keystone (archivio)
LUCERNA
07.10.19 - 10:360
Aggiornamento : 11:49

«Lecito colpire la moglie per educarla», Imam nei guai

Le affermazioni, proferite nella Moschea di Kriens, potrebbero sfociare in un procedimento penale

KRIENS - Le affermazioni, proferite nella Moschea di Kriens (LU), di un Imam di origine irachena, secondo cui è lecito compire leggermente la moglie per «educarla», potrebbero sfociare in un procedimento penale. La procura di Lucerna ha infatti avviato un'inchiesta a carico del 38enne religioso, come ha dichiarato la stessa autorità a Keystone-ATS, confermando una notizia pubblicata ieri dalla "SonntagsZeitung".

L'eventuale accusa sarebbe istigazione pubblica a commettere un delitto o un crimine (articolo 259 del Codice penale). Poiché si tratta di un reato la procura ha deciso di avviare un'inchiesta, hanno precisato le autorità, sottolineando che al momento il religioso gode della presunzione di innocenza.

I fatti, come riferito dal domenicale, risalgono a un venerdì dello scorso agosto, giorno di preghiera per i musulmani. Il ricorso a colpi leggeri nei confronti di una consorte indisciplinata, avrebbe dichiarato l'Imam, sarebbe lecito qualora altre misure, come il dialogo, non dovessero avere effetto. Egli avrebbe paragonato un simile provvedimento all'educazione dei bambini.

Stando al foglio zurighese, il predicatore sarebbe giunto in Svizzera nel 2007 in qualità di richiedente asilo. Nel 2015, le autorità avevano già indagato sull'uomo per presunte attività di sostegno al terrorismo, ma nel processo del 2016 davanti al Tribunale penale federale di Bellinzona era stato assolto. Tre altri iracheni accusati del medesimo crimine, erano invece stati condannati. L'Imam aveva ricevuto un indennizzo di 1092 franchi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Su Facebook spuntano i gruppi per aggirare la quarantena
A partire da oggi, chiunque ritorni in Svizzera dal Kosovo deve trascorrere dieci giorni in quarantena.
SAN GALLO
8 ore
Dispersi nella Thur, recuperati i corpi delle vittime
Erano intrappolati tra le pietre della cascata dalla forte pressione dell'acqua
SONDAGGIO
SVIZZERA
8 ore
L'autista? Per lui la mascherina non è un obbligo
Va usata, da oggi, sui trasporti pubblici. Ma alcuni pendolari si chiedono perché i conducenti non la indossino.
VAUD
10 ore
Abusò di 18 giovani donne: 15 anni al “guru del sesso”
Si tratta di un 66enne riconosciuto colpevole di una trentina di episodi commessi in dieci anni nel Canton Vaud
SVIZZERA
13 ore
La mascherina: ecco come ci cambia la vita
Da oggi sui mezzi pubblici è obbligatoria. Cosa significa per la nostra quotidianità?
SVIZZERA
15 ore
Fare pipì contro un muro gli è costato caro
Il giovane aveva subito un trauma cranico nel 2017 durante la festa della Vendemmia a Neuchâtel.
SVIZZERA
15 ore
Sui mezzi pubblici con la mascherina: «Bilancio positivo»
FFS e BLS si dicono molto soddisfatte: al primo giorno sono poche le persone senza protezione
SVIZZERA
17 ore
Meno di 50 nuovi contagi
Dall'inizio dell'emergenza i casi positivi registrati sono 32'315. I morti rimangono 1'686.
FOTO
SAN GALLO
18 ore
Dispersi nella Thur: «Per loro non ci sono più speranze»
I corpi del 30enne e della 26enne sono verosimilmente intrappolati sotto la cascata situata fra Brübach e Henau.
SVIZZERA
19 ore
Richiamate le mountain bike «Rocky Mountain»
I triangoli anteriori potrebbero incrinarsi e dare luogo a incidenti
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile