicenda che risale al gennaio del 2019
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile